2009 – 2019 – 2029 chi erano, chi sono (chi saranno?)

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Dieci anni sono passati, come eravamo nel 2009? come siamo oggi? come saremo tra 10 anni? Abbiamo scelto abbastanza casualmente 11 (Undici) personaggi più o meno significativi dalla politica allo sport allo spettacolo. Andiamo a vedere cosa ci raccontano della nostra storia e del nostro presente, com’è cambiato il mondo e come potrebbe evolversi.

Elisabetta II del Regno Unito (Londra, 21 aprile 1926) – Regina

elizabeth ii
2009:

Naturalmente era già Regina del Regno Unito, dal 6 febbraio 1952 quando morì suo padre re Giorgio VI. Dal 2007 era diventata la più anziana regnante britannica e aveva anche festeggiato i 60 anni di matrimonio. Nel 2009 era un’anziana regina in una democrazia occidentale evoluta che bene o male gestiva con distacco e tranquillità.

2019:

Oggi Elisabetta II ha 93 anni, è già un personaggio di culto, mitico per quanto ha visto nella sua lunga vita di regnante e per quello che rappresenta oggi. Le sono già stati dedicati film, libri, documentari, cose che di solito vengono dopo i coccodrilli. E’ bisnonna già di diversi pronipoti uno dei quali un giorno sarà re. Certo si aspettava una vecchiaia più tranquilla, invece le tocca assistere alla più grave crisi politica che il suo regno abbia visto dal secondo dopo guerra, tanto che è dovuta intervenire in prima persona.

2029:

Il figlio Carlo, erede designato, probabilmente non diventerà mai re, visto che oggi ha già oltre 70 anni. Visto il declino della democrazia britannica Elisabetta II coglierà la palla al balzo per ripristinare una monarchia assoluta e con pieni poteri nei prossimi 10 anni porterà prosperità nel Regno Unito che proprio nel 2029 si annetterà tutta quella che oggi è l’Unione Europea. Nel 2029 Elisabetta II sarà incoronata prima regina d’Europa. Non dai, scherzo, nel 2029 Elisabetta II sarà naturalmente morta.

 

Clint Eastwood, San Francisco 31 maggio 1930, attore e regista cinematografico americano

clint-eastwood-the-mule-913
2009

L’anno precedente era uscito Gran Torino, un film testamento in cui per la prima volta Clint Eastwood aveva filmato la sua morte (e il suo funerale). Clint si avviava verso gli 80 anni un età in cui a Hollywood come nella vita è già tanto se non ti considerano un vecchio rincoglionito da arginare durante i pranzi per le feste comandate, Gran Torino doveva essere il suo canto del cigno. E invece…

2019

…invece in questi 10 anni Clint ha diretto altri 9 film (oltre ad aver recitato in “Di nuovo in gioco” di Robert Lorenz nel 2012), cioé ha continuato a fare quello che gli pare, e a farlo bene. Da ultraottantenne ci ha regalato 9 film di cui almeno due grandi film come “American Sniper” (2014) e “The mulre – Il corrire” (2018) che da soli basterebbero a farne un grande autore. E ora, a fine 2019, sta per uscire “Richard Jewell” di cui si dice già un gran bene.

2029

Clint, abbiamo visto, è instancabile. Ed è anche già immortale, come sono immortali i suoi personaggi da “Per un pugno di dollari” all’Ispettore Callaghan, dal cow boy di tanti suoi western al fotografo di “I ponti di Madison Country” fino al pensionato corriere della droga di The mule. Cosa farà nei prossimi 10 anni? Come sempre farà quello che vuole, come vuole. E lo farà bene. Finché ci riuscirà. In quel momento ci saluterà e allora dovremmo rivolgerci a qualche altro eroe. Che però non sarà mai come Clint. E allora nel momento del bisogno ci guarderemo uno dei suoi film.

Donald Trump, New York 1946, imprenditore, presidente degli Stati Uniti d’America

donald trump
2009

Dieci anni fa Donald Trump era un importante imprenditore, soprattutto nel campo dell’edilizia. Era stato abilissimo a prendere le redini delle società di famiglia e a guidarle con spregiudicatezza e lungimiranza fino a farle diventare una vera e propria potenza del valore di diversi miliardi di dollari. Nella sua carriera non si è mai fermato davanti a niente inserendosi attivamente in tutti i centri di potere, sfruttando amicizie e conoscenze nelle istituzioni, nella finanza e nella politica e mantenendosi sempre vicino al limite della legalità. Insomma nel 2009 Trump è un simbolo del potere, un membro dell’establishment, ai vertici di quelle elite che si automantengono e si autoassolvono.

