Ti blocco perché ti amo troppo

11
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
bloccare-whatsapp

Quante volte vi è successo di essere bloccati da qualcuno su tutti i canali: social, telefonici, etc. Magari senza neanche riuscire a spiegarvi il reale motivo?
A me è successo un paio di volte, ma anche io sono arrivata a bloccare qualcuno.
I motivi possono essere i più disparati. Nel mio caso, di solito, arrivo a bloccare, non perché dell’altra persona non mi importa più nulla, ma perché al contrario mi interessa molto e per evitare di cadere vittima di paranoie insensate, preferisco non vedere, non sapere, non sentire.
Quindi nel mio caso se blocco qualcuno, è perché lo ‘amo troppo’, o almeno me ne importa troppo e non sono ricambiata.
Diventa una sorta di difesa verso qualcuno che mi sta procurando un dispiacere.
Ovviamente questo non può valere in assoluto.
Arrivare a tagliare fuori dai nostri canali qualcuno significa comunque riconoscergli un potere immenso, non ci può essere indifferenza in questo caso.
Come dicevo pocanzi, questo discorso non vale in assoluto, ci sono anche quelli che utilizzano varie scuse per allontanarsi da qualcuno e, per non dare motivazioni valide, preferiscono sparire del tutto.
Diciamo che negare il diritto di parola a chi sente il bisogno di esprimersi è sempre un gesto vile, che alimenta ancora di più la delusione nell’interlocutore, tra persone adulte si parla e ci si confronta. Almeno così dovrebbe essere.
Il caso è ben diverso se si è vittima di stalking, o di qualche tipo di persecuzione, in quel caso bisogna assolutamente chiudere tutti i canali con la persona che ci infastidisce.
Un po’ come il film: “Se mi lasci ti cancello”, in realtà in quel caso il procedimento era diverso, però effettivamente se abbiamo intenzione di dimenticare qualcuno, bisognerebbe prenderne le distanze: “Occhio non vede. Cuore non duole.” – recita un vecchio proverbio.
Ma quali possono essere i motivi per i quali l’altra persona ci blocca? In realtà possono essere diversi. Quelli che ho sperimentato io, sono: un’arrabbiatura momentanea risolta poi con sblocco (semi-immediato) perché non aveva ragione di esistere. Una stupida litigata tra amiche, finita in un ‘addio’. Un blocco totale: concreto ed emotivo. Senza nessuna spiegazione, dopo la fine di una relazione importante, e in questo caso il soggetto in questione è stato proprio un vigliacco. Erano rimaste tante domande in sospeso che ho risolto da sola negli anni. E infine una sparizione, apparentemente senza giustificazione, salvo scoprire dopo tempo che, la persona in questione, era già impegnata in contemporanea alla frequentazione con me.
In linea di massima queste sono le motivazioni solite per cui le persone spariscono senza lasciare spiegazioni.

Come ci si sente quando si subisce? Male. Si rimane fortemente delusi da parte di qualcuno che credevamo quanto meno ‘amico’, ma che in realtà forse non ci reputava tale. I sentimenti con il passare del tempo possono essere contrastanti, anche in base all’importanza di chi ha compiuto il gesto nei nostri confronti.

Certo c’è pure chi esagera con messaggi, telefonate, al punto da diventare ossessivo, in questo caso bisognerebbe cercare di contenersi: la presenza non dovrebbe essere mai fastidiosa, ma una cosa bella e piacevole.
Può capitare anche che per incompatibilità di carattere proprio si fatichi a comunicare, questo è un altro caso in cui, per l’esasperazione, non ci si senta più.
Nei tempi in cui viviamo, il blocco è più evidente, potremmo definirlo ‘fisico’, lo percepisci, lo vedi: sul telefono scompare l’immagine profilo Whatsapp e compare un’icona asettica grigia, sugli altri social quella persona non compare proprio più, come se non fosse mai esistita. In realtà il blocco avveniva anche negli anni precedenti all’avvento della tecnologia. Un mio lettore mi ha suggerito che prima si bloccava principalmente a livello emotivo, magari perché si era troppo giovani per lasciarsi andare alle emozioni e quindi si prendevano le distanze. Si finiva che non ci si salutava neanche più per strada e si perdevano amori importanti. Diciamo allora che i blocchi ci sono sempre stati e per i motivi più disparati. Poco male però se quel blocco avviene da qualcuno che non ha un ruolo determinante nella nostra vita, ma è un gran peccato se il blocco ci viene somministrato da una persona che poteva essere valida per noi, per le nostre emozioni, per la nostra crescita. A quel punto il rimpianto sarà più grande con il passare del tempo per chi ha preso quella decisione, mentre in realtà chi la subisce, un po’ ci rimane male, ma poi se ne fa una ragione.
Chi non ha voglia di interagire non deve essere mai obbligato a farlo. Mentre se realmente abbiamo sbagliato qualcosa è giusto chiedere scusa e rispettare i tempi dell’altro.
Voi siete mai stati bloccati?

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

11 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Gianluca de Ceglie

    io sono stato bloccato dopo quasi un anno dopo che abbiamo chiuso. erano quasi 8 mesi che non ci sentivamo. in tutto questo tempo io sonon andato avanti con la mia vita, non ho mai pressato questa persona per la decisione pche aveva preso, ovvero di chiudere. a distanza di qualche mese, Incontrandola casualmente un giorno avevo deciso di scriverle un mex per lasciare rancori e mostrarle apertura e ristabilire quantomeno un rapporto civile. mi rispose con freddezza. Dopo questo io non l’ho mai più sentita e ho deciso di voltare pagina e proseguire con la mia vita. non ho mai bloccato nessuno, e neanche ho bloccato lei. mi sembra un gesto privo di senso ed infantile. Da allora fino a qualche giorno fa lei è ricomparsa seguendomi sui social, visualizzando stories instagram e stati whatsapp, ultima delle quali mi trovavo a barcellona per le vacanze di pasqua. Dopo averle visualizzate mi sono accorto che mi aveva bloccato su whatsapp. Ora, vorrei capire come mai si riduce così certa gente, e cosa vuole dimostrare agendo in questo modo, sopratutto quando non ci si sente ormai da tempo, si son prese strade diverse che lei stessa ha voluto prendere, ed io dal mio canto non ho mai infastidito o tempestato di mex. Reputo tale comportamento sensa senso e provocatorio che al max si poteva mettere in atto a 15 anni, ma qui si parla di una persona di 32 anni. Grazie per chi mi risponde.

    Rispondi
    • Stefania

      Ciao Gianluca.
      La penso esattamente come te,chi blocca una persona che ha fatta parte della propria
      vita
      ….amore….si comporta in modo infantile.Capisco che ci possano essere stati dei problemi,magari anche qualche parola di troppo ma bloccare qualcuno e lasciarlo “solo”con tanti perché é addirittura crudele.Fa molto male.
      Io non ho mai bloccato nessuno perché detesto questo comportamento vigliacvo ed egoistico.
      Normalmente sono gli uomini che spariscono nel nulla e il tuo commento lo trovo davvero dolcissimo.

      Rispondi
  2. astarwillshine

    io sono stata bloccata varie volte dalla stessa persona, ci eravamo lasciati e io volevo chiarire cose che non ho mai chiarito. comunque il personaggio mi bloccava e sbloccava a piacimento, e secondo me qualche problemino lo aveva anche lui.. qui per dire che certo non sono una santa, ho bloccato anche io, ma ho bloccato spesso persone che mi hanno bloccato per anni e poi senza motivo sbloccato. ho bloccato parenti perché ho una situazione complessa a casa, ma non toglierei nessuno dei blocchi che ho messo, perché ognuno ha motivo di esistere. ho bloccato anche per debolezza.. la persona magari non provava quello che provavo io e per non vedere foto di ex felici con nuove compagne. la peggiore è stata una ragazza che mi ha urlato contro e fatto gli screen shot dei messaggi che ci siamo scritte a livello pubblico.. l’ho bloccata perché era aggressiva e bulla, mentre io rispondevo tranquillamente. ma forse è la cosa che mi ha ferita di +: ha “giocato sporco” alle mie spalle.

    Rispondi
  3. Ally

    Il mio ex ha decretato la fine della nostra convivenza e del nostro rapporto non tornando più a casa e bloccando sui social. Come posso descrivervi il dolore che si prova? Immenso. Come immenso é il senso di frustrazione per la vigliaccata. Le persone adulte e mature affrontano i problemi e le situazioni ma non tutti siamo fatti allo stesso modo e ad oggi i social ci danno una mano per nasconderci e non prenderci responsabilita. La vita reale fortunatamente ci aiuta: gli affetti in carne e ossa, gli abbracci, gli amici veri. Un abbraccio a tutti.

    Rispondi
    • Imma I.

      Mi dispiace molto, almeno le ha lasciato la casa. Se la può consolare, anni fa, un ex fidanzato la sera per la mattina cambiò la serratura di casa senza permettermi di rientrare a ritirare neanche i miei vestiti. Non ho mai avuto indietro nulla: mobili, oggetti personali, vestiti, console di gioco e beni importanti. Non è stato per le cose in sé, ma per la delusione. Dopo cinque anni di relazione io non ho mai saputo i motivi veri per cui quella relazione sia finita. Anche io fui bloccata ovunque oltre al cambio della serratura di quella che era anche casa mia. Era un fidanzamento ufficiale, una convivenza. Inutile dire quanto mi abbia fatto male e cambiata nel profondo. I social nel nostro caso furono il problema minore. Ovviamente era presente una terza persona di cui io sono venuta a sapere solo mesi dopo. Spero che ora le vada un po’ meglio. Imma I.

      Rispondi
  4. Massimo

    Io sono stato bloccato sui social da una donna proprio di recente, e la cosa mi ha fatto ancora più male perché mi era già capitato con un’altra donna, ed ancora ci sto male, e chi se ne frega se mi dicono che sono un debole, che un uomo dovrebbe essere sempre forte, di certo non mi fa piacere stare male, ma tutti i blog e siti che parlano di seduzione non fanno altro che dire che l’uomo deve essere forte, deve essere sicuro di sé stesso per poter attrarre una donna, che non deve mostrare le sue debolezze, beh io di sicurezze non ne ho più, quando le persone ti fanno del male, giocano con i sentimenti e ti fanno soffrire di sicurezze non ne hai più, e questo è il motivo per cui a volte non ci si rimette in gioco o si ha paura di rimettersi in gioco, paura di cadere e di farsi male di nuovo. Comunque tornando a noi, la ragazza in questione mi ha bloccato prima su Instagram e poi su Facebook, premetto che non la conosco di persona, ci siamo conosciuti solo virtualmente su Instagram, all’inizio interagiva con me, rispondeva quando ho lasciato un commento ad un suo post, mi rispondeva in direct anche se un po’ a monosillabe, poi proprio pochi giorni fa mi ha bloccato su Instagram ed immagino il perché lo abbia fatto, probabilmente crede che io sia uno che vuole fare il cascamorto con ogni ragazza che vede ma non è assolutamente così. Il giorno dopo le ho inviato una richiesta di amicizia su Facebook e le ho inviato un messaggio su Messenger chiedendole del perché mi avesse bloccato su Instagram, e che ci ero rimasto male e che ancora ci stavo male, chiedendole cosa avessi fatto di tanto sbagliato, invitandola a prendere un caffè insieme per poterla conoscere, e lei mi ha risposto che si stava frequentando con un altro ragazzo e che questo ragazzo è geloso, ma è palesemente una bugia, perché dato che ha il profilo Instagram pubblico e in internet ci sono dei servizi che consentono di vedere le storie Instagram di un determinato utente in modo anonimo, ho potuto vedere una sua storia Instagram del giorno in cui mi ha bloccato, dove diceva “aspettare qualcosa che non arriva mai”. E’ chiaro secondo me che mi abbia bloccato perchè sarà rimasta delusa dal fatto che non le abbia proposto di uscire dato che la seguivo già da un pò su Instagram, ma io non sono assolutamente il tipo di persona che si sente con decine di ragazze, io volevo solo aspettare l’occasione giusta per poterla conoscere meglio sia tramite social che dal vivo di persona, ma lei questo tempo non me l’ha dato, mi dispiace che abbia pensato che io sia uno che ci prova con tutte, la verità è solo che quando ci sono delle esperienze precedenti che ti hanno segnato, come dicevo all’inizio di questo commento, non si ha più tanta voglia di rischiare, un pò come nella canzone cinque giorni di Michele Zarrillo dove dice “perchè quando sei ferito non sai mai, oh mai, se conviene farsi forza, o lasciarsi andare giù, nel mare”, solo che così facendo non esponendosi si rischia di dare adito ad interpretazioni sbagliate. Io non so se riuscirò a recuperare con questa ragazza, lo spero, ma anche per dare prova che non sono quel che lei mi crede, io vorrei poterle dimostrare che voglio conoscerla e frequentarla e che non mi sto sentendo nel frattempo con altre donne, io sono sempre stato abituato a conoscere una ragazza per volta, poi se la ragazza proprio non ne vuole sapere di me e mi respinge in tutti i modi possibili ed immaginabili, per quanto male mi faccia, e garantisco che fa male, me ne faccio una ragione e vado avanti, ma ciò non vuol dire che si abbia il diritto di giocare con i sentimenti di una persona uomo o donna che sia, e nel mio caso con quest’ultima ragazza, l’unica fortuna e possibilità che ho, è che so come poterla incontrare di persona e parlarle, sperando che basti a farle capire che io non sono quel che lei pensa, chissà!!

    Rispondi
  5. Emiliana

    Trovo il blocco l’ultima frontiera degli incapaci. Incapaci di dare ascolto di assumersi la responsabilità delle proprie azioni ed emozioni. Inutile sentirsi legittimati dal fatto che esistano procedure per bloccare. Se è per questo esistono anche le armi ma non significa sia giusto usarle. Personalmente non blocco nessuno. Come si dice : non fare agli altri quello che non piacerebbe venisse fatto a te. Invece in giro è il contrario, persone che rimarrebbero malissimo se gli venisse chiuso ogni canale, lo chiudono con la massima disinvoltura al prossimo. Per me sono comportamenti vigliacchi, lo ripeto, di gente profondamente disturbata interiormente. Soprattutto tenuto conto del fatto che schiacci con violenza la tua volontà, lasciando la vittima priva di ogni diritto di replica. Mostruoso!! Pensa che lo fanno anche uomini/donne ultra in età. Con tanto di figli e mogli.Ho sentito certe storie. Agiscono come adolescenti che danno scandalo ai loro figli. Che bell’esempio!!!

    Rispondi
  6. Marco

    Ciao. Sono un lui e sì, sono stato bloccato da una ragazza dopo uno scambio di messaggi che decretava la fine della nostra relazione. Il suo ultimo messaggio era pieno d’astio e di insulti e mi ha bloccato per non ricevere la mia risposta… cosa che ho ovviato mandandogliela per email (senza insultarla a mia volta me spiegandole semplicemente il mio punto di vista). Il mio punto di vista era proprio ciò che non voleva sapere, scrivendomelo esplicitamente. L’ho considerata una mossa vigliacca ed infantile anche perché viviamo nello stesso stabile e lavoriamo nello stesso ufficio.
    Gradirei discutere con te sull’argomento se ti va. Ciao.

    Rispondi
    • Imma I.

      Salve Marco, beh essere bloccati, senza avere possibilità di replica non è mai una cosa bella. Forse avresti fatto meglio a far scemare la pressione e a cercare un confronto in un secondo momento. Se una donna è arrivata ad avere una reazione del genere forse, dal suo punto di vista, era molto arrabbiata. E tu hai insistito inviandole anche un’email. Lavorate insieme, abitate nello stesso stabile, non deve essere semplice per lei gestire tutto. Poi non conosco la storia, non posso valutare.

      Rispondi
  7. Samy Barbara spada

    Io lo sto sperimentando ora dopo un litigio. Bloccata su wats app ma non su fb…..boooh

    Rispondi

Rispondi a Ally Annulla risposta