Il disinteressato

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Aveva un bel castello in campagna, con filari di uva, servitù e una buona biblioteca. Massimiliano amava quella biblioteca.

Un giorno scoprì la “Chanson de Roland “e mentre fuori Guglielmo il Conquistatore faceva una battaglia, lui lesse quell’opera, preferì concentrarsi sulle gesta di Rolando più che sugli spargimenti di sangue del re normanno.
Il giorno dopo scoppiò la guerra fra la Lega Lombarda e il Sacro Romano Impero. Federico Barbarossa scese in Italia e fece dei massacri, ma anche i comuni lombardi li fecero, e mentre il sangue si spargeva Massimiliano leggeva “La visione di Tungdalo”.

In Terra Santa divamparono le crociate, ma Massimiliano volle guardare più a oriente, lesse “Il Milione”. E poi, come un’epidemia scoppiò la guerra tra francesi e inglesi, ma lui preferì concentrarsi su “La Divina Commedia”.
Dopo la guerra tra francesi e inglesi, la guerra si spostò in Inghilterra con due rose insanguinate e lesse “Morgante” perché non c’era nulla di più bello che quell’opera.

Quando Martin Lutero diffuse l’eresia antiromana e scoppiarono guerre e disordini preferì leggere “La vita di Gargantua” e “Pantagruele”, invece quando ci fu la Guerra dei Trent’anni si disinteressò di tutto ciò concentrandosi sull’”Avventuroso Simplicissimus”.

In Europa, in Asia, ovunque scoppiarono nuove guerre e mentre si faceva quella dei Sette Anni preferì leggere “La vita e le strane sorprendenti avventure di Robinson Crusoe”. E poi ci furono le Guerre Napoleoniche, la Guerra di Crimea e le guerre in Italia, ma certo era meglio leggere “Guerra e pace”.

Il giorno dopo ci furono stermini inenarrabili, ma lui si interessò più che altro a “Il nome della rosa”. Scoccò un nuovo giorno, che per i più fu un millennio trascorso e le sabbie del vicino oriente si macchiarono di sangue fino a intridere il deserto di quell’umore, ma Massimiliano si discostò leggendo “Gomorra. Viaggio nell’impero economico e nel sogno di dominio della camorra”.

Dopo che ebbe letto che Roberto Saviano aveva usato un frigorifero come salvagente dall’immondizia della Campania, Massimiliano si alzò dalla poltrona, erano undici giorni che leggeva e andò a vedere i filari di uva dopo aver salutato la servitù. L’uva cresceva bene, il sangue era un ottimo concime.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Chi lo ha scritto

Kenji Albani

Kenji Albani è nato a Varese il 13 novembre 1990 (è italiano nonostante il nome giapponese). Segnalato al concorso Giulio Perrone Editore nel 2008, ha poi pubblicato poco meno di quattrocento racconti fra riviste letterarie locali, siti letterari e piattaforme online. Inoltre, ha pubblicato una quindicina di articoli di vario genere (dallo sportivo al culturale, passando per la paleontologia) su siti e riviste specializzati. Nel settembre 2008 ha pubblicato per i tipi di Delos Digital l’ebook nella collana Imperium Il serpente che si morde la coda, nel gennaio 2019 l’ebook Il grande attacco per la collana History Crime e nel marzo 2019, di nuovo nella collana Imperium, Dare vita, dare morte. Al momento studia all'Università degli Studi dell'Insubria di Varese, facoltà scienze della comunicazione, e nel settembre 2018 si è diplomato come sceneggiatore di fumetti alla Scuola del Fumetto di Milano. Lavora come sceneggiatore per Ilmiofumetto.

Perché non lasci qualcosa di scritto?