Deliri di uno psicopatico #8 Fedeltà e altre schifose perversioni della mente umana

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Ciao a tutti! Sono un allegro squilibrato che ogni 10 o 25 del mese prova a togliersi la vita. Prima di farlo annoto su un foglio i miei pensieri, ripromettendomi che se esce un buon articolo rimando il suicidio alle due settimane successive. Se dovrò restare vivo tanto vale rompere le scatole, no?? Questo è lo scritto di ieri.

 

InfedeltàOgni 14 febbraio milioni di coppie escono di senno e iniziano a fare pazzie pur di celebrare il loro amore, la loro storia, la loro unione e la loro fedeltà. Ma cos’hanno in comune la fedeltà, la birra analcolica il Festival di Sanremo e il libro di Salvini oltre al fatto che tutti e quattro generano un perenne senso di repulsione per l’intera razza umana?
Sono tutti completamente inutili!
Che cos’è la fedeltà? L’illusione di poter connettere mente, corpo e sentimenti senza che ciò comporti danni psichici e fisici ad entrambe le persone coinvolte. Perché dovete sfidare il vostro corpo in questa maniera?
Ci si affianca a persone con cui c’è meno feeling che fra Renzi e l’onestà, si passa il tempo a sopportarsi un giorno si e dieci giorni si, ci si adegua all’altra persona convincendosi sia amore e si scopre a ottant’anni di avere due corna come i rotoloni Regina: non finiscono neanche se ti impegni!
Ti fidanzi con una persona e ti illudi stia sempre pensando a te, ti illudi scopi pensando a te e ti illudi scopi solo con te: capisci che è più facile che Christian De Sica si dia ai film di denuncia?
La mente è regolata da emozioni e si avvale sul concetto di razionalità, ma il corpo è una macchina fuori controllo totalmente incapace di intendere e volere: è impossibile adeguarsi alla morale senza rischiare l’infarto immediato.
Se la società non condannasse classificando come “troia” qualsiasi donna libera e come “persona di dubbia moralità” qualsiasi uomo che sfoga i propri istinti, la fedeltà non esisterebbe!

Tradimento
Che differenza c’è fra una coppia di coniugi tradizionali e una di scambisti?
Una è formata da un uomo e una donna che si tradiscono in continuazione e l’altra idem con l’unica differenza che invece che fare pietose scenate con amanti dentro l’armadio lo fanno in bella vista in locali ad hoc assieme a un’altra coppia scelta per l’occasione.
La seconda si è stufata di giocare a nascondino e lo pratica apertamente: si chiama “Adulterio organizzato”. Si chiama “Rendere dilettevole l’inevitabile”!
Cos’altro distingue l’una dall’altra? Una è bombardata da disagi dovuti al fatto che ci son più regole in camera da letto che nella chiesa di Scientology e l’altra è libera da valori che esistono solo nella nostra testa!
Volete essere liberi? Siate troie!
Marilyn Manson diceva: “be obscene!” Siate osceni!
Volete espellere tre quarti dei vostri disagi?? Cancelliamo la fedeltà!
Provate a immaginare un mondo in cui non esiste fedeltà, ipotizzando uno scenario che vada dai tredici anni in su.
Non ci sarebbero pregiudizi dovuti a persone “troppo troie” e tutti andrebbero con tutti senza regole e sensi di colpa.
Non esisterebbero preti o suore (poiché tolta la chiesa dal sesso la religione è bella che finita), non esisterebbero stupri (giacché con le donne molto più libere tutti otterrebbero ciò che vogliono) e gay e lesbiche sarebbero comuni come le veline, il calcio e Sanremo.
Non vi siete un po’ rotti il cazzo di giocare al cavallo di Troia facendo i politicamente corretti per essere socialmente accettati??? E allora iniziamo a eliminare ‘sti valori a cui siete attaccati come la coperta di Linus e liberiamoci da ogni male. Amen.

L’editoriale finisce qui e l’appuntamento è fra qualche settimana sempre se rimango in vita.
Per insulti, offese e minacce o per regalarmi una sedia e una corda commentate qui sotto.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Simone Toffoli

Email

Nato in Friuli nell'84 iniziò fin dall'infanzia il suo percorso verso la malattia mentale. Le sue ambizioni più forti sono scrivere, raccontare storie e venirvi a rubare in casa causando inutili disagi. Ama la satira, la musica dirompente, la lettura, la radio e qualunque forma di arte atta a stravolgere gli schemi e a mettere in discussione la morale comune. Dicono di lui: “Del tutto incapace ma capace di tutto” (I suoi professori delle medie), “Braccia rubate all’agricoltura” (I suoi professori delle superiori), “L'apostrofo rosa fra le parole ti e fucilo.” (Il suo migliore amico), "Ehi, stavo scherzando metti via quel coltello!" (Il suo migliore amico qualche minuto dopo.) Odia la razza umana e vive in una zona molto degradata di camera sua che gli fornisce abbondanti emozioni e voglia di armi di distruzione di massa. È una persona disturbata e fuori controllo. Denunciatelo.   Contatti: toffoli_simone@yahoo.it

Cosa ne è stato scritto

  1. Deliri di una Squilibrata. Il Diario.

    Intanto grazie! Interessante e dissacrante! Ritengo di aver fatto una bella scoperta e che continuerò a leggerti.
    La fedeltà: credo sia uno stato mentale. Come sarebbe se non esistesse? Troveremmo il modo di inventarla, perché abbiamo bisogno di stabilità e una relazione stabile è per assurdo anche fedele, nel nostro immaginario.
    Per me essere fedeli è un concetto molto più ampio: si è fedeli a se stessi, ai propri principi, valori e ideali. Io sono questo.
    Nel sesso? Il sesso è passione. Fedeltà è ragione. Siamo in due dimensioni diverse.
    S.

    Rispondi