Il Premio Luigi Malerba: una scommessa con le parole

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Scrittore, narratore per bambini, giornalista, sceneggiatore: è grazie alla vivacità e alla grandezza delle sue opere che Luigi Malerba è ancora oggi, a 9 anni dalla sua scomparsa, uno degli autori più originali e significativi del nostro panorama culturale, costantemente in grado di osservare, durante la sua lunga carriera, gli infiniti volti del reale, attraverso uno sguardo originale, attento e lucido, in grado di essere allo stesso tempo tagliente e incantato, paradossale e autentico.
Nato nella piccola Berceto, in provincia di Parma, si laurea in giurisprudenza e lascia l’Emilia per Roma, dove comincia ad occuparsi di sceneggiatura cinematografica e televisiva e, nel contempo, inizia la sua carriera di scrittore, durata più di 40 anni. L’esordio letterario arriva nel 1963 con “La scoperta dell’alfabeto” e, da allora lo scrittore, stringerà con la parola scritta un singolare sodalizio, capace di rinnovarsi sempre ad nuova ogni opera, mantenendo intatto il desiderio instancabile di osservare la realtà, con gli occhi meravigliati di un ammiratore.
Autore di romanzi tradotti in decine di paesi, da “Il pataffio” a “Itaca per sempre”, da “Il pianeta azzurro” a “Le galline pensierose”, Luigi Malerba non ha mai smesso di scommettere con la realtà e con la sua riproduzione attraverso le parole, una rappresentazione mai assoluta senza la presunzione d’esser valida per tutti, al contrario relativa, imprevedibile, perennemente parziale e suscettibile di infinite interpretazioni.

È stata, quella di Malerba, una grande lezione, non solo letteraria ma anche umana, una singolare vicenda di corresponsione tra uomo e parola scritta ed è certamente anche per questo che, dal 2010, è stato istituito il Premio Nazionale “Luigi Malerba”, riconoscimento che, attraverso il ricordo dello scrittore, vuole promuovere la scoperta di nuovi capolavori letterari.

Il Premio Malerba è alla sua ottava edizione ed ha sede a Berceto, il piccolo paese dell’appennino parmense dove Malerba era nato, la presentazione delle opere pervenute e l’incontro con la stampa avviene a Parma, città dove lo scrittore è cresciuto e si è formato, e la premiazione del vincitore avviene a Roma, città in cui Malerba visse per molti anni; il concorso letterario comprende una sezione dedicata alla narrativa ed alla sceneggiatura ( televisiva e cinematografica), ambedue inedite: ad anni alterni infatti, il concorso premia il miglior romanzo o la migliore sceneggiatura tra quelli pervenuti. Finora, dal 2010 ad oggi, sono stati premiati quattro sceneggiature, due romanzi e una raccolta di racconti.

Il 2017 è nuovamente la volta della narrativa ed il termine ultimo per inviare le opere (un romanzo o una raccolta di racconti, non superiore alle 380.000 battute e non inferiore alle 80.000) è fissato al prossimo 20 giugno.

Il vincitore del concorso vedrà pubblicata la propria opera nella collana dedicata al Premio Luigi Malerba MUP Editore (Monte Università Parma). Tra i giurati del Premio, Anna Malerba presidentessa del concorso e moglie dello scrittore, insieme a molti altri importanti intellettuali e scrittori italiani. Nel 2017 tra loro ci saranno Romana Petri, Nadia Terranova, Walter Pedullà, Guido Barlozzetti, Michele Guerra, Paolo Mauri, Eleonora Mazzoni, Giovanni Ronchini ed una classe del Liceo Classico “Romagnosi” di Parma coordinata dalla docente Annalisa Chini.

Inoltre dal 2017, il Premio Malerba consta di un’ulteriore sezione, quella degli albi illustrati, editi nell’anno precedente e muniti di codice ISBN; gli albi illustrati appartengono ad un genere molto speciale che Luigi Malerba amava molto e di cui si è sempre occupato: la letteratura per ragazzi. Fino ad oggi non era mai stato istituito nel nostro paese un premio del genere, si tratta dunque di un riconoscimento molto importante soprattutto perché dedicato ad uno dei maggiori scrittori italiani per l’infanzia.

“Storie dell’anno Mille”, “Pinocchio con gli stivali”, “Come il cane diventò amico dell’uomo” sono solo alcuni dei libri per ragazzi che il narratore di Berceto ha scritto con il suo inconfondibile linguaggio limpido e giocoso, incantando migliaia di giovani lettori.

L’aggiunta di questa nuova sezione del Premio, nasce dal desiderio di riflettere sull’importanza della lettura sin dall’età infantile, specialmente in un tempo come quello presente, votato alla rapidità della comunicazione e all’interferenza della tecnologia. Essendo un premio per opere edite, il concorso è rivolto ad opere già realizzate e distribuite. La giuria della sezione si avvale del supporto di importanti professionisti nel mondo della letteratura per l’infanzia, coadiuvati dal Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Roma Tre che nel suo Museo Didattico conserverà una copia di tutti gli albi partecipanti al concorso. La sezione del Premio dedicata all’Albo illustrato, conferirà al primo classificato un compenso di 2000 euro, mentre il secondo ed il terzo riceveranno una menzione. Tra i giurati della sezione per il 2017, anche in questo caso la Presidentessa Anna Malerba, Nadia Terranova, Milena Bernardi, Lorenzo Cantatore , Caterina Cardona, Anna Castagnoli, Simonetta Fiori, Elisabetta Grigioni – Paolo Marabotto, Luisa Mattia, Vinicio Ongini, Deborah Soria ed una classe della scuola elementare di Berceto intitolata proprio a Malerba, che esprimerà il proprio voto collettivo.

Per accedere a tutte le informazioni aggiuntive sul Premio, per leggere il testo completo dei bandi, o anche semplicemente per curiosare su storia e curiosità della manifestazione, basta cliccare su http://www.premioluigimalerba.it/

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Cosa ne è stato scritto

  1. Anna Lapenna

    ringrazio Valentina di Cesare per la bella presentazione al nostro Premio Luigi Malerba e per averci fatto conoscere l’UNDICI – rivista davvero interesante e ben fatta – che da ora seguiremo con passione – complimenti e grazie a tutti voi!
    A.

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?