Tutto sulle Cuevas del Drach, le Grotte del Drago di Maiorca

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Volete andare nelle Baleari ma siete alle prese con il classico dilemma “Maiorca o Minorca”? Entrambe le isole meritano una visita e difficilmente rimpiangerete la vostra scelta ovunque essa ricada, ma è altrettanto vero che esistono punti di interesse che possono orientare significativamente una decisione.Le Cuevas del Drach (in italiano “Grotte del Drago”) sono uno di questi. Si trovano sulla costa orientale dell’isola e scendono fino a 25 metri di profondità, sviluppandosi in orizzontale per quasi 2 chilometri e mezzo. Sono in tutto quattro (la Bianca, la Nera, quella dei Francesi e quella di Luigi Salvatore) e furono scoperte nella loro interezza soltanto a partire dal 1896, grazie a una spedizione guidata da Alfred Martel. A Martel è stato intitolato un lago sotterraneo che si sviluppa per una lunghezza di 117 metri, illuminato in modo suggestivo dall’opera dell’ingegnere Carlos Buigas.

Il lago Martel è una parte fondamentale delle visite turistiche, che durano circa un’ora: a bordo di una barchetta potrete infatti assistere a un breve ma coinvolgente concerto di musica classica, che beneficia di un’acustica spettacolare. La commistione tra note, acqua e stalattiti vi lascerà senza parole, così come alcuni delle meraviglie naturali plasmatesi nel corso dei millenni: una delle migliori è il Monte Nevado, che non è un monte e non è nemmeno ricoperto di neve, ma lo sembra e pure molto. Tenetevi pronti dunque ad andare in barca, ma portate anche scarpe comode perché dovrete passeggiare per qualche centinaio di metri. La temperatura interna tocca una media di 21 gradi, con circa l’80% di umidità; le grotte si trovano a Porto Cristo, una frazione del comune di Manacor, a circa un’ora di auto da Palma. Avete voglia di visitarle? Prendete i vostri biglietti in anticipo, perché i posti sono limitati: costano da 8 a 15 € a seconda dell’età e potete acquistarli visitando questa pagina. Ricordate di presentarvi alla porta d’ingresso dieci minuti prima dell’inizio della visita: con gli orari non si sgarra!

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?