Matrimonio: tradizioni e scherzi dal mondo

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Matrimonio: tradizioni e scherzi dal mondo

S. Valentino si avvicina e chi, meglio di me, potrebbe rendere questa celebrazione ridicola e scovare le curiosità più assurde? Qualche anno fa sono stata in grado di rendere la Morte divertente, ora non mi resta che prendermi gioco dell’Amore. Eros e Thanatos, nell’antichità erano forze potenti, quasi invincibili. Credo sia ora di ridimensionarle e dare un calcio a tutte quelle storielle romantiche e strappalacrime.

Per fare questo, mi sono affidata ad amici e colleghi, qui a Londra. Sono sempre circondata da persone che vengono da ogni parte del mondo e, molto spesso, ci confrontiamo su quanto riguarda le tradizioni dei rispettivi Paesi di origine. Oggi ho deciso di chiedere: nel giorno del matrimonio, quali sono le trazioni più strane o divertenti?

Repubblica Ceca (by Kája) 

Parliamoci chiaro. Sposarsi, in alcuni paesi dell’Est Europa, è maledettamente divertente. Una delle tradizioni più diffuse in Repubblica Ceca è il “furto della sposa”. Dopo la cerimonia, parenti e amici nascondono la sposa e organizzano una sorta di caccia al tesoro per lo sposo. Per trovarla il giovanotto deve seguire gli indizi lasciati. Durante la ricerca, gli invitati devono continuare a bere fino a che i due novelli sposi non si sono ritrovati. Kája mi ha raccontato di una sua amica che non voleva farsi trovare. Per tenere lo sposo impegnato il più a lungo possibile, lei e la sposa si sono scambiate d’abito. Nel frattempo il poveretto ha girato vari locali, costretto a pagare un giro di drink per tutti i presenti. Altre due tradizioni interessanti si hanno durante il pranzo di nozze. Gli sposi devono mangiare una zuppa dalla stessa ciotola e con lo stesso cucchiaio, forato! A fine pasto, gli sposi devono rompere insieme dei piatti e pulire insieme, a simboleggiare l’unione della coppia nella vita matrimoniale.

Wedding Horo dance - Bulgaria

Wedding Horo dance – Bulgaria

Bulgaria (by Mladen)

Anche in Bulgaria la sposa diventa il centro del divertimento. Tra le varie tradizioni, forse ora meno in uso, lo sposo e i suoi amici devono recarsi alla casa della sposa e “comprare” la futura moglie. La ragazza viene “chiusa” in una stanza e la famiglia passa al compagno le sue scarpe, che lui dovrà riempire di soldi, più e più volte. In alternativa, si possono passare direttamente degli stivali da neve, molto più grandi e capienti. In alcuni casi, la sposa deve fare un’ultima danza, chiamata Horo, da donna celibe. A questo momento si uniscono anche parenti e vicini di casa. Dopo la cerimonia, che può essere religiosa o civile, la festa si sposta al ristorante. Qui, le mamme degli sposi offrono pane e miele al genero e alla nuora, per accoglierli nella loro famiglia. Infine, un tocco di superstizione per scoprire il sesso del primogenito. La sposa deve calciare un secchio colmo d’acqua con due fiori dentro, uno rosso (femmina) e uno bianco (maschio), quello che rotola più lontano, rappresenta il sesso del nascituro.

Danimarca (by Freja)

Anche dalla Danimarca arrivano delle fantastiche tradizioni che, però, non hanno al centro la sposa, ma la coppia. Tutto si svolge al ristorante, durante il pranzo di nozze. Per cominciare, lo sposo deve tagliarsi le punte dei calzini, a indicare che non corteggerà più altre donne. Ogni volta che gli ospiti fanno tintinnare i bicchieri, gli sposi si devono baciare. Ogni volta che gli ospiti battono i piedi a terra, la coppia si deve nascondere sotto il tavolo e baciarsi. Un’altra usanza abbastanza divertente mette al centro della scena le coppie presenti. Se una donna viene lasciata sola al tavolo dal compagno, tutti gli uomini presenti devono passare a baciarla sulla guancia. Lo stesso vale al contrario. 

