“Energya”, il libro per colmare l’aridità che dilaga.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Mai titolo fu più appropriato per un testo letterario “Energya”, il romanzo fantasy scritto da Rosa Anna Buonomo e Anna Di Donato, infatti è stato una ventata d’aria fresca, una lettura sferzante, una piacevole immedesimazione nella vita della coraggiosa protagonista, Blake.
Il libro tratta un argomento assai complesso: l’aridità devastante nel campo dei sentimenti, ma lo fa con un linguaggio colloquiale, giovanile, dinamico.
EnergyaLe pagine scorrono veloci e ci si ritrova catapultati nella vita di una giovane giornalista che insieme a un gruppo di altri ragazzi, che dopo essersi resi conto della gravità degli eventi che stanno accadendo, decidono di salvare il mondo.
Le storie personali si intersecano alla vicenda principale e il ritmo della storia è avvincente e mozzafiato, dobbiamo assolutamente scoprire cosa succederà alla nostra realtà.
Ce la faranno i nostri eroi? Questo dovreste scoprirlo leggendo il libro.
Non mancano talismani, mappe segrete, luoghi nascosti, nomi evocativi, citazioni, colpi di scena, eventi surreali, ma quello che più colpisce è l’argomento trattato, ciò che più accalora le due scrittrici: salvare il mondo dalla freddezza e dalla mancanza di empatia.
“Energya” è un libro per young adult, la generazione di ‘giovani adulti’ che mai come in questo periodo si sentono frastornati dai continui cambiamenti della società, esperti conoscitori di sintomatologie psico-somatiche ma così poco in contatto con il loro io più profondo, con la loro parte emotiva.
Energya ci induce a riflettere, a pensare, fa luce su un problema reale e contemporaneo e prova a dare una soluzione, per quanto fantastica, al nulla che ci divora. Eppure, l’unica strada realmente percorribile rimane una sola: quella della lotta animata dai buoni sentimenti e dai valori nobili.
Un romanzo concepito da due donne, abili scrittrici, ma non solo, donne in gamba, impegnate nel lavoro, alla loro prima opera come scrittrici di romanzo (Anna Di Donato è autrice di “Che tutto può e ti ruba il cuore”).
Ho voluto parlare con loro e fare qualche domanda, ecco cosa ne è venuto fuori.

rosaanna

Ciao Rosa, ciao Anna, grazie mille per il tempo che mi state dedicando. Innanzitutto, complimenti, mi è piaciuto molto leggere il vostro libro. Ma raccontateci com’è stato per voi scrivere questo romanzo in due?
È stato divertente. Siamo molto amiche e sicuramente questo ci ha avvantaggiate. Partivamo da un’idea di base, che poi abbiamo sviluppato insieme. Non abbiamo lavorato separatamente, la creazione è avvenuta in simbiosi. Siamo due giornaliste, ognuna di noi aveva già avuto anche altre esperienze di scrittura, ma non avevamo mai scritto con nessuno gomito a gomito. Siamo riuscite a trovare una forte alchimia lavorativa che traspare anche nel libro tant’è che non si capisce chi ha scritto cosa.

Sì, in effetti proprio così, ed è per questo che vi rinnovo i miei complimenti. Perché avete scelto di affrontare un argomento così complesso come l’inaridimento generale?
Siamo partite da quello che ci circonda, abbiamo attinto da esperienze nostre e delle persone a noi vicine. Abbiamo immaginato un mondo in cui una società segreta vuole rendere tutti manipolabili attraverso un filtro che inibisce le emozioni, ma la verità è che basta guardarsi intorno per vedere la precarietà che c’è nei sentimenti, di qualsiasi natura siano. Abbiamo un po’ estremizzato il concetto, ma nella vita di tutti i giorni possiamo trovarci di fronte a chi cerca di succhiarci la positività. La storia di Blake e degli altri personaggi è un punto di partenza. “Energya” è un viaggio simbolico alla scoperta di sé stessi. Quando si ha un’identità forte si riesce ad affrontare qualsiasi cosa, ma in un mondo che rende tutti manipolabili, mantenere saldo il proprio essere è complesso. Ci sono riferimenti al mondo reale e a situazioni di vita in cui molti potranno riconoscersi.

Mi sono riconosciuta molto nelle vostre parole, la penso come voi. La scrittura come professione, ma anche come passione che libera e che induce a sognare. Cosa ha significato, cosa ha comportato nella vostra vita la scrittura di questo libro?
La scrittura ci ha sempre appassionate, fin da piccole. Il sogno di poter vivere solo di scrittura è molto forte, speriamo un giorno di poterci riuscire. Sicuramente questo libro ha portato tanta positività, abbiamo avuto ottimi riscontri e di questo siamo molto felici. Ci auguriamo che questa avventura duri il più a lungo possibile.

Avete appuntamenti in programma con i lettori?
Abbiamo organizzato diverse presentazioni in Abruzzo, dove viviamo entrambe. Per ora c’è in programma la partecipazione al Salone del Libro di Torino il 10 maggio, ma abbiamo intenzione di portare “Energya” anche in altre regioni italiane. Siamo in attesa di risposte.

Ottimo. Non mi resta che augurarvi un fortissimo ‘in bocca al lupo’, e a leggervi presto con il nuovo capitolo della saga.
Seguite le due scrittrici sui loro canali social per restare sempre aggiornati sui prossimi incontri.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?