Cosa vedere a Tenerife

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Cosa vedere a Tenerife? Per la fortuna dei turisti, per rispondere in modo esaustivo a questa domanda non basterebbero dieci articoli di giornale. Ogni anno, oltre cinque milioni di persone visitano l’isola, che è anche la più grande e popolosa delle Canarie, e i motivi sono molteplici: tra spiagge, natura e locali, c’è davvero tutto quello che serve per una bellissima vacanza. Ma quali sono le cinque cose che è d’obbligo visitare durante un soggiorno a Tenerife?

 

Chi c’è già stato vi direbbe il Parco nazionale del Teide, e avrebbe ragione. Si trova sulla parte più alta dell’isola, e trova la sua massima espressione nel Teide, la cima più alta di tutta la Spagna (nonché uno dei più affascinanti vulcani del mondo). Il parco è patrimonio dell’umanità UNESCO: assicuratevi di scoprirne il motivo visitandolo in maniera approfondita. Per un fascino del tutto diverso, recatevi invece a Santa Cruz. Questa città, la più importante di Tenerife, è una riuscita miscela di architettura, spiagge e cultura: il famoso carnevale si svolge proprio lungo queste strade, e se capitate nel periodo giusto non potete davvero perdervelo.

 

Il porto di Santa Cruz, il principale delle Canarie, è famoso per l’auditorio Adán Martín, progettato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava. Molti turisti si limitano a fermarsi di fronte alla sua iconica struttura per farsi un selfie, ma se riuscite andateci per sentire l’opera: a questa pagina trovate tutta la programmazione, costantemente aggiornata. Se invece preferite ballare sulla sabbia, dirigetevi a Playa de las Américas: questa località, al pari di altre del versante sud-occidentale di Tenerife, è ideale per chi, stufo della natura e del silenzio, intende vivere la notte tra locali e feste sulla spiaggia.

È il bello di quest’isola: permettere al turista di passare dalla natura incontaminata alla musica e ai cocktail in mezz’ora di strada (o anche meno). Per ribadire il concetto, chiudiamo il nostro excursus con il Drago de Icod de los Vinos, meglio noto come Drago Milenario. È un drago, sì, ma non di quelli con le ali e la bocca che sputa fuoco: si tratta di un albero, e anche non si sa bene quanti anni abbia (il dibattito sull’età è ancora aperto), le stime più attendibili dicono tra gli ottocento e i mille anni. Davvero volete partire da Tenerife senza fargli le vostre congratulazioni?

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?