Tragitti

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Se non fosse per questo mare…
(che m’inghiotte ogni volta l’anima
e mi infonde la forza che non ho
a furia di guardarlo e sognarlo
questo mare così bello e cangiante
così impossibile al di sopra dei pensieri
al di sopra di tutto
così maledettamente brillante e seducente
linea maginot
che sa d’immortalità, pur nei miei continui pensieri di morte
che sa di speranze meraviglia incanto
e purezza)

…sprofonderei
nel ciglio dell’inferno a due corsie
tra le buche aggrovigliate della mente
(dove annegano il cuore e i pensieri
dove ho fretta di arrivare
e dove mai vorrei)

rimarrei per ore qui a difenderlo
incurante delle sferzate
deviazione mistica
farei a meno del prosieguo
farei a meno del dolore

(scomparse le oasi fiorite
sono rimasti cespugli
di erba tagliente
in cui annegare i lamenti)

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?