La playlist dell’estate

Share on Facebook25Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
estate-2012-musica

In un articolo uscito nel precedente numero vi consigliavo della musica da inserire alla vostra playlist, mi sono detta allora, perché non scrivere un articolo sulla musica che non dovrebbe mancare durante le vacanze? Ho chiesto a qualche amico e ne è venuto fuori questo.

E voi che cosa ascoltate mentre siete in spiaggia o vi recate al mare?
Rock, soul, jazz, AOR, pop, o avete gusti ultramoderni come trap o swag?
Parliamone insieme!
Io inserirei subito qualcosa di ultramoderno e qualcosa di rock.
Che ne pensate?
Quando carichi la tua musica preferita è più importante di quando scegli i vestiti che ti servono.
Sfera Ebbasta, Young Signorino, Liberato, li inseriamo? :)
Qualcosa dei Beach Boys non può assolutamente mancare: Surfin’ USA, così come The Passenger di Iggy Pop.
Gli Stealers Wheel con Stuck in the middle with you; Solsbury Hill, di Peter Gabriel, è la mia preferita in assoluto da ascoltare in auto, prima di arrivare alla meta desiderata.
Mediterranea di Giuni Russo che dà un tocco d’altri tempi. E assolutamente non può mancare “Holiday” degli Scorpions.
Roberta mi ha detto che la sua canzone dell’estate è Shimbalaie di Maria Gadù, un ritmo dolce e malinconico, una samba suadente, che richiama tutta la saudade brasiliana, da ascoltare, magari al tramonto, in riva al mare calmo e invitante.
Ciro invece preferisce ritmi pop e romantici, proponendo “Simili” di Laura Pausini, un abbraccio per abbattere anche le diversità. Si sa che i viaggi servono per scoprire e conoscere anche nuove culture, per guardare con altri occhi.
Pasquale ci dice che nei suoi viaggi in auto non possono assolutamente mancare i Queen (e come dargli torto?), in particolare Bohemian Rhapsody.

music
Paolo invece ci propone qualcosa di dolce e di sofisticato insieme, una sonata da ascoltare al chiaro di luna mano nella mano di una dolce donzella, per lui “I told you lately” di Van Morrison, ma anche “Alive” dei Pearl Jam e “Con le mie lacrime” dei Rolling Stones, rigorosamente in italiano. E per finire “Claire de Lune” di Debussy. Adorabile!
Francesco Paolo ci segnala il genio che non può mancare assolutamente, vaghe reminescenze AOR, con “Meet me in the morning” di Bob Dylan.
Tiziano ci propone qualcosa di fresco e potente, come un tuffo dagli scogli più alti, “Chop Suey” dei System of Down, per lui.
Per Michele un ritmo rock’n’roll, graffiante e giocoso, Slow Ride dei Foghat. Come si può rimanere fermi, senza ballare, su questo pezzo?
La bellissima Veronica ci va giù pesante e ci fa sapere che non può mancare la discografia completa di Marilyn Manson, in particolare ascolta “This is the new shit” e “Heart-Shaped Glasses”.
Per Lorenzo è indispensabile la discografia completa degli AC/DC, aggiunge anche che preferisce gli album live.
Nella playlist di Igor non possono mancare “Tunnel of Love” e “Telegraph Road”, rigorosamente dal CD live “Alchemy”, dei Dire Straits. Grandissimi pezzi!
Con Alessandra torniamo al pop italiano anni ’90 e ci propone Luca Carboni. Beh come non ritrovarsi a canticchiare Mare, mare e a non ricordare il tempo dell’adolescenza per molti?
Per Andrea assolutamente musica anni ’80: Pet Shop Boys, Supertramp, Housemartins e anche per lui Dire Straits.
Chiudiamo questa carrellata di ottima musica con Brunella che ci ha fatto sapere che per lei quest’estate è pop rock anni ’80, tipo Michael Jackson, o un rock più aggressivo come quello degli Skunk Anansie, o di Skin. Bella ruggente l’estate della nostra amica.
Questa è la playlist di un gruppo di lettori dell’Undici, e la vostra? Scriveteci, lasciateci link tra i commenti.
Siamo molto curiosi di conoscere i vostri gusti musicali.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook25Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?