Delirio d’amore

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Mi manchi,
Mi sento strappare il cuore dal petto,
Sento l’anima pesante come un macigno.

Piango,
Piango nel silenzio della notte
E nel deserto della mia camera.

Sento forte la tua assenza,
Fa un rumore troppo assordante,
Mentre è il buio davanti ai miei occhi.

Vieni da me
A placare la tempesta che ho dentro,
A cibare il mio essere con la tua presenza.

Vieni,
Bacia ogni centimetro del mio corpo
ed ogni vuoto della mia anima.

Stai con me,
Fondi il tuo corpo con il mio,
Mischia il mio spirito con il tuo.

Restami accanto,
Regalami fremiti inebrianti,
Travolgimi con la passione più intensa.

Non esitare,
Strappami via vestiti e tristezza,
Penetra la mia carne e invadimi il cuore.

Non andare via,
Facciamo l’amore ancora una volta,
E poi altre mille.

Amami.
Ho bisogno di te.
Mi sei necessario come l’aria.

Baciami.
Stringimi.
E ancora amami.

[Francesca Coderinis]

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Viviana Alessia

    Quasi una ballata che s’ apre col pianto consueto della solitudine femminile, dispersa e dolente, e che via via s’ accende del desiderio di una presenza appassionata che sa unire la passionalità dei corpi all’ afflato dello spirito. Una bella, semplice e penetrante poesia che lascia in chi legge, parola dopo parola, un solco antico, luminoso e ardente, sperimentato, lungo quanto la vita concessa. La mancanza sofferta dell’ oggetto d’ amore, la tristezza che si scioglie in lacrime calde, l’ invito accorato. Il desiderio infuocato della fusione totale degli amanti. E’ l’ Amore. Uno di quegli amori che riverberano la loro luminosità fino ai confini dell’ universo, guadagnando l’ eternità del cielo, al di là del tempo e dello spazio che esso potrà carpire sulla terra. Amore che resterà per sempre, in tutta la sua avvolgente e ardente carnalità, in tutta la sua profonda e intima spiritualità.
    Parole che scorrono chiare e illuminano di vibrante realtà un tempo di solitudine, quel tempo che rende gli amanti più bramosi e vicini. Non importa il domani. Il tempo s’è fermato a questo intenso desiderio d’ amore totalizzante. Esso resisterà a tutto ciò che il mondo deciderà per la donna e l’ uomo che in esso si sono ritrovati come semi trasportati là, nella nicchia di pietra arroventata nel sole, dalle brezze di zefiro appena tornato.

    Rispondi