Ho parlato d’amore con Lacan

Share on Facebook9Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lacan a modo mio. Analisi storpiata della psicoanalisi. La rivolta degli ” Siamo tutti psicologi”. Riveduta e riflessione folle e personale. L’ amore è un sintomo.  Sceglietevi il titolo e leggete. 
Immaginate che una volta io avessi avuto la stessa fortuna di Eco di incontrare Lacan…
Eco lo scrittore, eco delle emozioni interne che poi straripano, eco di un grido emesso da un’ altura, soli , di fronte ad un precipizio.
ECCO, sceglietevi anche l’ECO;
EGO, pardon, Eco.

Un viaggio nel tempo, un luogo d’amore: Parigi; passeggio, riconosco Lacan, lo fermo, di getto gli chiedo:
“Cos’è l’amore?”, lui mi guarda e subito mi presenta la Parola, più parla e più si fa segno sul mio corpo, la mia mente, i miei ricordi…
Mi risponde: “Noi non amiamo il nostro simile, noi amiamo il nostro sintomo”.
“Sintomo?” chiedo io.
Il maestro: “Pensa al sintomo come se fosse un desiderio che non sei capace di esprimere con il linguaggio”
Io: “Il sintomo è dunque mancanza, desiderio di ciò che può farmi star bene?”
Lacan: “Di ciò che ti fa godere. In questo modo il compagno o la compagna sono il sintomo. Certe donne queste cose le sanno bene, lo intuiscono”
Elettra: ( Elettra sono io ) “In che senso?”
L: “Le donne riescono contemporaneamente ad essere sintomo dell’ uomo che amano provocando il desiderio, il godimento ed anche di godere di lui. È come se l’ Altro essendo sintomo è anche causa del desiderio ed è colui o colei a cui si rivolge la domanda”.
E: “La domanda di amore?”
L: “Amare è essenzialmente voler essere amati “.
E : “Dunque è come un gioco di specchi? Io amo un uomo perché ne riconosco il mio sintomo e viceversa? Sempre che si riesca ad essere consapevoli del proprio sintomo…
Così è uno specchiarsi? È quindi avere lo stesso sintomo? Per questo parla di similarità? Più che simili si è sintomatici allo stesso modo?”

Mi giro, non vedo più Lacan, sento ancora le voci…

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook9Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?