2019

In 10 anni Trump non è cambiato: sempre al centro di scandali e inchieste usa denaro e potere per i propri interessi. Da tre anni Trump, dopo essere passato dal Partito Democratico a quello Repubblicano, è il presidente degli Stati Uniti. Portando avanti un messaggio apertamente razzista e reazionario, Trump è riuscito nel miracolo di ribaltare la realtà per cui lui da uomo dell’establishment, presente in tutte le stanze dove stanno le leve del potere dell’economia e della politica, è riuscito a presentarsi come outsider. E la cosa incredibile è che la gente gli ha creduto e lo ha eletto. In tre anni da presidente degli Stati Uniti ha continuato ha usare denaro e potere, il potere dell’uomo più potente del mondo, per portare avanti i suoi interessi e i suoi intrallazzi e cercando di vanificare gli anticorpi che ha una democrazia evoluta come quella american. Ad oggi non è ancora stabilito con quanto successo.

2029

Trump è molto più giovane di quanto il suo aspetto fisico rifatto e plastificato lascerebbe credere. Nel 2029 avrà solo 83 anni (l’età che ha Silvio Berlusconi oggi) e con denaro e il potere accumulati, in un paese dove coi soldi si può tutto, potrà ancora dire la sua. Però a noi piace pensare che gli anticorpi della democrazia americana possano reggere anche al ciclone Trump. Negli Stati Uniti la giustizia quando decide di colpire non guarda in faccia a nessuno e colpisce duro. Prima del 2029, probabilmente molto prima, colpirà Trump e lo butterà giù consegnandolo alla storia per quello che è: un uomo d’affari spregiudicato e disonesto abile unicamente a curare i propri interessi senza guardare in faccia a nessuno.

Angela Dorothea Merkel, Amburgo 17 luglio 1954, una politica tedesca

angela merkel
2009

Dal 2005 Angela Merkel è cancelliera federale della Germania, il primo ministro diremmo noi. Quindi nel 2009 guidava la Germania già da 4 anni, la portava fuori dalla crisi globale, la manteneva stabilmente come super potenza economica e da quella posizione condizionava la politica europea, per qualcuno piegandola agli interessi tedeschi.

2019

Oggi ha superato diverse tornate elezioni che con più o meno consenso l’hanno sempre riconfermata al vertice della Germania. D’altra parte la locomotiva tedesca continua a viaggiare spedita per cui nonostante i mutamenti globali e l’insorgere di insane nostalgie perché cambiare?

2029

Tra dieci anni il tempo dell’eterna Angela sarà superato. Avrà solo 75 anni, ma avrà avuto il fiuto di ritirarsi e di essere consultata come ‘vecchia saggia’, portavoce di un’epoca in cui la Germania dettava legge in Europa e guidava l’economia del continente. Ma non preoccuparti Angela, puoi stare certa che lo farà anche senza di te.

José Mourinho, Setùbal 26 gennaio 1963, allenatore di calcio portoghese

josè mourinho special one
2009

A 46 anni Mourinho aveva già vinto titoli nazionali in Portogallo, Inghilterra e Italia più una Coppa Uefa e una Champions League col Porto, non proprio una squadra di primissimo livello. Vantava già il soprannome di Special One. Nel novembre 2009 allenava l’FC Internazionale di Milano e aveva appena iniziato la stagione che avrebbe portato lui e a sua squadra a vincere uno storico triplete (Campionato, Coppa Italia e Champions League) in quella che è a oggi la più grande impresa nella carriera di Mourinho con pochi eguali nella storia del calcio (nessuno in Italia).

2019

Nei 10 anni successivi a quella impresa eccezionale (da allora la sua Inter è in declino e nessuna squadra italiana ha più vinto una coppa europea) Mourinho ha continuato a vincere. Lo ha fatto a Madrid, al Chelsea (dove ha vinto da non favorito una Premier League) e al Manchester United (Europa League). Proprio allo United sembra però iniziata la sua parabola discendente che sta intaccando la sua fama di vincente, di condottiero carismatico seguito con entusiasmo dai suoi giocatori. Oggi è senza squadra o in attesa di un progetto come si dice oggi.

