Il mal d’autunno e come curarlo

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

L’autunno è una stagione dall’atmosfera magica e suggestiva, ma che allo stesso tempo, coi suoi toni cupi e le sue giornate che si accorciano, porta con sé una malinconia che si trasmette alle persone, manifestandosi in uno stato di persistente spossatezza. È questo il cosiddetto mal d’autunno o “astenia autunnale”: un disagio fastidioso e oppressivo che genera tutta una serie di effetti indesiderati.

Tra questi, il torpore, la difficoltà ad alzarsi al mattino, l’irritabilità e una diffusa sensazione di stanchezza e malessere psicofisico. Come suggerisce la sua denominazione, il mal d’autunno è un disturbo stagionale, dalla durata temporanea. Ciò non significa però che non si possa opporre una reazione a questo stato di malessere, per fare in modo che i suoi sgradevoli effetti spariscano più in fretta e che si ripristini il ciclo fisiologico alterato dal sopraggiungere della nuova stagione.

I dati in Italia
Una corretta informazione su questo tipo di problema è cruciale. Infatti, il mal d’autunno è un disturbo più diffuso di quello che si pensa, ed è necessario venire a conoscenza di tutte le piccole strategie adatte a prevenirlo o curarlo.
I dati sono abbastanza allarmanti: a detta dell’Osservatorio Sanpellegrino, infatti, a risentire dei sintomi predetti è l’80% degli italiani. Alessandro Zanasi, professore universitario e idrologo dell’Osservatorio, ha dispensato alcuni consigli utili a sconfiggere il disagio che colpisce 4 persone su 5. L’esperto suggerisce un’alimentazione ricca di magnesio, elemento presente specialmente in frutta secca, che ha un effetto distensivo sull’umore, e l’assunzione di molta acqua (almeno 8 bicchieri al giorno) per prevenire senso di stanchezza e mal di testa.

I possibili rimedi
Il primo campo su cui intervenire è quello dell’alimentazione. La terapia d’urto deve comprendere il consumo di una colazione abbondante, in modo che il fisico disponga delle energie necessarie per affrontare al meglio anche la giornata più faticosa. Per contro, il pranzo dovrà essere leggero per non indurre sonnolenza e la cena digeribile per garantire un sonno profondo e indisturbato. Ad una dieta sana ed equilibrata potrà essere affiancata l’assunzione di un integratore energetico naturale, come quello apposito di Giuliani, ricco di attivi utili a garantire il benessere psicofisico. Come si è anticipato prima, per una corretta lotta all’astenia autunnale, lo stile di vita deve essere tale da non incidere negativamente sul sonno. Per cercare di influire in maniera benefica sul proprio umore quindi, sarà necessario stabilire una routine salutare, fatta di sessioni di sonno regolari e sufficientemente lunghe. Per evitare stati ansiosi o episodi di insonnia, sarà un bene stare alla larga da bevande eccitanti, come caffè e alcolici.

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?