Storia di LSD e di biciclette…

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
LSDmolecular

Perché tutti i fanatici dell’LSD si riuniscono in una data specifica e per di più muniti solo di bicicletta?
Scopriamolo insieme.
Sto leggendo un libro sull’utilizzo delle sostanze psicotrope nelle cure di alcune patologie psicologiche, tra queste malattie anche la depressione.
Un gruppo di scienziati sta rivalutando l’utilizzo delle droghe sintetiche per riattivare i percettori sensoriali, attraverso viaggi mirati, per aiutare i pazienti a uscire dai loro mondi di isolamento.
Il tutto però è ancora in fase di studio e di sperimentazione.
Il libro è interessante perché riporta anche molti aneddoti a riguardo.

alberthofmann
Uno in particolare che ho trovato simpatico è proprio quello sulla prima volta che Albert Hofmann assunse la sostanza da lui scoperta.
Per cinque anni l’LSD-25 rimase inutilizzata, gli esperimenti sugli animali non avevano dato i risultati sperati e si decise di accantonarla, ma Hofmann dopo cinque anni ancora pensava a quella molecola tanto particolare, gli piaceva la struttura chimica e doveva per forza avere una sua utilità.
Quando sintetizzò per la seconda volta, a distanza di cinque anni, la sostanza, nonostante la meticolosità dell’esperimento, il chimico non si accorse che un po’ di LSD gli aveva lambito la pelle.
Dopo un po’ iniziò ad avere strane percezioni e sensazioni, tanto da doversi stendere sul divano e lì restare fino a quando quelle strane forme geometriche colorate nella sua mente non si esaurissero.
Questo fu il primo trip da acido della storia intrapreso in totale assenza di aspettative.
A questo punto, Hofmann era pronto a ripetere l’esperimento, ma questa volta con consapevolezza, procedendo con la massima cautela assunse 0,25 milligrammi di sostanza disciolta in un po’ d’acqua. La quantità per un esperimento era minima, eppure all’epoca non si sapeva che l’LSD è uno dei composti psicoattivi più potenti mai scoperti, per avere gli effetti desiderati ne bastano milionesimi di grammo.
Quella che assunse Hofmann fu allora una dose massiccia.
Praticamente, la sostanza chimica agisce con estrema velocità sui recettori cerebrali e sulla serotonina, spalancando i recettori con un meccanismo chiave – serratura, in questo modo li attiva, e questo spiega come mai un numero di molecole così ridotto possa avere un effetto così profondo sulla mente.
Fu l’inizio di viaggi mentali incredibili, inaugurato negli anni Quaranta/Cinquanta proprio dallo scienziato che aveva scoperto l’LSD, l’acido lisergico.

lsd
Quello di Hofmann viene riconosciuto anche come il primo bad trip da acido della storia.
In queste condizioni mentali altamente instabili e alterate, il chimico dovette ritornare a casa, e siccome in tempi di guerra l’uso delle automobili era ridotto, Hofmann, non si sa come, riuscì a ritornare a casa in bicicletta.
Appena giunto nella sua dimora si stese sul divano, convinto di non riprendersi più da una follia che si era autoprocurato, mentre il suo assistente chiamava il medico.
Era il 19 Aprile 1943, ecco perché ogni 19 Aprile i fanatici ed estimatori dell’acido lisergico si riuniscono in Svizzera, ma non solo, tutti arrivando solo con una modesta bicicletta.

Il testo è ripreso da “Come cambiare la tua mente” di Michael Pollan edito da Adelphi.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?