Sangue e baionetta

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

C’è fango, anche se non ha piovuto, ma la terra è lo stesso satura di sangue.
Si vedono reticolati nella terra di nessuno nei quali sono impigliati scheletri con elmetti Adrian.
I soldati italiani innestano le baionette e all’ordine del tenente balzano fuori dalle trincee.
Dalle linee austriache c’è una risposta. Quella dello starnutire di mitragliatrici.
Interiora a riversarsi.
Cervelli esplosi.
I fucili ansimano.
Sullo schermo compare una frase a caratteri cubitali.
— Sangue e baionetta? E che cos’è?
— Ma zio, non lo sai?
— No.
— Uff, tu sei del secolo scorso. È un nuovissimo reality show. Gladiatori che si sparano con divise ed equipaggiamenti di una guerra del Ventesimo secolo!
— Ah, roba da giovinastri. Io preferisco i gladiatori che simulano le battaglie della Guerra dei Cento anni…
— Sei proprio del Ventiquattresimo secolo, zio. — Torna a guardare il televisore. — Che bellooo…

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Chi lo ha scritto

Kenji Albani

Kenji Albani è nato a Varese il 13 novembre 1990 (è italiano nonostante il nome giapponese). Segnalato al concorso Giulio Perrone Editore nel 2008, ha poi pubblicato poco meno di quattrocento racconti fra riviste letterarie locali, siti letterari e piattaforme online. Inoltre, ha pubblicato una quindicina di articoli di vario genere (dallo sportivo al culturale, passando per la paleontologia) su siti e riviste specializzati. Nel settembre 2008 ha pubblicato per i tipi di Delos Digital l’ebook nella collana Imperium Il serpente che si morde la coda, nel gennaio 2019 l’ebook Il grande attacco per la collana History Crime e nel marzo 2019, di nuovo nella collana Imperium, Dare vita, dare morte. Al momento studia all'Università degli Studi dell'Insubria di Varese, facoltà scienze della comunicazione, e nel settembre 2018 si è diplomato come sceneggiatore di fumetti alla Scuola del Fumetto di Milano. Lavora come sceneggiatore per Ilmiofumetto.

Perché non lasci qualcosa di scritto?