Disney 3.0: “Ralph spacca internet”

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Il periodo di feste ha come sempre proposto un’offerta cinematografica intasata di film per famiglie, in questa si è fatto notare “Ralph spacca internet” un film divertente che ribalta diversi stereotipi su internet, sull’amicizia e sulle principesse Disney. Un esempio di sequel ben fatto e originale dagli autori di Zootropolis.

Ralph spacca Internet(tit. orig. Ralph Breaks the Internet)ralph spacca internet poster

Regia: Phil Johnson, Rich Moore
Sceneggiatura: Phil Johnson, Pamela Ribon
Produzione: Walt Disney Animation Studios, Walt Disney Pictures
Paese: Stati Uniti
Genere: film per famiglie, film Disney, avventura, amicizia, fantastico
Durata complessiva: 112 minuti

Consigliato a: grandi e piccoli che viaggiano su internet, grandi e piccoli che hanno amici, a chi vuole rivisitare le icone Disney
Sconsigliato a: quelli per cui le principesse Disney sono intoccabili, a quelli troppo gelosi dei propri amici e delle proprie idee

Ralph spaccatutto è il cattivo di un videogame arcade anni ottanta. Nel suo primo film era andato alla ricerca di riscatto dal ruolo di cattivo cui era relagato, aveva esplorato nuovi giochi aveva conosciuto una piccola pilota di un altro gioco, la spericolatissima principessina Vanellope . Questa avventura gli aveva portato in dote una meritata medaglia e una bellissima amicizia con Vanellope con cui erano diventati inseparabili.

Il signor Google ti trova qualsiasi cosa, poi devi andartela a prendere

Il signor Google ti trova qualsiasi cosa, poi devi andartela a prendere

La Disney affida il seguito agli autori di Zootropolis, uno dei migliori film di animazione (e non solo) degli ultimi anni. Si riparte con la grafica e le avventura vintage dei videogame anni 80 che devono sfidare l’universo. E l’universo di oggi non può che essere internet. Perché se il tuo vecchio gioco si rompe, rischi di andare fuori servizio per sempre, a meno che tu non sia in grado di trovare il pezzo di ricambio da qualche parte che puoi trovare solo su internet.

I nostri eroi, l’omaccione forzuto e sempliciotto con un cuore grande così e la piccola pilota giovane, carina e con la voglia di avventura, fanno incursione in un posto che riconosciamo benissimo. Siamo subito travolti da loghi e procedure a noi familiari in cui stavolta ci immergiamo “dall’altra parte dello specchio”. Così vediamo il signor google che fa le ricerche, i personaggi dei giochi, gli omini dentro ebay, i like e cuoricini che crescono e poi scompaiono e chi più ne ha più ne metta. Questa parte è davvero divertente e originale e conquista subito il pubblico grande e piccolo oltre che i protagonisti del film. L’originalità sta nel fatto di mostrare internet né come il paese dei balocchi dove tutto è facile e bello, né come la fonte di ogni male. Per i protagonisti, come per noi, internet è il mondo, dentro ci sono (oltre che un sacco di pubblicità) amicizie, scoperte, divertimento, pericoli, persone che ti aiutano, persone che ti portano sulla cattiva strada.

Vedi gente, fai cose ... magari trovi persone con cui potere fare quello che avevi sempre sognato

Vedi gente, fai cose … magari trovi persone con cui potere fare quello che avevi sempre sognato

Il film offre poi un punto di vista originale dell’amicizia, non più un rapporto esclusivo, non più i due amici inseparabili per cui le scelte dell’uno devono coincidere con quelle dell’altro, ma un’amicizia così profonda e consapevole che riesce ad andare avanti in un mondo in cui ti si aprono finestre in continuazione ed è giusto che ognuno segua i propri sogni e le proprie attitudini senza che questo significhi tradire l’amicizia.

Il definitivo punto di forza del film è nella casa madre. La Disney ha una forza di fuoco che le permette di inserire camei e citazioni dal suo universo (dalle favole a Star Wars, dai supereroi Marvel ai personaggi Pixar) che sono un piacere per il pubblico. Questa volta poi si prende il lusso di prendersi gioco dei suoi personaggi più “sacri”: le principesse. Ci sono tutte da Biancaneve a Cenerentola fino a Elsa di Frozen. Ognuna sfodera in pochi secondi il meglio del proprio repertorio e con felpa e snickers finalmente può dismettere quegli abiti assurdi e ribaltare il luogo comune per cui “Pensano tutti che non hai problemi perché un uomo possente è entrato nella tua vita” assumendo attivamente un ruolo decisivo nel salvare il nostro grande e grosso Ralph dalle insidie di Internet. Queste scene sono la ciliegina sulla torta di un film davvero divertente, che non lesina colpi di scena, momenti sentimentali, tanta azione e diverse sorprese.

Ci sono tutte, e finalmente potranno indossare abiti comodi e salvare un bel ragazzone

Ci sono tutte, e finalmente potranno indossare abiti comodi e salvare un bel ragazzone

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?