Il rispetto

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Il rispetto di una persona come me, te lo devi guadagnare perché io sono una persona seria, pulita e la gente squallida la tengo ben lontana. Il rispetto ed il suo attuarsi è anche una forma di amore, o sei capace o non lo sei.

L’incapacità del rispetto l’hanno le persone fallite, disperate, che vedono molto bene lo schifo che hanno dentro. Se dunque senza motivo alcuno non mi rispetti, ma mi offendi, mi calunni, non potrai mai avere la mia stima, sarebbe come averne per chi il letame lo ha ovunque. Ricordo una frase di un mio amico in riferimento ad una donna maligna e frustrata: “Quella è marcia dentro e fuori”. Se dunque cerchi il mio rispetto ma ti comporti con me come una persona falsa, menzognera, finta e la tua bocca è sporca delle varie nefandezze che hai tirato fuori, mi vai cercando ancora?

Esiste della gente qualunque che semplicemente non è degna della mia vicinanza; gente banale che insiste e persiste con le loro strategie da quattro soldi; gente che è stata irrispettosa con me gratuitamente anche quando non sapevo che esistesse ( sempre ammesso che l’ abbiano una loro vita).

Si ha reciproco rispetto innanzitutto se non hai paura di dire la verità, ma viviamo in un mondo di menzogneri; c’è il rispetto se hai il coraggio di difendere, proteggere, invece ultimamente vedo solo persone codarde. Non vorrei stare qui a spiegare il rispetto. Tutto ciò che ho scritto è una denuncia della condizione di squallore in cui vivono in molti che si riempiono la bocca di parole dai sani valori e subdolamente diffamano chiunque, anche chi crede di esserne amico. 

Il rispetto di una persona come me è una grande conquista e non è da tutti perché include la trasparenza, la sensibilità, il coraggio e se siete persone meschine non l’ avrete mai. 

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?