Acid Queens

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

 

acid

Se non è facile riassumere in un libro la storia degli ultimi cinquant’anni di musica mondiale, ancor meno deve esserlo imbattersi nella stesura di un libro che riguarda solo le regine della acid music, partendo dagli anni Sessanta arrivando ai giorni nostri. Eppure, Enrico Rocci, nel suo “Acid Queens – Viaggio tra le voci femminili della musica psichedelica”, ha deciso di cimentarsi in questa impresa regalandoci quattrocento pagine di quasi totale esperienza lisergica, conducendoci per mano nella storia di questo genere musicale attraverso le dive che ne hanno connotato lo stile. Da Grace Slik passando per Janis Joplin, arrivando ad Anneke van Giersbergen dei Gathering. Vengono analizzati gli album, i gruppi musicali, i tempi e lo stile che hanno segnato un’epoca e che continua a brillare nelle voci più contemporanee.
È un viaggio lungo, interessante, indicato per i veri appassionati del genere, o per tutti coloro che vogliono allargare le proprie conoscenze in questo campo. Una lettura dinamica che ti appassiona nelle prime pagine e che forse perde un po’ troppo mordente negli ultimi capitoli, ma che resta comunque interessante.
Lo stile è fluido, scorrevole e lineare. I periodi sono semplici e colloquiali, spesso l’autore si rivolge proprio al lettore, come a volerlo coinvolgere nei suoi pensieri più profondi, lasciandosi andare spesso anche ad opinioni personali su vari argomenti. Le regine della musica dominano incontrastate: lottano, emergono, fanno a pugni con i loro colleghi, o li amano follemente, talvolta cadono, si sporcano ma poi si rialzano, rinascono, e vincono.
È stato profondamente bello poterle amare tutte, indistintamente, attraverso le pagine di Enrico Rocci.

“Molti, invece, sono concordi nell’affermare che vi è stato un momento in cui il rock è diventato adulto, senza però perdere la sua innocenza”.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *