Fantastici quegli anni e fantastici noi che siamo qua a raccontarli: Gimme Danger di Jim Jarmush

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Jim Jarmush ci racconta gli Stooges, la band di Iggy Pop che a cavallo tra gli anni sessanta e i settanta fece una musica fino ad allora sconosciuta, che poi inflenzò tanto rock che sarebbe venuto. Un gruppo folle e unico raccontato a posteriori dai sopravvissuti a un sogno che poteva realizzarsi solo a tratti.

gimme danger Stooges_oldjwint

Gli Stogges al massimo della loro forma, nel 1973

gimme danger

Gimme Danger

Regia: Jim Jarmush

Titolo originale: Gimme Danger
Paese: USA
Genere: Documentario
Durata: 108 minuti

Con:  Iggy Pop, Ron Asheton, Scott Asheton, Dave Alexander, Jim Ostenberg, James Williamson

Consigliato: ai fans di Iggi Pop,ai  fans degli Stooges, a punk e post punk, a chi ama gli anni sessanta e settanta, ai sopravvissuti, a chi non ne ha mai sentito parlare
Sconsigliato: a chi non è uscito dal tunnel della droga, a chi vuole vivere solo negli anni ottanta, a chi non è sopravvissuto, a chi sa già tutto

gimme danger on stage

Iggy Pop affronta il pubblico come solo lui sa fare

Jarmush ricostruisce la storia degli Stooges attraverso interviste ai membri della band realizzate negli ultimi anni, ma è grazie alle magnifiche immagini di repertorio, soprattutto di concerti, che riesce a rendere l’idea di cosa fosse questa band. I pochi filmati d’epoca arrivati a noi ci mostrano l’impatto che potevano avere sul pubblico questi ragazzi di Ann Arbour nel Michigan, girarono gli Stati Uniti per un breve periodo che va dal 1969 al 1974 sfornando una musica che prima non si era mai sentita e concerti che erano performance folli e provocatorire. Cresciuti  in famiglie decisamente disfunzionali (i genitori di Iggy Pop vivevano in una roulotte, il padre degli Asheton era un reduce di guerra che gli regalava cimeli nazisti) i quattro Stooges non sapevano bene cosa fare, ma lo fecero fino in fondo non essendo interessati a nulla di cui la società e il mondo della musica potevano offrirgli.

Il film comincia dalla fine, dall’inevitabile scioglimento della band durante il tour di Raw Power nel 1974. Schiavi di varie dipendenze a volte riuscivano a suonare, a volte no. Ma quando ci riuscivano colpivano fortissimo.

Poi ripercorre le varie tappe, dagli esordi ad Ann Arbour fino alla registrazione di Raw Power a Londra, quando il mondo della musica li isolò, gli impedì di suonare e di farsi vedere in pubblico fino ad abbandonarli nello studio dove da soli e disorientati registrarono quel pugno nello stomaco che è Raw Power, il terzo e ultimo album degli Stooges.

Iggy Pop e l'ing. Williamson in uno dei momenti comunisti della band in cui si condivideva tutto

Iggy Pop e l’ing. Williamson in uno dei momenti comunisti della band in cui si condivideva tutto

Le interviste e i ricordi sono soprattutto di Iggy Pop, l’unico sopravvissuto del quartetto iniziale, composto dai fratelli Ron e Scott Asheton (chitarra e batteria), da Dave Alexander (basso). A tratti nostalgico e commovente, autoironico e sorprendentemente lucido quando gli affiora qualche ricordo e quando butta ciò che era da buttare (l’eroina) e salva quello che c’è da salvare. Che è tantissimo. Oltre alla musica che ci hanno lasciato, a lui restano l’amicizia e il ‘comunismo’ di una band che divideva tutto e che non si omologava mai con nessuno.

gimme danger Online_News_Scott_Asheton_Stooges_No_Credit

Dai sorrisi non sembra, ma questi si divertivano parecchio

Non ci sono interviste dell’epoca, né interventi registrati ai tempi della band. Probabilmente non ne esistono, in pochissimi ne parlavano, pochi giornalisti li cercavano. Così possiamo vedere come sono oggi (o purtroppo come erano pochi anni fa) i fratelli Asheton e James Williamson. Qualcuno segnato dal passato, qualcuno che ne è uscito, ma che al momento della chiamata di Iggy per la reunion del 2003 non ha potuto che rispondere con entusiasmo.

Il film fa la gioia dei fans e colpisce chi non conosce la band. Se chi non ha mai ascoltato gli Stooges potrà trovarsi disorientato davanti a nomi che probabilmente non gli dicono nulla, non potrà non venire travolto dalle immagini dei vecchi concerti e dalla follia di questi personaggi che restano unici per inventiva, carisma e spontaneità.

Poi James Williamson si è messo a studiare ed è diventato ingegnere

Poi James Williamson si è messo a studiare ed è diventato ingegnere

Certo il film avrebbe dovuto osare di più, ci lascia solo intuire quanto fossero autodistruttivi e fuori dagli schemi, ma a noi basta vedere Iggy sanguinare sul palco e muoversi come un iguana, saltellare come un folletto impazzito, muoversi a carponi col suo collare da cane per intuire cosa fossero gli Stooges.

Il film è un atto d’amore verso questa band unica, verso questi personaggi folli e scapestrati che probabilmente non sapevano bene cosa facevano, ma che erano in grado di suonare e dare spettacolo come mai nessuno aveva fatto. Per Jarmush The Stooges è la migliore rock band della storia, forse ha ragione, forse no. Sicuramente sono stati unici. Non sono stati capiti, ma non hanno neanche fatto nulla per farsi capire. Forse non l’hanno capito neanche loro come ci lascia intuire l’intervista finale in cui Iggy ci spiega che cosa non sono mai stati, ma quando inizia a dire cosa erano, noi possiamo solo ascoltare la loro musica.

gimme danger last show

Sul palco Iggy guida gli Stooges rimasti. E ancora oggi è una potenza della natura

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Paolo Agnoli

    Semplicemente grazie per aver scritto questo bel contributo, che mi riporta tra l’altro alla mia amata adolescenza.

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?