Perché è importante la cura dei denti durante la gravidanza

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Prendersi cura dell’igiene orale ridurrebbe il rischio di parto prematuro. Le indicazioni emerse negli ultimi studi dell’American Academy of Periodontology e della European Federation of Periodontology andrebbero proprio in questa direzione, evidenziando come la salute della bocca sia in grado di influenzare persino i parti. Cerchiamo di capire il perché di questa correlazione e qual è il modo corretto di prendersi cura della propria igiene orale nel corso della gravidanza.

Gengive più sensibili e delicate durante la gravidanza

Le nuove indicazioni cliniche per le donne in gravidanza diffuse dall’American Academy of Periodontology (AAP) e la European Federation of Periodontology (EFP) pongono enfasi sull’importanza della salute delle gengive per prevenire parti pretermine. La nascita di bambini prima della 37/ma settimana di gestazione, quando lo sviluppo non è ancora completo, può determinare l’insorgere di diverse patologie, che spaziano dalle difficoltà respiratorie ai problemi neurologici e cardiaci. Sono molteplici i fattori che determinano un parto prematuro e possono essere di natura genetica, ambientale e legati alle abitudini della madre. Ma recenti studi hanno evidenziato come stati infiammatori di origine batterica, inclusi quelli del cavo orale (ad esempio la parodontite), possano aumentare le probabilità di un parto prematuro. Durante la gravidanza il corpo della madre subisce notevoli cambiamenti ormonali e trasformazioni fisiche. Gli alti livelli di progesterone, l’ormone che blocca l’ovulazione, favoriscono patologie infiammatorie del cavo orale, come le gengiviti. Sono sempre gli ormoni a determinare l’aumento delle specie parodontopatogene, ad indebolire le difese immunitarie, inacidire la saliva e aumentare la vascolarizzazione gengivale: tutti fattori che espongono le donne in gravidanza ad accusare più facilmente infiammazioni del cavo orale. Da qui il monito dell’AAP e dell’EFP sulla necessità di curare le gengive in gravidanza, laddove la terapia parodontale, non invasiva e non chirurgica, non comporta alcun rischio per le donne in dolce attesa.

Come curare i denti durante la gravidanza

Uno stile di vita sano, seguire delle buone abitudini e prendersi cura della salute generale della mamma sono tutti aspetti fondamentali durante i nove mesi di gestazione. Come evidenziato dalle più recenti ricerche scientifiche, per ridurre il rischio di parti pretermine anche la cura di denti e gengive è importante. I cambiamenti di natura ormonale e fisiologica che interessano il corpo femminile, favoriscono, infatti, stati infiammatori del cavo orale che possono essere trasmessi attraverso il flusso sanguigno al nascituro, causando così una nascita prematura. Alcune accortezze divengono quindi obbligatorie. Prima tra tutte, un’adeguata igiene orale con prodotti specifici, come raccomandano anche gli esperti del settore. Lavarsi i denti dopo ogni pasto, utilizzando un paio di volte al giorno un dentifricio al fluoro, ad esempio, aiuta a mantenere i denti sani; è consigliato anche l’uso quotidiano del filo interdentale. L’accresciuto appetito durante i nove mesi di gestazione porta a fare spuntini frequenti e ad eccedere nell’assunzione di dolci. Tuttavia, per preservare la salute della dentatura, i cibi zuccherosi, comprese le bevande dolci e gassate, andrebbero limitati. Altra buona norma è sottoporsi ai giusti controlli: se sono passati oltre sei mesi dall’ultimo appuntamento dal dentista è consigliabile un consulto. Non esistono, infatti, controindicazioni ai trattamenti ai denti durante la gravidanza. Sarà sufficiente far presente al dentista di essere in dolce attesa nel caso in cui si renda necessario assumere qualche farmaco in vista di un intervento particolare.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?