Caro amico di una sera, grazie!

1
Share on Facebook34Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
sparizioni

All’inizio di ogni relazione mi chiedo sempre perché mai con quella determinata persona dovrei arrivare a litigare se è così perfetta, così carina, così presente, così premurosa…
Poi succede sempre la stessa cosa e mi ricordo il perché: le sparizioni.
Le sparizioni improvvise sono il motivo principale del primo litigio nelle mie relazioni, e non credo di essere da sola a gestire questa cosa. Vero, colleghe?
Ma perché le persone spariscono dopo i primi appuntamenti?
È andato tutto benissimo, baci, abbracci, magari anche il sesso, magari in uno slancio di entusiasmo quella persona vi ha chiamato anche con epiteti affettuosi, ha progettato cose da fare con voi, prendendo impegni, garantendo la sua presenza, eppure, da un giorno all’altro, senza la minima spiegazione logica, sparisce.
Ma perché?
Che cosa c’è che rende instabili le persone? Qualcosa nell’aria?
Vi siete salutati sotto casa che era tutto perfetto, sei andata a dormire con gli occhi sognanti, salvo poi aspettare il giorno dopo, per ore, una risposta a un messaggio che non è mai arrivata.
Ma perché?
Almeno ce lo dicessero, una si metterebbe l’anima in pace, invece magari hanno la faccia tosta di tornare dopo due settimane.
È successo anche a voi?
Ne ho letti diversi di articoli sull’argomento per capire la strana patologia che affligge gli “sparitori seriali” (lasciatemi passare questo neologismo), ma niente mi ha convinto.
“Forse tu gli hai mandato troppi messaggi? Forse ti ha sentito troppo coinvolta? Forse ha un’altra?”
Ma perché noi dovremmo rimanere qui a porci domande sulla sparizione di uno che non ha neanche il coraggio di dirti: “guarda, ho sbagliato, non mi piaci abbastanza”?
Che significa i messaggi erano troppi? Fino a due ore prima mi tartassava lui, ora i miei messaggi sono troppi?
Sicuramente ci sono persone che fraintendono atteggiamenti affettuosi e gentili, ma non credo che siano la maggior parte, non credo che ci siano persone migliori nei sentimenti e altre meno, e se anche uno avvilisce con determinati atteggiamenti, chi ci tiene li fa notare, li spiega e se ne parla, sparire è proprio da vigliacchi. Anche ai sentimenti ci si educa.

Quindi che senso ha farsi tremila problemi sui perché di una sparizione? Meglio così, no?

Meglio comportarsi in maniera del tutto spontanea almeno si capisce subito chi si ha di fronte.
Per quanto mi riguarda, sono talmente satura che se spariscono, dopo una settimana li blocco direttamente così non hanno la possibilità di arrampicarsi sugli specchi, o di tornare, neanche mi interessano le eventuali spiegazioni postume, eppure io penso di non aver mai avvilito nessuno, e di non essere mai stata inopportuna in alcun modo.
Quanto è difficile di questi tempi instaurare relazioni autentiche. Esci e per qualche tempo provi a creare un legame emotivo impostando la relazione sui racconti di entrambi, non funziona. Finite a letto alla prima uscita non funziona lo stesso, è davvero perché c’è troppa sollecitazione, troppa offerta? O perché sono tutti convinti di essere unici?
Non lo so, ma di sicuro non è che con un’altra persona si comportino in maniera differente, anzi…
Comunque sembra che tra le cause più papabili delle sparizioni ci sia la presenza di un’altra donna, chissà se torneranno mai quei tempi in cui ci si conosceva, ci si piaceva e si facevano cose normali, che ormai ai gesti romantici ed eclatanti abbiamo rinunciato da un pezzo, ma almeno la sincerità e il coraggio ce li meritiamo, siamo donne forti, siamo in grado di reggere un ‘non ti voglio’, almeno a quel paese vi ci mandiamo con più soddisfazione e avanti il prossimo.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook34Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?