Spagna (by Sheyla)

Ho chiesto Sheyla, un’amica di Madrid, conosciuta lo scorso anno, come ci si diverte nei matrimoni spagnoli. Che dire, anche loro adorano mettere in imbarazzo lo sposo. Dopo il matrimonio e il pranzo al ristorante, gli amici uomini, si mettono il rossetto più rosso che trovano e cominciano a baciare lo sposo, lasciando il segno sui vestiti. Poi spogliano lo sposo e lo lasciano letteralmente in mutante a vagare per casa in mezzo agli altri invitati. Prima di congedarsi, mettono a soqquadro la casa degli sposi, spesso saccheggiandola e lasciando solamente la carta igienica. Un’altra tradizione divertente e molto spagnola è lo sventolare di tovaglioli ogni volta che in sala entra del cibo o entrano gli sposi. 

La hora loca - Venezuela

La hora loca – Venezuela

Venezuela (by Carlos)

In Venezuela, come anche in altre parti del Sud America, la festa dura per ore, fino a notte fonda. Quando gli invitati sono brilli e a pancia piena, parte “La hora loca” (L’ora folle), dove gli sposi indossano cappelli decorati con pailettes, piume, brillanti e quanto di più eccentrico si possa immaginare. Agli invitati vengono dati occhiali giganti, collane, braccialetti al led. La musica diventa ancora più ritmata e ci si scatena, dando il meglio di se sulla pista da ballo. Spesso le coppie ingaggiano delle band dal vivo e preparano abiti incredibilmente bizzarri per l’occasione.

Lituania (by Ieva)

In Lituania ci sono vari oggetti utilizzati nel giorno del matrimonio. Ci sono le classiche fedi in oro accompagnate da un tradizionale bouquet di pianta di Ruta. Anni addietro la sposa indossava una coroncina di ruta che avrebbe poi passato alla sorella più giovane (un po’ come il tipico lancio del bouquet). Lo stesso fiore viene indossato dallo sposo o nel taschino dell’abito o sul cappello. Durante il pranzo di nozze, i genitori degli sposi, donano alla coppia un  candelabro o un souvenir, che rappresenti il focolaio domestico. Questo per simboleggiare calore e pace perenne in casa. Altri due doni sono il pane, per augurare una vita piena e soddisfacente e ricordare agli sposi che potranno sempre contare sulle loro famiglie, nel caso in cui ne avessero bisogno. In ultimo il sale, che rappresenta la vitalitá e energia che si trova in ogni nuova famiglia.

Vietnamese wedding croped

Vietnamese wedding croped

Vietnam (by Kim)

Non ci sono scherzi, nella tradizione vietnamita, ma è veramente affascinante il simbolismo rappresentato. La mia collega Kim mi ha raccontato del suo matrimonio tramite alcune fotografie (non è bellissima nel suo abito rosso?). Prima della celebrazione, lo sposo e la sua famiglia si presentano alla casa della sposa, portando in dono oro, frutta e carne, il tutto avvolto in un drappo rosso. Segue una preghiera che unisca le due famiglie. Vestita in questo colore la sposa si unisce allo sposo e, insieme, tornano alla casa dello sposo per presentarsi alla famiglia di lui. Da qui, la sposa cambia abito e si veste di bianco, per poi recarsi in chiesa e celebrare il vero e proprio matrimonio.

Corea del Sud (By Ji Hyun)

Pronti per un po’ di sano sfarzo? Ben venuti in Corea! La mia collega Ji-Hyun ha messo in chiaro le cose. Non ci sono grandi tradizioni, tra i giovani coreani. Ciò che conta è che il matrimonio sia sfarzoso e lussuoso. Non serve nemmeno andare al tempio. Tutto si svolge solitamente in un hotel, dove vengono affittate stanze e sale da ricevimento. Ai coreani (non tutti sia chiaro), piace il lusso. Se si viene invitati ad un matrimonio, chi si è sposato per primo deve poi ricambiare facendo una sorta di donazione a chi ha partecipato ed è ora in procinto di sposarsi. Solitamente sono i genitori della sposa a raccogliere il denaro tra amici e parenti. La regola del “dare e ricevere” è molto sentita in Corea. Sarebbe estremamente scortese non ricambiare il denaro speso dagli invitati. L’obbiettivo degli sposini è di organizzare un matrimonio all’apparenza estremamente costoso, in modo che gli invitati possano contribuire con  più soldi possibile e, di conseguenza, ammortizzare la spesa.

Queste sono solo alcune delle tradizioni che ho scovato nell’ultimo anno. Spero di avervi dato dei nuovi spunti per rendere il vostro matrimonio più cosmopolita. Quale tradizione vorreste adottare? 

Personalmente, io opto per il “furto della sposa”.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *