Storia degli Effetti Speciali, dai fratelli Lumière ad Avatar

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
sdes

 

“Storia degli effetti speciali – Dai fratelli Lumière ad Avatar” di Giovanni Toro, edito da NPE, è un libro bellissimo, scritto molto bene.
Giovanni Toro, sul suo sito web definisce sé stesso: “generalist” della comunicazione visiva, e leggendo la sua biografia ci rendiamo conto che ha fatto proprio un sacco di cose in questo ambito e che il suo libro non arriva per caso.
“Storia degli effetti speciali” ci racconta la nascita di questo fenomeno dagli albori del mondo del cinema ad Avatar, ci induce a soffermarci sulle origini di questa arte e di tutto quello che le fa da contorno.
Da prima dei fratelli Lumière, da prima della cinemagia di George Méliès, fino ai giorni nostri, è proprio un bellissimo viaggio attraverso una quantità enorme di film e di racconti.

sdesint1
A chi è appassionato di questa arte sicuramente non mancheranno in libreria saggi, manuali, sulle tecniche cinematografiche, sulle sceneggiature, e questo volume bene si affianca ai testi di Paolo Morales o di Robert McKee, anzi completa quello che è il viaggio culturale in questo mondo. Laddove il primo si sofferma sulle tecniche di regia, il secondo sulla scrittura dei film, Giovanni Toro integra la parte che ci permette di scoprire tutto quello che il nostro occhio percepisce, che fa parte della scena, ma che in realtà è posticcio, o speciale appunto.
È molto utile anche per coloro che si stanno avvicinando a questo mondo e che vogliono iniziare a saperne di più; il linguaggio semplice, i periodi brevi, permettono a chiunque di provare questa piacevole lettura.

sdesretro
È interessante l’approfondimento psicologico iniziale, l’affiancamento delle arti visive al benessere psicofisico, teoria ampliamente analizzata dalla Gestalt, che si propone di studiare ogni cosa nel suo insieme e non in maniera divisa.
Il testo scorre veloce, grazie anche alle immagini che permettono una visione immediata di quello che si legge.

sdesint2
In questo testo si trova tutto quello che avremmo voluto sapere su questo argomento come principio di approfondimento.
Il linguaggio è scorrevole, rapido, Giovanni Toro ci spiega perfettamente ogni cosa e ci trascina in questo viaggio affascinante attraverso Lo Squalo, Terminator, Star Wars, tutti quei film che hanno segnato generazioni su generazioni. Lo stile è colloquiale. La divisione in paragrafi per argomento lo rende di facile consultazione nel caso si avesse qualche dubbio.

sdesint3
Giovanni Toro ci rende partecipe delle sue conoscenze e ci permette di scoprire nuovi argomenti e anche nuovi testi di lettura.
Il libro è più che valido e si presenta in un’ottima edizione, unica pecca, se proprio dobbiamo sottolineare qualcosa, è che mancano figure femminili di riferimento nel testo come quella di Alice Guy, che ahimè non viene citata. Per il resto è un ottimo volume da tenere in libreria e da regalare.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?