2029

Tra dieci anni sarà sempre un gran personaggio, sempre special one, anche se non più vincente, perché come tutti gli ambiti, anche il calcio si evolve e già oggi le tattiche e le modalità di gestione del gruppo di Mourinho sembrano superate. In questi dieci anni siamo sicuri che tornerà a vincere qualcosa di importante con un club o con una nazionale, ma nel 2029, a 66 anni, Mourinho, sarà probabilmente più un guru che un allenatore di Calcio.

Giorgia Meloni, Roma, 15 gennaio 1977, politica italiana

meloni berlusconi
2009

Nel 2009 Giorgia Meloni era ministro della gioventù del governo Berlusconi, quel governo che per fare gli interessi del suo presidente/padrone stava mandando allo sfascio i conti pubblici e portando il paese sull’orlo della bancarotta. Brillante e ambiziosa nella sua vita Giorgia Meloni non ha fatto altro che politica da cui trae stipendi, potere e visibilità da quando era poco più che maggiorenne.

2019

Dopo altri due anni da ministra, quando verso la fine del 2011 il governo Berlusconi getta la spugna (e la maschera) lei decide di proseguire il percorso da sola. Di idee estremante reazionarie ha sempre avuto il fiuto per sentire l’odore che veniva dalla pancia della gente, per dargli una voce e istigare il popolo verso una deriva sempre più apertamente neofascista. Ottima oratrice e instancabile battagliera da campagna elettorale, si è continuamente spostata più a destra per costruirsi uno spazio proprio nonostante tutto il panorama politico cercasse di superarla, appunto da destra. Oggi è leader di una destra neofascista e antidemocratica e dà voce a una parte sempre più larga del paese, quella parte fascista e antidemocratica, che finalmente grazie a Giorgia Meloni e non solo, non ha più bisogno di nascondersi.

2029

Dopo essere tornata al governo e aver tentato di mettere in pratica le sue idee neofasciste si sarà scontrata con la realtà e avrà fatto la fine di altri neofascisti che hanno avuto potere prima di lei come l’ex sindaco di Roma Alemanno o gli ex presidenti della Regione Lazio Francesco Storace e Renata Polverini. Nel 2029 Giorgia Meloni sarà tornata a fare la fascista di opposizione dimenticandosi delle responsabilità che ha avuto (e contando sulla nostra scarsa memoria)

Luigi Di Maio, Avellino 6 luglio 1986, politico italiano

luigi_di_maio
2009

Luigi Di Maio ha solo 23 anni,  è all’università ma è già indietrissimo con gli esami del corso di laurea in giurisprudenza a cui si è iscritto dopo aver lasciato per manifesta incapacità Ingegneria informatica. Studiare non fa per lui, ma poco importa, perché la famiglia lo mantiene e lui non ha nessuna intenzione di fare qualcosa che non sia mangiare e dormire e condurre una vita mediocre, comunque superiore alle sue qualità. Ha però l’intuizione di aderire al Movimento 5 stelle, probabilmente a suo agio in un ambiente in cui nessuno sembra avere più competenze di lui.

2019

Ne ha fatta di strada il nostro Giggino. La mediocrità e l’inadeguatezza sono sempre le stesse, ma una serie di circostanze storiche indipendenti da lui e dai suoi meriti lo ha messo al centro della scena politica italiana, tanto che ha diretto il ministero del lavoro pur non avendo mai lavorato e non conoscendo nessuna realtà produttiva, ma disinteressandosi bellamente di questi argomenti. Oggi è ministro degli esteri, ministero che gestisce facendo esternazioni a caso su argomenti di cui non sa nulla. E’ felicissimo di tutto ciò, e noi siamo felici per lui.

2029

E’ molto difficile prevedere il futuro di Luigi Di Maio visto che fino ad oggi sembra che la sua vita abbia avuto svolte imprevedibili e indipendenti dalle sue esperienze. In ogni caso siamo sicuri che Giggino sarà felicissimo, sia se avrà il potere assoluto che userà per dare il colpo di grazia al nostro paese, sia se tornerà a non fare nulla (ma con molti più soldi in tasca). In ogni caso saremo felici per lui.

