Esplorazione su XYZ

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

«Base terra, sono appena atterrato».
«Bene, Carlo, ricevuto. Incomincia la tua missione».
«Ma certo». Carlo aveva appena spento i motori e andò fino al portello. Lo aprì senza troppa fatica e uscì dallo space shuttle. Rimase stupito all’accorgersi di qualcosa. Via radio disse: «Chi l’avrebbe mai detto…».
«Che cosa?».
«La forza di gravità, c’è la forza di gravità!».
«Stiamo prendendo appunti».
«Bene. Io sto filmando tutto, invece. Poi vi invio il video».
«Perfetto».
Carlo si mise a passeggiare su quel vasto tavolato desertico, gli ricordava la Table Mountain di Città del Capo, ma quello era XYZ, ai confini del Sistema Solare.
Non si allontanò troppo dallo space shuttle, osservò ogni angolo di quella landa desolata, poi vide qualcosa che lo lasciò esterrefatto.
Nel terreno c’era un buco, era come un pozzo, ma più come un buco nero aspirava quel che c’era intorno.
Gli venne paura, decise di allontanarsi, ma solo che quella forza portentosa lo afferrò e lo attirò a sé. Carlo urlò, ma non poté fare nulla che finì nel buco.
Provò una sensazione orribile, con quel vento che sibilava e la paura che una qualche pietra lo colpisse se non che sbattesse contro una parete del pozzo.
Dopo attimi di paura, il pozzo lo espulse e Carlo, grazie alla poca forza di gravità presente, riuscì a non precipitare ma atterrare sulla polvere senza farsi male.
Picchiò gli stivali sulla sabbia grigia e si guardò attorno. Lo space shuttle non c’era, eppure quel paesaggio era molto simile, se non identico, a quello che si era lasciato alle spalle.
«Base terra, sono nei guai…».
«Cosa succede?». Per fortuna gli risposero.
«Che ci crediate o no, sono finito nel lato inferiore di XYZ. Cosa devo fare?».
Dalla base terra esitarono, poi ecco la replica. «Ti inviamo una missione di soccorso… ma dovrai aspettare dieci anni».
Carlo chinò il capo. Era finito.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Chi lo ha scritto

Kenji Albani

Kenji Albani è nato il 13 novembre 1990 a Varese (è italiano, nonostante il nome giapponese). Nel 2008 il suo racconto “Visite dall’aldilà” è stato segnalato al concorso indetto dalla Giulio Perrone Editore. Nel 2018 si è diplomato sceneggiatore di fumetti alla Scuola del Fumetto di Milano, nel 2020 si è laureato in scienze della comunicazione all’Università degli Studi dell’Insubria e sempre nel 2020 è arrivato finalista al concorso “Pergamene stellari” indetto dall’associazione culturale Yavin4 con il racconto “Un dinosauro tra quanta confusione”. Dal 2018 pubblica ebook con Delos Digital tra i quali l’antologia da lui curata “Dark Graffiti” e il saggio sulla Guerra Iran-Iraq “La primissima guerra del Golfo”. Nella primavera del 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, “1572”, con “L’Undicesimo Libro”. Solitamente pubblica racconti brevi su Wattpad, Inksection, Edizioni Open, L’Undici, Braku, IlMioLibro, L’Infernale, Racconticon e Writers Magazine Italia. Lavora come sceneggiatore di fumetti per Ilmiofumetto.it e articolista per Leggimela.

Perché non lasci qualcosa di scritto?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *