Gli uomini belli non ballano?

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Angry young man lying separately from wife on the bed

 

Signore mie, non me ne vogliano gli uomini, ma oggi voglio dedicarmi alle signore, ma quanto è diventato difficile questo mondo?
Tra i prezzi delle verdure che aumentano con l’aumentare dei contagi portati dal coronavirus, tra le montagne di panni da stirare per non lasciare nessuno scontento, ma quanto stanno peggiorando questi uomini ai giorni nostri?
Non se ne capisce più nulla.
Sono sicura che lei, sì sì proprio lei, signora mia, ha una storia da raccontarmi, che non sa a chi dirla e che magari nel confidarla le peserebbe anche meno il cuore.
Io ultimamente li becco tutti abbastanza strani, ma l’altro giorno, dopo l’ennesima delusione, m’è venuta in mente una cosa, e gliela voglio confidare.
Sì! Proprio a lei, che neanche conosco.
Ma come se la cavano ultimamente questi uomini sotto le lenzuola?
Avevo conosciuto un bel tipo, proprio caruccio assai, di quelli che uno lo deve di’ da dentro che so’ proprio belli. Signora mia, era proprio un bel figliolo! Alto, bel fisico, prestante, uomo interessante ed enigmatico, e bisogna riconoscere che ci sapeva anche fare, però boh… c’è sempre quella scintilla che manca, che sfugge.
Ho pensato allora, ma vuoi vedere che più sono belli e meno si impegnano?
E mi è dispiaciuto constatare che è così.
I belli ballano poco.
Si impegnano poco, forse perché sono abituati ad avere tutte ai loro piedi, ma quell’impeto, quella passione travolgente cosa si deve fare per trovarla?
Possibile mai che questi uomini siano tutti intimiditi, spaventati, senza voglie e senza fantasie? Ma da cosa può dipendere?
Non me lo so spiegare.
Sarà la diffusione del porno in ogni dove? Ma non ci dovrebbe essere anche la voglia di realizzarle quelle performance da kamasutra?
E perché sul più bello si tirano indietro?
Sono una donna adulta ormai, che più che la stabilità ricerca emozioni forti, impeto, qualcuno che sappia accendere il desiderio, eppure mi ritrovo sempre con deboli miccette tra le mani, incapaci di infiammare anche un cerino.
Sarò troppo pretenziosa? Non lo so.
Non è questione di vincoli, di legami, è l’istinto di darsi all’altro che ormai manca, di prendersi ciò che si desidera, anche il sesso a due è divenuta più una masturbazione egotica, nel quale le due parti si specchiano ma non si incontrano. Si soddisfano per una ventina di minuti e si bastano, ma non si scambiano per davvero la pelle.
Manca la poesia del fare all’amore, nel proprio letto o nei posti più strani, quelle voglie che ti prendono e che ti fanno ribollire, ho dato la colpa all’età, ammesso che per un uomo essere sotto i cinquant’anni possa contribuire a un calo, eppure io non sono una donna freddina, anzi, ma possibile che manchi la fiamma ardente?
Questa cosa mi rende molto sconsolata, a cosa serve la libertà se non la puoi vivere ardentemente?
Tanto meglio rassegnarsi alle voglie pallide del quotidiano.
E se c’è qualche uomo che ci legge, può spiegarci perché ormai manca la parte dirompente del tutto?

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?