Federica Pellegrini, Mirano (Ve) 5 agosto 1988, nuotatrice italiana

federica pellegrini
2009

Nel 2008 a soli 20 anni era già entrata nella storia vincendo l’oro olimpico nei suoi 200 m stile libero. Ma è proprio il 2009 l’anno che la consacra  divina col doppio oro mondiale a Roma che le regala anche un doppio record del mondo sui 200 e 400 stile libero.

2019

Incredibilmente per uno sport come il nuoto la divina continua a vincere. Ha infatti inanellato un doppio oro mondiale nel 2017 a Budapest e nel 2019  Gwangju, in Corea del Sud, battendo atlete che quando lei iniziava a vincere alle olimpiadi di Atene nel 2004 andavano all’asilo. Il suo record del mondo stabilito 10 anni fa a Roma resiste ancora. Nessuna è mai più scesa sotto quel 1’52″98, uno dei record del mondo più longevi della storia, il più vecchio ancora insuperato nel nuoto femminile. Nel frattempo ha iniziato a dedicarsi con successo ad attività extrasportive dalla televisione alla pubblicità.

2029

Nel corso degli anni Federica Pellegrini è stata bravissima a smussare qualche angolo del suo carattere e a costruirsi un personaggio spendibile nel mondo dello spettacolo: bella, spigliata, vincente, divina … cosa si potrebbe pretendere di più. Tra 10 anni (anche tra un paio d’anni) non nuoterà più e potrà dedicarsi completamente alla televisione e a quei programmi nazional popolari in cui è già una star. Continuerà comunque a essere dentro al nuoto, perché è troppo importante per quel mondo che continua ad amare e perché ha tanto da insegnare alle nuove generazioni per le quali sarà sempre un punto di riferimento.

Sfera Ebbasta, (all’anagrafe Gionata Boschetti), Sesto San Giovanni (MI), 7 dicembre 1992, musicista italiano

sfera ebbasta x factor
2009

Gionata è un ragazzo di 16 anni, ha abbandonato il liceo, si arrabatta tra un mini lavoro e l’altro e segue i traslochi della madre nell’hinterland milanese. Attraversa intensamente le esperienze che un ragazzo può vivere nella periferia di una grande città italiana. E ascolta musica, sopratutto hip hop e rap americano.

2019

Gionata nel 2016 è diventato Sfera Ebbasta e ha bruciato le tappe prima contribuendo a creare un genere musicale, il (o la) trap, un genere derivato dal rap che in Italia è conosciuto soprattutto per i suoi testi volutamente sessisti che inneggiano a sesso, droga e denaro. Sfera ha sguazzato in questo genere, ne ha tratto ed estratto il meglio e si è arricchito di denaro e di fama. Oggi a soli 27 anni è rapidamente passato da essere definito pericoloso per i nostri giovani a giovane promessa per diventare addirittura un punto di riferimento come giudice del talent show musicale più popolare, XFactor.

2029

E’ stato bravo a bruciare le tappe e a emanciparsi da quella figura di trapper tutto sesso e droga che avrebbe potuto ghettizzarlo in una macchietta. Certo oggi fa effetto vederlo additato come professore. Storicamente i passi successivi sono “inutile rompicoglioni” e “vecchio trombone”. E’ vero che il mondo va veloce, ma Sfera sembra abbastanza scaltro e intelligente per non cadere in questa spirale e cavalcare l’onda giusta del momento. Nel 2029 sarà un ragazzo di 37 anni, farà duetti con quelli che saranno veramente vecchi tipo Marco Mengoni o Alessandra Amoroso e promuoverà artisti che saranno veramente giovani. Insomma Sfera Ebbasta sarà uno della periferia che ce l’ha fatta e starà con tutti e due i piedi dentro al’establishment.

Greta Thunberg, Stoccolma 3 gennaio 2003, attivista ambientalista svedese

greta thunberg
2009

Nel 2009 Greta aveva 6 anni, cosa volete che facesse? Ha avuto la fortuna di nascere in paese particolarmente evoluto e in una famiglia, per cui andava a scuola. Aveva qualche difficoltà e ancora non le era stata diagnosticata la Sindrome di Asperger. Faceva le cose che fanno le bambine in Europa occidentale, normalmente.

