Deliri di uno psicopatico #19: Scopare per i like

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Ciao a tutti! Sono un allegro squilibrato che ogni 10 o 25 del mese prova a togliersi la vita. Prima di farlo annoto su un foglio i miei pensieri, ripromettendomi che se esce un buon articolo rimando il suicidio alle due settimane successive. Se dovrò restare vivo tanto vale rompere le scatole, no?? Questo è lo scritto di ieri.

Una domanda a tutti gli uomini: dovendo scegliere fra portarvi in camera sette sconosciute e non farlo sapere a nessuno e una ragazza strafamosa urlandolo al mondo quale scegliereste? Decisamente la seconda, vero? L’importante non è più tanto vincere quanto sfoggiare il fottuto trofeo con scritto: “Per i prossimi cinque minuti sarò io la star, cominciate ad adorarmi!”
sex

Questo denota tristemente che se togliessimo la trasgressione dal sesso probabilmente non lo farebbe più nessuno e se poi eliminassimo la posizione di potere e il rispetto che porta non ci sarebbe più motivo per sbattersi tanto. Dopotutto a che serve farlo se le persone non ti invidiano? Se farlo in due non ti rende meglio degli altri farlo da solo non sembrerà “sfigato” e a voi non interessa tanto il piacere quanto l’adulazione che questo comporta. Farsi una “schifosa maiala ninfomane arrapata desiderosa di maschi a volontà” se non sei socialmente visto come un eroe diventa un lavoro interminabile per soli cinque secondi di paradiso e se raccontarlo non ti glorifica agli occhi di chi ti guarda perché mai dovresti farlo?!
Davvero qualcuno crede ancora di farlo perché gli piace? Ma sul serio?
Molte donne sostengono che gli uomini pensino solo ad una cosa. È vero. Si chiama “Apologia di protagonismo” e consiste nel dover infilare dappertutto il proprio bisogno incontrastato di attenzioni per illuderci di contare qualcosa. Cercare il piacere per cercare di piacere.
sex2

Ci sono maschi accumulatori seriali di donne che si riempiono il letto di corpi con la stessa ansia di quei ragazzini che postano sui social trentadue foto al minuto. Procacciatori di approvazione, drogati di consenso, politici in erba in un’eterna campagna elettorale dove il riconoscimento vale più del merito.
In pratica che a voi donne sia piaciuto o meno a noi basta un nome da aggiungere al “curriculum”.
Siamo riusciti a portare le nostre manie di esibizionismo e i nostri odiosi insulsi complessi anche nell’unico ambiente incontaminato che ci restava. In fondo, perché mantenere il letto come luogo d’evasione assoluto se possiamo riempirci di stress anche li?
sex3

Il motivo per cui esiste il sesso a scopo ricreativo non è tanto togliersi i vestiti quanto togliersi il peso che ci portano i vestiti, toglierci le maschere che indossiamo tutto il giorno per renderci socialmente accettabili: tornare allo schifoso stato animale da cui ogni secondo prendiamo le distanze e ritornare ad essere quegli esseri istintivi che nascondiamo sotto la cravatta. Tant’è che se uno potesse essere sé stesso alla luce del sole non avrebbe bisogno di ricercare il vero sé al calare della notte.
L’unione dei corpi dovrebbe servire a liberarci delle inibizioni e non a crearne altre, ma siamo talmente inglobati nel sistema che appena ci accorgiamo che un ambiente è senza regole ce le infiliamo noi!!
E non contenti per non farci mancare nulla abbiamo creato nelle donne un senso di disgusto per l’essere definite “oggetti sessuali”. Tutti noi fra le lenzuola diveniamo oggetti atti al soddisfacimento altrui e non c’è nulla di immorale in ciò ma quando l’oggetto in questione è una donna e non siamo noi a goderne dei “benefici” diventa improvvisamente una questione di stato! Non è mai “troia” quando viene con noi, ma se noi siamo gli esclusi diviene una strega da mettere a rogo gettando benzina affinché prenda bene! Morale: quando il “trofeo” degli altri non può essere nostro non può che essere disprezzato.
Come se noi dovessimo sempre essere al centro dell’attenzione e il mondo dovesse girare attorno a noi a qualunque costo.
Se una fidanzata confessasse un tradimento chissenefrega del perché lo abbia fatto, se si sentisse abbandonata, se non si sentisse amata, se siamo noi ad aver fatto gli stronzi e se abbia preso precauzioni o sia rimasta incinta: il nostro problema è che non lo venga a sapere tutto il vicinato per non passare per cornuti. Non sia mai che la nostra attenzione possa focalizzarsi su qualcosa che non sia noi.
Qualora una donna poi intendesse organizzare la sua vita sessuale includendo elementi vibranti che non rendano indispensabile la nostra presenza molti ominidi di sesso maschile darebbero di matto in meno di un secondo bombardando la donna d’insulti come fosse un arbitro allo stadio. Ci vuole davvero un’autostima sotto terra per sentirsi minacciati da un pezzo di plastica con le pile, ma qualcuno ci riesce!!

Clara Campi

Clara Campi (Stand up comedian)

Il solo pensiero di non essere al centro ci logora dentro come poche cose al mondo tanto che arriveremmo anche a uccidere pur di riuscire a riprenderci il “trono”.
Ora a chi mostrerà risentimento emanando riprovazione come gli avessi violentato la zia dirò di star tranquillo, non sarà questo articolo a stravolgere il sistema. Rilassatevi.
Domani potrete ricominciare a sbattere rumorose vagine sul tavolo nella speranza di essere sentiti, invidiati e disprezzati e se basta questo a rendervi felici fate pure, ma se in futuro vedrete una donna concedersi per soldi non guardatela come fosse la peggio feccia della società, non indignatevi a comando, non scandalizzatevi facendo i finti puritani con espressioni del tipo “Ommioddio”. C’è chi è messo peggio, no? C’è chi scopa per i like!
L’editoriale finisce qui e l’appuntamento è fra qualche settimana sempre se rimango in vita.
Per insulti, offese e minacce o per regalarmi una sedia e una corda commentate qui sotto.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?