Un anno col sensibile Cancro

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
 Correggio, La dea lunare Diana, Camera della badessa, Parma

Correggio, La dea lunare Diana, Camera della badessa, Parma

Il segno zodiacale del Cancro – la cui costellazione è la meno brillante dell’intero zodiaco – inizia il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate. Il termine solstizio deriva dalle parole latine “sol” e “sistere”, cioè “arrestarsi”, e definisce il momento il cui il sole – arrampicatosi verso il punto settentrionale più alto, sembra fermarsi qualche giorno per poi ridiscendere verso il meridione. Il primo segno estivo termina il 22 luglio, ed è rappresentato da un animale acquatico che cammina a ritroso come il sole che inverte il suo corso. Anticamente i due solstizi, quello estivo e quello invernale, erano assimilati a due porte, la prima che serviva di passaggio agli uomini che volevano incarnarsi nel mondo, la seconda agli immortali. Le porte erano accesso e uscita della caverna cosmica, una sorta di utero dove tutte le cose nascevano o si rigeneravano. La festa più importante del periodo è quella di San Giovanni Battista, giorno di mezza estate dalla cui vigilia fino alla mezzanotte – secondo la tradizione – visibile e invisibile si compenetrano facendo accadere eventi inquietanti come l’apparizione di sciami di streghe nel cielo. Per neutralizzare i malefici si raccoglieva in un bacile l’acqua di San Giovanni, ossia la rugiada caduta nella notte e mescolata con erbe miracolose, che aveva il potere di preservare da malattie e malocchio e influenzare beneficamente tutte le piante da frutto e le donne che volevano un figlio.

Libro d'ore, Pierpoint Morgan Library, New York

Libro d’ore, Morgan Library, New York

Il Cancro è un segno d’acqua (gli altri sono Scorpione e Pesci) dominato dalla Luna, uno dei due Luminari assieme al Sole, fondamentali per la determinazione delle caratteristiche e del destino. Venerata come dea-madre fin dall’antichità, la Luna è ovviamente collegata alla notte e a tutto ciò che di “notturno” è in noi, ossia ciò che è inconscio e inafferrabile, i sogni, l’immaginario, le emozioni, gli impulsi istintivi. Rappresenta la madre, la parte ricettiva di un individuo, la sua infanzia, la memoria; nell’oroscopo di una donna viene studiata per capirne il tipo di femminilità (ad esempio la Luna nel segno dell’Ariete evidenzia un soggetto amazzonico, in quello dei Pesci una sensibilità intensa e il bisogno di essere protetta); in quello di un uomo la donna da cui è maggiormente attratto. Il pianeta regola anche il legame tra la psiche e le forze misteriose della natura, in particolare l’intuizione e le percezioni extrasensoriali, ed essendo l’astro più veloce dello Zodiaco rappresenta la mutevolezza, dando il via – se particolarmente evidenziato – a un vero e proprio temperamento “lunatico”.

Mehmed al-su'udi, Matâli' al-sa'âdet, Biblioteca nazionale di Francia

Mehmed al-su’udi, Matâli’ al-sa’âdet, Biblioteca nazionale di Francia

Il guscio protettivo del granchio ben rappresenta una delle più importanti caratteristiche distintive del segno, ossia l’autodifesa e la tendenza all’inibizione, ma a dimostrazione di quanto più volte detto, che per giudicare un tema natale non basta la sola costellazione zodiacale in cui si è posizionato il Sole, è necessario sottolineare che Giulio Cesare, Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini e perfino Mike Tyson, sono nati in questo periodo dell’anno. Il Cancro è tutt’altro che semplice da capire: in apparenza gentile e delicato, può cambiare umore rapidamente e diventare brusco o lanciarsi in una serie di recriminazioni infantili su quanto sia stato maltrattato dal mondo crudele. E’ molto emotivo e sensibile, anche se tende a nasconderlo; la vita intima è il nucleo fondamentale della sua sicurezza, sia che il perno sia costituito dalla famiglia e dalle mura domestiche (in questo caso abbiamo il brav’uomo pantofolaio o la casalinga), sia che sia incentrato sul suo mondo interiore spesso ricco di immagini, suoni e fantasia. E’ un esteta che si commuove di fronte alla bellezza della natura o della musica e non è raro che possieda attitudini artistiche: pittori, scultori, poeti e compositori appartengono spesso a questo segno. Ama il passato e tra le varie professioni, può intraprendere anche quella di storico e antiquario, ma nella categoria possono essere semplicemente inseriti anche i collezionisti e le signore col pallino dell’arredamento. Solitamente manca di aggressività e spirito competitivo, a cui rimedia con luminose e duttili intuizioni che lo possono aiutare sul lavoro e nella carriera. Questo tipo zodiacale può essere pigro e inibito ma anche scegliere una vita errante e sregolata, dominata dall’incapacità di mettere su radici e accettare le responsabilità.

Salterio di William Unter, Glasgow University Library-.jpg

Salterio di William Unter, Glasgow University Library

La Luna – specie in un uomo – determina un forte attaccamento alla madre, cosa che può creare non pochi problemi una volta che il soggetto decida di instaurare una sua vita di coppia. Prende le sue relazioni con molta serietà, è coccolone e possessivo perché deve essere rassicurato in continuazione; di fronte all’aggressività e all’indifferenza si ritira ferito e potrà ricordare il torto subito ad anni di distanza. L’uomo Cancro tradisce se si sente trascurato e in crisi abbandonica e se la sua compagna non gli fa più da mamma (o da badante a seconda dei casi). E’ un romantico che scrive poesie e manda mazzi di fiori, ma può diventare geloso fino ad arrivare a tentare di controllare il partner. Personalmente ho conosciuto uno di questi tipi che – tradito dalla moglie – è andato ad aspettare l’amante sotto casa: i due sono poi arrivati ad un accordo tra gentiluomini dove il rivale (una Bilancia) ha prudentemente tagliato la corda, cosa tipica di quest’ultimo segno che non vuole conflitti.