2019

Oggi a soli 16 anni Greta Thunberg è un’icona mondiale dei movimenti giovanili e dell’ambientalismo. Ha parlato al Parlamento Europeo e alle Nazioni Unite, ha incontrato capi di stato e diversi potenti in tutto il mondo per sensibilizzarli riguardo ai mutamenti climatici. Il suo più grande successo è quello è di avere (ri)portato all’attenzione dell’opinione pubblica questi temi fondamentali che negli ultimi anni erano completamente usciti dal dibattito pubblico. Ora se ne parla e questo è importante. L’altro grande merito è di avere contribuito ad attivare le giovani generazioni, generazioni che noi adulti conosciamo poco e che etichettiamo come apatiche o dipendenti dal telefonino. Ma che ne sappiamo noi che siamo responsabili di come è ridotto il nostro pianeta?

2029

Tra i 16 e i 26 anni una persona cambia radicalmente. Sono anni di esperienze, di formazione, di crescita che, si spera, portano a una vita adulta completa. Greta Thunberg sembra già oggi molto più adulta di molti che hanno l’età dei suoi genitori o dei suoi nonni e nel 2029 avrà solo 26 anni. Avrà percorso strade diritte, sentieri sconnessi e vicoli ciechi, avrà fatto scelte giuste e scelte sbagliate, avrà ottenuto risultati importanti, avrà fatto errori, avrà gioito e avrà sofferto, avrà rimorsi e avrà rimpianti, ma sarà ancora una ragazza che sognerà un futuro migliore per lei e per tutto il pianeta. Sempre che il pianeta ci sia ancora.

Italia, 17 marzo 1861 – Paese a forma di stivale, penisola collocata al centro del Mediterraneo

alberto sordi
2009

Nel 2009 l’Italia è governata da Berlusconi che dopo essersi liberato da alleati che tendevano ad alzare la cresta (non avendone lo spessore) come Fini e Casini, ha finalmente pieni poteri. Cosa fa in italia l’uomo più ricco del paese arrivato al potere dopo essere sceso a patti con mafia e massoneria quando a 73 anni raggiunge il potere assoluto? Ecco, bravi, si sputtana tutto per la figa. Porta se stesso e il paese al ridicolo e sull’orlo del precipizio economico. Nel 2009 l’Italia era l’inaffondabile Titanic e politicamente si rimpiangevano quelli che avevano governato con l’appoggio della mafia e mettendo le bombe nelle stazioni. Nel 2009, come sempre nella giovane storia dell’Italia la politica, è lo specchio del paese.

2019

L’Italia a costo di non pochi sacrifici non è precipitata, ma vive da dieci anni in una crisi perenne e apparentemente irreversibile che ci fa rimpiangere persino la situazione di 10 anni fa. Oggi abbiamo l’ennesimo governo raffazzonato che non decide, non prende nessuna direzione, vivacchia senza idee. L’Italia è sempre felice quando cade chi è al potere perché capisce che era incapace. Ma poi lo rimpiange perché chi arriva è peggio. E’ appena successo, proprio nell’agosto 2019, che ci siamo liberati di chi si era dimostrato inadeguato e incompetente. E dopo neanche tre mesi lo rimpiangiamo. Oggi più che mai la politica è lo specchio del paese.

2029

Il timore più fondato è che in quel baratro più volte sfiorato l’Italia ci finirà davvero. Quali possono essere le ancore a cui aggrapparsi nei prossimi 10 anni? Che cosa si intravede all’orizzonte che possa fare sperare in un futuro migliore rispetto alla mediocrità che oggi sta erodendo tutte le risorse materiali e morali del paese? La speranza è che i ragazzi di oggi, quelli nati a partire dagli anni novanta, quelli che oggi non hanno ancora 30 anni e che non si sono sporcati le mani, prendano in mano il paese e lo ribaltino abbandonando alcuni tratti consolidati dell’italianità che da troppi anni sono la zavorra di questo paese. Opportunismo, cialtroneria, furbizie varie, familismo, fatalismo … se i ragazzi di oggi sapranno essere un po’ meno italiani forse potranno salvare l’Italia. Noi che nel 2019 ancora ci meritiamo Alberto Sordi, nel 2029 saremo anziani e contiamo su di loro che Alberto Sordi non l’hanno mai conosciuto.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?