Quali sono i fattori che portano una start-up al successo?

Share on Facebook3Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

La maggior parte delle start up fallisce dopo pochi anni dalla nascita: secondo i dati ufficiali, si parla di una percentuale davvero elevata (il 90% circa). Falliscono perché non riescono ad aumentare il fatturato: ovvero la base economica fondamentale a garantire una crescita solida e duratura. In assenza di un incremento dei ricavi, le start up non possono evolversi e dunque competere come dovrebbero nel mercato di riferimento. Eppure alcune start up riescono a farcela: dietro ai numeri positivi si trovano sempre delle precise strategie determinanti per il successo aziendale.

Definizione di mission e vision aziendali

Fra i fattori responsabili del successo di una start up, troviamo la definizione della mission e della vision aziendali. Nel primo caso si parla delle strategie di realizzazione degli obiettivi individuati e perseguiti da un’azienda. Nel secondo caso, invece, si parla delle prospettive future della stessa: dunque l’idea che l’imprenditore ha dello sviluppo della propria “creatura”. In assenza di entrambe, una start up è costretta a navigare senza bussola: di conseguenza, non è possibile definire strategie utili.

Costruzione di un’immagine coerente e distintiva

Ogni impresa dovrebbe creare una propria immagine coerente e distintiva. Dovrebbe dunque pensare ad un brand in grado di essere allineato con mission e vision. In aggiunta, il marchio dovrebbe anche possedere quegli elementi capaci di differenziarlo dalla concorrenza diretta. Anche l’occhio vuole la sua parte: Curare la propria immagine dandogli una veste grafica e visiva d’impatto e originale è importante per tutte le realtà aziendali, non solo per i grossi business. L’investimento iniziale di qualsiasi start-up in marketing e comunicazione è strategico in un’ottica di crescita futura. Utili a farsi notare sono anche strategie di marketing più tradizionali, come la realizzazione di articoli promozionali, personalizzabili su appositi siti: tanto più saranno unici e distintivi quanto più saranno efficaci. Sia che i gadget brandizzati vengano usati dai collaboratori aziendali, regalati ai clienti o distribuiti in occasione di eventi o fiere lasceranno un segno tangibile, aumenteranno la riconoscibilità del brand e contribuiranno a fidelizzare i clienti.

Fidelizzazione dei clienti

Tutti i business di successo sanno quanto conti la fidelizzazione di un cliente: un consumatore che continua a rivolgersi all’azienda nel tempo perché giudica positivamente quel servizio/prodotto ha un valore unico. Questo perché riduce il costo legato all’acquisizione di nuovi clienti, rappresenta una fonte di reddito certa ed è un potenziale ambasciatore. Non a caso si dice spesso che un cliente fidelizzato vale più di 100 clienti una tantum. Questo rapporto di fiducia va però conquistato e mantenuto nel tempo adottando apposti accorgimenti.

Realizzazione di partnership e network

Infine, non si può non accennare all’importanza di stringere partnership e crearsi un proprio network di contatti. Grazie a queste due attività è possibile stringere delle alleanze con altre aziende, attingere ai loro database di clienti e ottenere, a livello di notorietà e prestigio, un ritorno considerevole. Inoltre, coltivare le relazioni interpersonali e aziendali è ancora un valido strumento per favorire il passaparola, che mantiene una sua grande rilevanza, ottenendo così una fonte di promozione gratuita.

Ogni start up dovrebbe sempre tenere a mente strategie comprensive di questi 4 passaggi fondamentali: solo così la strada per il successo potrà essere in discesa nel lungo periodo.

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook3Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?