Libro d'ore De Grey, mese di giugno, Libreria nazionale del Galles

Libro d’ore De Grey, mese di giugno, Libreria nazionale del Galles

I nati sotto il segno del Cancro – in special modo quelli nella seconda decade (tra il primo e il 12 di di luglio) – provengono da anni tutt’altro che tranquilli: si sono infatti trovati al centro di una rara configurazione astrale, la grande Croce, composta da pianeti lenti (i più importanti per la determinazione degli eventi) in difficile aspetto reciproco: questo quadro eccezionale è stato la causa di molti fatti dirompenti che i cancerini hanno dovuto condividere con l’Ariete, il Capricorno, la Vergine e la Bilancia. Ora la tensione si sta allentando, e comunque non riguarda i nati nella prima decade. Nel 2016 rimane problematica l’opposizione di Plutone dal Capricorno. Come si è già detto Plutone, dio degli Inferi, lavora di nascosto accentuando comportamenti esibizionistici e falsamente sicuri o, al contrario, facendo sorgere dubbi sulle proprie capacità. Anche la quadratura di Urano rischierà di rompere le uova nel paniere (se pur sostenuta da Saturno favorevole) dissolvendosi definitivamente nel 2018 quando questo pianeta ingombrante e dagli effetti imprevedibili entrerà nel segno del Toro. Posso consigliare di non cadere nel nervosismo, nell’ansia e nell’esasperazione, stati d’animo che vi sono caratteristici, perché il cielo vi regala un amico, Giove, che rimane favorevolmente nel segno della Vergine fino ai primi di settembre del 2016 ed è un buon mediatore delle inquietudini plutoniane. Il re degli dei rappresenta l’ottimismo e la parola e tende a sciogliere dubbi e incertezze, aumentando semmai la logorrea in chi è di natura chiacchierone; rappresentando anche il denaro può dare un buon equilibrio finanziario. I nati nella terza decade avranno Marte in posizione propizia tra gennaio e settembre, cosa che darà a questo segno pigro un maggiore dinamismo.

Pablo Neruda

Pablo Neruda

Pablo Neruda, un super-Cancro. Uno dei più grandi poeti sudamericani del XX secolo (premio Nobel per la letteratura nel 1971) fu anche noto per la sua passione politica che lo portò generosamente ad assumere incarichi pubblici di primo piano e ad aderire al comunismo (un comunismo idealizzato), nonché ad opporsi coraggiosamente al regime autoritario instaurato in Cile da Gabriel Gonzàles Videla (che lui chiamava “escrementissimo signor Videla”). Costretto all’esilio, tornò in patria richiamato da Salvador Allende, e fu probabilmente ucciso sotto la dittatura Pinochet. Un uomo retto e giusto come si evince anche dal suo tema natale, pur se l’aspetto che colpisce di più è la presenza di uno Stellium (un ammasso di ben sei pianeti, tra cui Luna, Venere, Nettuno) in congiunzione col Sole. Questa imponente configurazione astrale in un segno caratterizzato da una fertile vita emotiva è stata a capo di tutta la scrittura di Neruda, in cui l’amore è declinato in tutte le sue sfaccettature, dalla passione alla nostalgia, al dolore all’angoscia, e in cui batte un potente sentimento della natura. Da anima sensibile quale era ha infatti dedicato versi al sole, alla luna, alla madre terra, ai boschi, alle montagne, all’acqua. Altrettanto intensa fu la sua vita affettiva: onnivoro di sentimenti – come lui stesso ebbe a dichiarare – per lui la figura femminile rappresentava contemporaneamente madre, moglie, ispiratrice costante. Si sposò tre volte, l’ultima con Matilde Urrutia, che alle sua morte lottò strenuamente per preservare dall’oblio la memoria del poeta che la dittatura di Pinochet cercò invano di cancellare.

Vetrata della cattedrale di Chartres

Vetrata della cattedrale di Chartres

Personaggi famosi nati sotto il segno del Cancro: Lady Diana Spencer, Nelson Mandela, Dalai Lama, Angela Merkel, Walter Veltroni, Beppe Grillo, Giacomo Leopardi, Marcel Proust, Luigi Pirandello, Hermann Hesse, George Orwell, Amedeo Modigliani, Edgar Degas, Ingmar Bergman, Vittorio De Sica, Billy Wilder, Vittorio Feltri, Oriana Fallaci, Renzo Arbore, Vladimir Luxuria, Franca Rame, Meryl Streep, Harrison Ford, Sabrina Ferilli, Paolo Rossi (attore), Gustav Mahler, Cat Stevens, Roberto Vecchioni, Max Biaggi, Lionel Messi.

Fonti:

- Lisa Morpurgo, Introduzione all’astrologia e decifrazione dello zodiaco, Tea

- André Barbault, Trattato pratico di astrologia, Astrolabio

- Ciro Discepolo, Le effemeridi dal 2000 al 2050, Armenia ed.

- Centro Astrológico de Chile

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *