Il dolore su Facebook

4
Share on Facebook405Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

I post che hanno maggior successo su Facebook sono quelli in cui l’autore (autrice) parla di se stesso o mette foto di se stesso, ma ancor di più quelli in cui racconta di qualche dolore molto intimo. Qualche anno fa su Facebook si scriveva: “Ecco la mia foto mentre sto facendo colazione davanti al mare”. Oggi si scrive: “Ecco la mia foto mentre sto facendo colazione davanti al mare, nello stesso posto in cui venivo con mia madre quando era viva e adesso mi mancano tanto le sue carezze dolci.

Magalli intervista il fratello di una donna assassinata, durante una puntata di "I fatti vostri" del 2013

Magalli intervista il fratello di una donna assassinata, durante una puntata de “I fatti vostri” del 2013

Quando, nel 2004, nell’era paleolitica ante-Facebook, aprii un blog, diverse persone mi domandavano se non mi sentissi a disagio a condividere su internet i miei pensieri. Quanta acqua è passata sotto i ponti dell’era dei social networks! Il grado di intimità del mio blog era minimo a confronto con gli attuali standard! Se sui giornali si scrivono, pubblicano e leggono le notizie pubbliche, Facebook è, ogni giorno di più, il luogo delle cose intime.

Ma perché piace tanto il dolore messo in piazza? Perché riscuote tanto “successo”? E perché uno mette in piazza il proprio dolore, soprattutto su Facebook? Beh, innanzitutto per meccanismi vecchi quanto il mondo o vecchi quanto Facebook. Leggere o ascoltare del dolore altrui ci fa banalmente pensare: “Ah, che fortuna che non è capitato a me!”, ma anche, al contrario: “Ah, che sollievo constatare che non è capitato solo a me!”. In entrambi i casi, ci sentiamo sollevati e contenti e quindi esprimiamo tale emozione con apprezzamento. L’attrazione per il dolore è inoltre scatenata da una naturale morbosità: chi non si è mai fermato a curiosare quando un’ambulanza è ferma in mezzo alla strada? Il dolore, le lacrime, il dramma ci attraggono naturalmente. Tutto questo è sempre accaduto, ben prima dei social networks. Ma Facebook amplifica ogni comportamento, ogni tendenza.

Per quanto concerne Facebook, da sempre è fondato sugli assiomi: “approvo per essere approvato”, “ti metto un like perché tu lo metta a me”: una continua richiesta e soddisfazione del proprio bisogno di approvazione da parte degli altri, ottenuta in cambio del facile esercizio di approvare gli altri. Se dunque racconto delle mie emozioni più intime mentre mi sto recando al letto di morte di mio padre, so che tante persone mi dedicheranno attenzione perché io ho fatto altrettanto con loro.

Ma c’è di più. A cosa si sta veramente concedendo la nostra approvazione a mezzo like? Alle parole del nostro “amico” che ci racconta dei suoi ricordi di quando entrava in quel negozio con sua madre quando era piccolo…o invece al fatto di condividere quei ricordi con i propri “amici”? La sensazione è che ciò che stiamo apprezzando non sia tanto o solo l’oggetto del post, quanto l’atto di pubblicare quel tipo di post così intimo. La conseguenza implicita, ma chiara di questo comportamento è che chi non espone in pubblico la propria sfera intima è disapprovato socialmente. Se nel presente questa affermazione può apparire provocatoria e iperbolica, non è così assurdo pensare che stiamo andando proprio in quella direzione considerando l’enorme potere dei social networks sui comportamenti di un animale così sociale come l’essere umano. Stiamo cioè avviandoci verso una società in cui non solo è ben visto esibire i propri dolori e nostalgie più intime, ma è socialmente disapprovato chi non lo fa. Personalmente, il mio comportamento sociale su Facebook è virato esattamente nella direzione opposta e, infatti, postando raramente foto mie e ancor più raramente miei pensieri e mai davvero intimi, i miei interventi su Facebook sono assai meno apprezzati rispetto alla media.

La nostalgia è forse il principale motore di Facebook, ossia di una delle maniere più comuni con cui comunichiamo

La nostalgia è forse il principale motore di Facebook, ossia di una delle maniere più comuni con cui comunichiamo

Perché dunque oggi , il mettere in piazza il nostro dolore è un comportamento elogiato, mentre fino a pochissimi anni fa sarebbe stato giudicato sconveniente e impudico? Il mezzo è ovviamente cruciale. Negli ultimissimi tempi, l’uso che facciamo di Facebook si è così evoluto da diventare il luogo supremo di una comunicazione soft. È vero che i nostri sentimenti più profondi riguardanti una persona cara che non c’è più, un amore perduto o la nostra depressione li condividiamo con i nostri amici (anche se in molti casi i profili Facebook sono assolutamente pubblici), ma a quanti di questi “amici” racconteremmo le stesse cose faccia a faccia, guardandoli negli occhi? Su Facebook ci si può aprire completamente rimanendo però nascosti, si può comunicare con tutti, ma non avvicinarsi davvero a nessuno. Si crea cioè un “meta-rapporto”, che prescinde dal loro “esserci”, al punto che, se dovessimo incontrare davvero un nostro “amico” che ha letto di quanto siamo tristi e disperati perché nostra madre è appena morta, probabilmente non saremmo in grado di proseguire il discorso, che  verosimilmente si svolgerebbe su un altro piano, incentrato sulle solite cose e sui soliti argomenti.

In altre parole, il mezzo tecnologico consente un’enorme e nuova facilità di comunicazione che vive e cresce però in un piano diverso da quello reale, in cui ci si guarda negli occhi, ci si tocca, si sta in silenzio seduti allo stesso tavolo. E paradossalmente la facilità del primo tipo di comunicazione ha accresciuto la difficoltà del secondo tipo. Non è certamente un caso che gli adolescenti di oggi possano contattare chiunque senza grande sforzo (un WhatsApp non è così pregno di significato), ma la barriera per avvicinarsi davvero si è alzata rispetto a quando, per parlare con “la ragazza che ti piaceva”, dovevi alzare la cornetta e telefonare a casa chiedendo al padre o alla madre di parlare con lei. Niente “passatismo” per carità: semplice analisi del fatto che, se le pulsioni umane rimangono le stesse, i contesti e gli strumenti cambiano. E ciò cambia anche il declinarsi di queste pulsioni.

O forse c’è una profonda solitudine alla base di questi comportamenti? Guardare nelle vite altrui e quindi, per il tipico meccanismo di Facebook, esporre agli altri la propria vita perché sia guardata, è sintomo chiaro di solitudine. Si racconta a Facebook del proprio dolore e delle proprie tristezze per essere meno soli? E lo si fa anche perché si è così soli da non avere nessuno con cui parlare sul serio?

Woman-crying

Forse questo tipo di comportamento è anche un po’ esibizionista (sempre soft…)? Ogni mattina, uscendo dalla doccia, cammino nudo per la stanza, le cui finestre sono a circa 100 m da quelle del palazzo di fronte. So che qualcuno può vedermi, ma la distanza è tale che la cosa non mi disturba, anzi mi procura un sottile piacere. Eppure non mi sognerei mai di fare altrettanto se le finestre fossero a 10 m di distanza. Quasi ogni settimana appaiono sulla mia bacheca Facebook pensieri intimi di persone con cui, faccia a faccia, non ho mai raggiunto, né credo mai raggiungerò un particolare grado di intimità. E non nascondo che la cosa un po’ mi disturba. Sarà perché io non sono capace di fare altrettanto e invece mi piacerebbe? Sarà perché anche io avrei bisogno di una valanga di like e commenti di appoggio e sostegno di fronte al dolore che, prima o poi, compare nella vita di chiunque?

Cuore ReteMentre penso a queste cose, per televisione appare Celine Dion che canta tra le lacrime una canzone che racconta del padre, del marito e del fratello morti di cancro di fronte ad un pubblico emozionato e coinvolto. Da qualche settimana, ho inoltre terminato di leggere un libro intimo ed intenso scritto dal figlio di un medico impegnato per i diritti umani, assassinato dai paramilitari colombiani qualche anno fa, in cui il dolore è ovviamente un assoluto protagonista. Il pubblico del concerto di Celine Dion e le migliaia di lettori di quel libro sentono compassione per quel dolore, ossia, etimologicamente, percepiscono la sofferenza altrui, desiderando alleviarla. L’autore del libro dichiara esplicitamente di essere riuscito a superare il terribile dolore di vedere il padre appena assassinato, sanguinante sul selciato, proprio parlandone, esprimendolo attraverso la scrittura. E probabilmente anche Celine Dion pensa lo stesso.

Mi chiedo dunque se l’autore del post che trovo su Facebook, che mi racconta della straziante malattia che sta devastando suo padre o le lacrime della mia amica che non riesce a superare l’abbandono del marito non nascano dallo stesso desiderio di comunicare il dolore per poterlo alleviare e per poter suscitare compassione. Probabilmente una cantante e uno scrittore sono più bravi di loro a coinvolgere e far immedesimare chi la ascolta o lo legge nella propria intimità; verosimilmente la loro tecnica sarà migliore. E allora la domanda è: non è forse identico il bisogno, l’autenticità e anche il diritto di comunicare dei miei “amici” su Facebook?

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook405Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

4 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Viviana Alessia

    Si, l’ articolo è bello, scende in profondità nelle domande e nelle risposte che pone. È un articolo che fa riflettere, che spariglia le carte su un tavolo scivoloso.
    Io non uso facebook né altri social . Mi piace leggere, riflettere e rispondere a quanto leggo, cosi come faccio nella vita reale. Ed è comunque diversa la comunicazione fra interlocutori lontani, che per giunta non si conoscono, non conoscono i reciproci vissuti, non possono interrompersi a vicenda per instaurare il dialogo. Ognuno approfondisce a distanza i suoi assunti, in solitudine, senza poter vedere cosa passa negli occhi dell’ interlocutore. Al massimo c’ è un feedback positivo o negativo alla fine del monologo.
    Ma perché mai dovrei ricevere nella mia cassetta postale, lontana da me, fredda e distante come una bacheca facebook il lamento di una persona che mi è magari sconosciuta? Che entra di botto in casa mia a riversare su un pezzo di carta le sue più intime sofferenze e confidenze senza che nessun ramoscello da colomba grata io le abbia mai avvicinato?
    Comprendo fin troppo bene il bisogno di gridare all’ universo intero il proprio strazio , ma facebook che centra? Per ricevere , se va bene, frettolosi messaggini di partecipazione e svagato conforto? Meglio aprire un blog ed ivi raccontare tutto ciò che l’ anima soffre e la mente pensa. Lasciando i commenti aperti, certamente qualcuno si soffermerà a riflettere su quello che sto vivendo e mi scriverà tutto quello che il suo animo sarà in grado di percepire e trasmettere. Avrò maggiori probabilità di trovare affinità e sensibilità che potrebbero recare una qualche forma di conforto e sostegno.
    No, le bacheche di facebook mi sembrano sideralmente lontane dallo scambio delle parole e dei pensieri che accompagnano i nostri dolori, i nostri lutti. Non è pregiudizio il mio: ho visitato tante bacheche facebook pubbliche in cui accanto agli eventi frivoli o lieti s’ inframmezzavano anche il dolore e il lutto. Amici , conoscenti e sconosciuti usavano sempre lo stesso linguaggio ristretto addobbato da esclamazioni, puntini di sospensione e pure cuoricini e faccine. Magari ci sarà qualcuno che saprà certamente usare lo strumento in modo più consono, ma non vorrei che nessuno mi mandasse in una bacheca le sue parole compassionevoli, la sua condivisione alle mie sofferenze. No. Bussi piuttosto alla porta di casa mia. Si sieda accanto a me , mi ascolti, mi parli. Non importa se questa persona la conoisco da sempre o da ieri o non l’ ho mai vista prima in vita mia. L’ importante è che io possa guardarla negli occhi che dicono più delle parole. L’ importante è che lei possa vedere il mio volto e cogliere tutte le sfumature che l’ anima vi riverbera, Solo così avrò certezza del suo grado di comprensione, della sua capacità di compassione. È esattamente ciò che succede tra chi va a portare i fiori al camposanto. Si fanno vicine persone conosciute e sconosciute. Tra esse sorge rapidamente ed impellente la necessità di parlare, E solo guardandoci in faccia ed ascoltando con attenzione le sfumature della voce potremo sapere se parliamo al vento oppure al vuoto, oppure a chi è chiuso ed occluso unicamente nel suo dolore , oppure a chi è un semplice e magari indifferente curioso.

    Rispondi
    • Saverio Merzetti

      “Comprendo fin troppo bene il bisogno di gridare all’ universo intero il proprio strazio , ma facebook che centra?”. C’entra (entrarci) non centra (centrare)

      Rispondi
      • Gregorio Guardiano

        E che fai Saverio? Passi le nottate tue a correggere errori sur webb? C’hai voja!!!!! Già che tu ci sei, te poi fà sistemà pe’ tutta la vita! Pe’ li tanti errori de ortografia, grammatica, battitura, invio che ci stanno sur webb. Tu ti stai sempre cosi tanto sicuro de te? In ‘sto caso che tu stai a studià magari FB non entra, non azzecca, non inquadra, non può raggiungere l’ obiettivo che si vorrebbe: insomma non fa serio stà a frignà su FB. E c’ hai vojjjjjjaaaaaaaaaaaaaa! A me nun me centreranno co ‘sto riposo eterno manco i necrologi, statti sicuro e famo le corna. Nun me vedrai pe’ gnente sulla paggina der giornale che mo’ sta pure su er PC a dicce chi sta in pace e chi no. Te fa’ un po’ come te pare! Mi sembri er rigazzino di fronte a la mi’ casa che sta tutto er tempo a cliccà soprun cavolaccio de PC, che nun sente niente, manco l’ urli bestiali der bonomo padre suo che lo vorrebbe vedè studià. S’ è rintronato tutto, povero fijo. Famo a capisse: te devi dà ‘na scrollata. C’ hai messo un annetto quasi pe’ arrivà a ‘sto centra che a me nun me sembra tu abbia centrato. Vatti a prenne ‘na boccata d’ aria fresca, rilassate, va’ ar cinema, ar bar, dove te pare, ma non statti a sluccicà li occhi sul PC che nun dà salute né ar corpo né a l’ intelletto tuo. E se proprio insisti, correggite ‘sto romanesco che c’ ho messo in paggina ché esiste pure un vocabbolarietto romanesco, ma io nun ce lo voijo perché scrivo la lingua mia come me pare un po’ a me.

        Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?