Sulla cresta dell’onda

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

I nostri giorni. I nostri pensieri. Le nostre esperienze. Gli incontri, le paure, le gioie, i sogni. E le solitudini anche.

Viaggi. Tutti. Decisivi, importanti, evidenti o nascosti, attimi fuggenti o tempi infiniti.

Ogni cosa che viviamo è un viaggio

Non lo pensiamo ma è così. Se solo potessimo prenderla come una direzione che ci porta da qualche altra parte che prima non era neanche contemplata nella nostra vita di sicuro saremmo più attenti, più precisi, più prudenti e forse anche meno annoiati, meno distratti, meno arrabbiati. Potremmo persino accettare con più serenità le sfide e le possibili cadute. Avremmo di sicuro qualche chance in più per crescere perché da ogni viaggio si torna cambiati.surf2

E forse potremmo viaggiare più leggeri e surfare sulle onde della vita che si sa, non sempre si sta sulla cresta ma ci si ritrova spesso in basso, in fondo, tanto giù da non vedere quasi più la luce.

Eppure poi arriva! Arriva l’onda giusta, quella che ci riporta in alto. Una spinta propulsiva sotto la nostra tavola che ci fa riemergere alla luce. E da lassù possiamo guardare lontano, l’orizzonte, l’oceano, l’immensità, le onde, le schiume, i mari calmi, le tempeste. Le albe e i tramonti. E le terre.

Da lassù possiamo sentirci parte del tutto, e accogliere, con uno sguardo più pieno, le mille facce della vita. Pronti anche a tornare in basso. Con una consapevolezza diversa. E con la fiducia che nulla è immutabile, che tutto cambia, si modella, si scioglie e si ricompone.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Daria Cozzi

Triestina, due figli, una vita vissuta con passione. Ascolto tutti, soprattutto chi la pensa diversamente da me. E imparo sempre qualcosa. Mi piace comunicare attraverso la parola scritta, ma non solo ... credo che ci sia sempre una seconda chance, che possiamo crescere e cambiare pensiero, modo di essere, obiettivi e programmi per avere davanti a noi ogni giorno un orizzonte nuovo su cui scrivere i nostri progetti, dipingere i nostri sogni, depositare le nostre speranze. Ho raccontato la mia storia in "Quattro giorni tre notti", il mio primo romanzo.  

Perché non lasci qualcosa di scritto?