Paolo Conte, 40 anni di musica

3
Share on Facebook34Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Quarant’anni di carriera per questo amabile giovanotto e lui ha deciso di festeggiare uscendo con una raccolta delle sue canzoni più significative.
“Zazzarazàz – Uno Spettacolo D’arte Varia”, esce per la precisione il 27 Ottobre, in due edizioni: una Standard e una Deluxe.
All’interno del packing standard ci saranno quattro CD: tre con le canzoni più belle in versione originale, un CD con i brani reinterpretati da altri artisti (Jannacci, Benigni, Mannoia, De Gregori, Silvestri, Dalla, Makeba) e un booklet fotografico con l’introduzione proprio di Paolo Conte.
Nella versione deluxe troveremo invece ben otto CD, così divisi: la raccolta completa con 7 CD delle canzoni più belle, il CD con i brani reinterpretati dagli altri artisti e il libro fotografico di 80 pagine con l’introduzione del cantautore.
Esalta la raccolta anche la presenza del brano inedito, registrato per l’occasione, “Per te”.
Poeta della musica, artista delle parole, negli anni ha saputo crearsi e reinventarsi una sua posizione nella musica di nicchia.
Maestro nella musica d’autore più ricercata, più nobile, ha saputo farsi apprezzare anche dagli ascoltatori più severi che oggi sono i suoi fan più leali.
Ha saputo esercitare attraverso uno stile jazz una forma di attrazione come pochi. Le melodie pulite ma sognanti, la velocità mai invadente, le parole ricercate lo hanno reso unico.
Diverse le biografie che ci raccontano la sua vita, la sua storia, le strade percorse.
L’avvocato pittore musicista, porta avanti da oltre trent’anni il suo progetto, iniziato come un disco, diventato sceneggiato radiofonico, sfociato poi in progetto di operetta multimediale “Razmataz”, oggi ce lo ripropone in tutto il suo percorso, in tutta la sua lunga storia.
Un racconto mai chiuso, una favola senza una fine.
All’interno del libro fotografico saranno riproposte oltre a varie fotografie inedite e private dell’autore, anche molte sue opere pittoriche.

“Fa un certo quale effetto per un compositore vedere tutte (o quasi) le proprie canzoni riunite insieme. A me non appaiono lontane quelle più antiche né vicine quelle più recenti. Le più vecchie in ordine di tempo erano figlie di una fantasia più vergine. Io stesso, componendole, ricordo di aver provato la sensazione di stupirmene. Saranno capite? Era la domanda che qualche volta rivolgevo a me stesso…”

Dice lo stesso Paolo Conte alla presentazione di questa grande raccolta.
Il suo linguaggio ricercato, colto, raffinato lo hanno reso un paroliere indimenticabile, ogni verso di una sua canzone è una carezza. La sua cantata inconfondibile ha un posto nel cuore di noi tutti. Come non raccontare la classe con cui varca il palcoscenico, e la potenza amorevole con cui poi domina le platee che ancora oggi rimangono incantate ad ascoltarlo?
Mi è capitato di assistere a una cosa simile solo qualche anno fa ad una delle ultime esibizioni dal vivo di Leonard Cohen.
Magia sulla punta delle dita, candore d’altri tempi per questo instancabile giovane signore che porta con sé una malinconia quasi proustiana, di un tempo mai perduto però, che non è passato e che non passerà mai.

 

Photo fonte web

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook34Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Imma I.

Benvenuto! Se mi stai leggendo è perché molto probabilmente anche tu sei attratto dalla musica, dall’arte, dal cinema, dalla letteratura, dai videogiochi, dai fumetti, dalla fantascienza. Insomma essere sempre al corrente sulle ultime novità in qualsiasi campo. Scrivo praticamente da sempre, mi sono dedicata nei primi anni del mio lavoro alla cronaca locale, arrivando poi a collaborare con alcune riviste di cultura (lastanzadivirginia) e con webgiornali nazionali (YOUng). E questa con l’Undici è proprio la collaborazione che aspettavo da un po’… Mi piace informarmi e conoscere quante più cose mi riesce, ma mi piace anche condividere i miei pensieri con chi è curioso come me. Oltre alla passione per la scrittura, sono una editor/consulente editoriale, collaboro con diverse case editrici. Amo il surf, il punk, il rock, l’handmade, creare bolle di sapone giganti e le olive verdi. Sono felice di poter condividere un po’ del mio mondo con chi avrà il piacere di leggermi. A presto! Seguimi anche su Facebook! Mi trovi come: Imma Stellato Iava, o Imma I.

3 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Paolo Flamigni (Gigi)

    Non vorrei fare la figura di quello che si vanta con gli amici al bar, ma conobbi personalmente Paolo Conte, una sera a cena eravamo in 5, tra cui lui e la sua bellissima moglie Egle. Una compagnia davvero piacevole, Paolo conte è una persona squisita, di quelle persone che hanno cose da raccontare, ma sono brave anche ad ascoltare.

    Rispondi
  2. Costanza

    Cara Imma, che dire. Un’emozione vera leggere il tuo articolo. Chiaramente con le note di Conte come sottofondo. Mi sei piaciuta tantissimo!

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?