Circuiti elettronici sulla pelle, è possibile?

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

 

Amici cibernetici, amanti dello sci-fi, che vestite Gucci, e che tra poco girerete con il conta-followers sulla fronte, in questi giorni ho letto questa notizia che ho trovato molto interessante. Ne sentiremo parlare spesso, e ho deciso di scrivervi un piccolo anticipo.
In pratica con una pasta d’argento, che non ha bisogno di temperature altissime, per rimanere saldata alla pelle, riescono ad applicare circuiti elettronici stampati in 3D sul corpo.
I-primi-circuiti-elettronici-stampati-sulla-pelle-in-3D-–-IL-VIDEOQuesti circuiti potrebbero diventare sensori per armi chimiche, o biologiche, per soldati impegnati in azioni di guerra, o anche celle solari per ricaricare computer indossabili.

Tutto quello letto nei libri cyberpunk di Gibson potrebbe diventare realtà.
Con procedimenti simili stanno studiando innesti per riparare le ferite.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Advanced Materials, ed è stata condotta dai ricercatori dell’Università del Minnesota, guidati da Michael McAlpine.


Il segreto del funzionamento sta proprio nell’utilizzo della pasta d’argento che si deposita a temperatura ambiente, mentre altri materiali hanno bisogno di raggiungere i 100°, bruciando non solo la pelle, ma anche eventuali tute. Inoltre una volta applicato lo strato di argento si rimuove facilmente con una pinzetta, o semplicemente lavando via la pasta con dell’acqua.
“Siamo entusiasti del potenziale di questa tecnologia che utilizza una stampante portatile dal costo inferiore a 400 dollari”, ha rilevato McAlpine. “Immaginiamo – ha poi aggiunto – che un soldato possa estrarla dallo zaino per stampare sulla sua mano un sensore”.
Molto importante anche l’aspetto per gli innesti di pelle. In laboratorio è stata riprodotta una pelle sintetica per riparare la cute danneggiata di un topo. In quel caso è stato utilizzato come inchiostro un gel a base d’acqua arricchito con cellule della pelle, coltivate in laboratorio.
Che ne pensate? Io lo trovo interessantissimo. Soprattutto per chi come me si diletta con il circuitbending fuori casa… Stai a vedere che non dobbiamo più smontare giocattoli ed elettrodomestici, ma gli strumenti elettronici incominciamo a portarceli addosso? Torneranno i tempi di Arduino e di elettronica tascabile?

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

Perché non lasci qualcosa di scritto?