Okinawa, l’isola della longevità

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Tropical Japanese beach with clear blue water, Ishigaki island, Okinawa

C’è un’isola in Giappone dove la prospettiva di vita è altissima e viene chiamata proprio “l’isola dei centenari”.
Quest’isola è una sorta di piccolo paradiso in terra, dove le persone che la abitano vivono più a lungo rispetto alla popolazione mondiale, ma non solo più a lungo anche in piena salute.

Okinawa-8
La media di vita è infatti la più alta in assoluto, e la popolazione nonostante l’età avanzata riesce ad essere autonoma e attiva.
Questo luogo magico, dove è stato trovato l’elisir di lunga vita, si trova in Giappone, e da secoli viene definito il “Paese degli immortali”. L’isola è quella di Okinawa, nell’arcipelago delle isole Ryukyu, tra l’Oceano Pacifico e il Mar Cinese Orientale.
Più volte è stato chiesto il segreto di lunga vita a questi abitanti, loro oltre che sorridere pacifici, riferiscono che ciò che li tiene in vita sono le motivazioni, l’amore stesso per la vita e per gli altri.
Sull’isola infatti vige un clima di solidarietà sociale, tutti aiutano gli altri, senza invadere gli spazi, c’è un modo di intervento comunitario, un mutuo soccorso dove tutti sono pronti ad aiutare se c’è qualcosa che non va.
Inoltre, ogni abitante si produce da sé il cibo di cui ha bisogno per il proprio sostentamento, ma se avanza sono pronti a venderlo.
Gli ottantenni si comportano come trentenni e i giovani sono felicissimi di passare il tempo con questi diversamente anziani, fonte di sapere e di conoscenza.

okinawa-2
Sull’isola ci si dedica anche a moltissime attività ricreative, quali l’arte, il ballo, il tai chi, il karate, e spesso vengono organizzate attività sociali che coinvolgono tutta la popolazione.
È un modo di concepire la vita che noi occidentali ancora non siamo pronti ad accogliere perché troppo preoccupati ad accumulare beni e ricchezze, stressati dal tran-tran quotidiano. A Okinawa si vive tutto con estrema calma senza ansia da prestazione o di riuscita obbligatoria, ognuno fa ciò che si sente di fare, e i risultati si vedono.
Che bel posto dove potersi ritirare dopo la pensione!

 

PHOTO FONTE WEB

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?