La nuova fabbrica Tod’s aprirà ad Arquata del Tronto

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Sarà inaugurato a dicembre ad Arquata del Tronto il nuovo polo industriale Tod’s. Lo stabilimento darà lavoro a 100 dipendenti, tutti provenienti da Arquata, Acquasanta e altri comuni colpiti dal terremoto. È stato già previsto anche un piano per un ampliamento futuro della struttura. Vediamo ora i dettagli dell’iniziativa.

Tod’s: un brand storico

Rilanciare l’economia di una zona in crisi e comunicare l’immagine di un’Italia che sa rialzarsi e ripartire: è questo l’ambizioso progetto di Tod’s, lo storico brand italiano famoso in tutto il mondo per la qualità delle sue scarpe, disponibili in moltissimi negozi e anche negli store online di una certa levatura, fra cui ad esempio il sito di abbigliamento YOOX. Come la maggior parte di noi sa questo marchio è nato a inizio ’900 per mano di Filippo della Valle. Inizialmente connotato dal tipico spirito di un’impresa a conduzione familiare, Tod’s fa un salto in avanti in seguito all’arrivo di Diego della Valle, che negli anni 70 porta la società al successo che tutti noi oggi conosciamo.

Il nuovo polo industriale Tod’s: tutti i dettagli

Lo stabilimento sorgerà su una superficie di circa duemila metri quadrati, acquistati dal Gruppo Tod’s subito dopo il terremoto, e ricalcherà la struttura di Casette d’Ete. L’investimento di capitale per la realizzazione dell’impianto ammonta a 5 milioni di euro e altrettanti potrebbero esserne stanziati per i futuri ampliamenti. Ad annunciare l’inaugurazione del polo industriale per dicembre 2017 era stato lo stesso Diego Della Valle in una conferenza stampa di fine agosto organizzata proprio nel cantiere dello stabilimento in costruzione.

Ottimo esempio di collaborazione fra pubblico e privato

Un’iniziativa, quella del CEO di Tod’s, che ha ricevuto grandi plausi anche da parte di alte cariche dello Stato, in quanto esempio di cooperazione virtuosa tra pubblico e privato, che in questo caso sono riusciti a mettersi efficacemente all’opera per il bene comune. Il commissario alla ricostruzione Vasco Errani ha infatti sostenuto che l’iniziativa di Della Valle può contare su un concreto appoggio statale, e dovrebbe diventare un esempio per altri imprenditori ad intraprendere un percorso analogo. Dalle dichiarazioni di Diego Della Valle in occasione della conferenza stampa indetta per annunciare l’inaugurazione del nuovo stabilimento emerge chiara la volontà di contribuire attivamente alla ripresa dei territori colpiti dal sisma.

Le prospettive future

La nuova fabbrica consentirà di dare occupazione a molti giovani dei paesi terremotati. Le prime cinquanta persone inizieranno a lavorare subito dopo l’inaugurazione di dicembre, dopo aver sostenuto un periodo di formazione negli altri stabilimenti presenti in regione. Altri cinquanta lavoratori verranno assunti entro la primavera del 2018, dopo esser stati correttamente formati, come previsto dagli standard aziendali.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?