Spotlight indaga e vince

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

L’Oscar più importante, quello come migliore film dell’anno, è  andato a un film inchiesta come non se ne vedono quasi più. Con una scrittura coinvolgente e un gruppo di attori davvero eccezionale Spotlight è un film la cui qualità cinematografica va oltre la pura opera di denuncia.

casospotlgihtoscar-001

Il caso Spotlight (tit. orig. “Spotlight”)

Regia: Tom Mc Carthy
Sceneggiatura: Tom McCarthy, Josh Singer

Paese: Stati Uniti
Genere: drammatico, storico
Durata: 128 minuti
Premi: Miglior film Oscar 2016, Miglior sceneggiatura originale Oscar 2016

Interpreti:
Mark Ruffalo: Michael Rezendes
Michael Keaton: Walter ‘Robby’ Robinson
Rachel McAdams: Sacha Pfeiffer
Liev Schreiber: Marty Baron
John Slattery: Ben Bradlee Jr.
Stanley Tucci: Mitchell Garabedian
Len Cariou: cardinale Bernard Francis Law

Consigliato a: chi vuole grandi storie, grandi attori, storie vere. A chi ama il bel cinema di una volta, e il bel cinema di oggi.
Sconsigliato a: chi ama il trash o i patetismi

Spotlight mark ruffalo michael keaton

MIchael Keaton straordinario protagonista di un film da Oscar (come l’anno scorso per Birdman) dirige in gruppo Spotlight in cui Mark Ruffalo è uno dei collaboratori più determinati

Spotlight è il nome della sezione investigativa del Boston Globe che nel 2001 con un’inchiesta giornalistica portò alla luce una quantità enorme di abusi su minori perpetrati in chiese, scuole e associazioni cattoliche, e soprattutto la sistematica e capillare copertura che le gerarchie ecclesiastiche attuarono con metodoligie assimilibili a quelle della malavita. Il film ricostruisce le varie fasi della lunga e determinata inchiesta di Spotlight: dai primi sospetti, alla decisione di andare fino in fondo, alla scoperta che lo scandalo era molto più grave e le responsabilità più diffuse di quanto chiunque potesse immaginare, fino alla pubblicazione delle prove incontrovertibili.

“Spotlight” (in Italia “Il caso Spotlight”, il solito titolo che non c’entra niente) riporta alla luce nel miglior modo il film di inchiesta, un genere che ebbe successo negli anni 70 con film come “I tre giorni del condor” e, soprattutto, “Tutti gli uomini del presidente” e che qui viene adattato ai temi e ai ritmi attuali. Il regista Tom McCarthy mette in scena un racconto cinematografico asciutto e coinvolgente poggiato su una sceneggiatura perfetta, premiata giustamente con l’Oscar, che con un crescendo narrativo non si lascia distrarre da didascalismi o facili forzature ed evita di fare eccessivamene leva sul lato emotivo di una storia di per sé molto forte.

mark-ruffalo-spotlight

Mark Ruffano, candidato agli oscar come attore non protagonista

Con un materiale così importante e un tema tanto delicato, il regista si limita ai fatti. Nelle brevi interviste, ci viene fatto capire che le vittime degli abusi venivano scelte prevalentemente tra i bambini più poveri e disagiati, provenienti da famiglie che non erano in grado di capire e di difendersi. Queste vittime non hanno mai potuto avere una vita normale e il film ce li mostra letteralmente come sopravvissuti. Se questi fatti erano in parte già noti, l’inchiesta e quindi il film si concentrano prevalentemente sull’opera di copertura e insabbiamento messa in atto dalle gerarchie ecclesiastiche attraverso accordi, pressioni, uso spregiudicato del proprio potere e connivenze ad ogni livello. Dalla politica, alla giustizia, alla scu0la, ai mezzi di informazione, nessuno può chiamarsi fuori. Il film, come l’inchiesta, risulta inattaccabile tanto da avere avuto critiche positive anche dagli organi di informazione più vicini al Vaticano (vedi recensione di Famiglia Cristianarecensione di l’Avvenire)

Rachel+McAdams+&+Michael+Keaton+in+'Spotlight'

Rachel McAdams avrebbe meritato l’Oscar a cui era candidata

In un film tanto importante e ben fatto, il valore aggiunto viene da un gruppo di attori in stato di grazia, che con interpretazioni misurate e mimetiche forniscono alla storia la grande qualità cinematografica che ha consentito a Spotlight di vincere la statuetta più ambita, l’Oscar 2016  come miglior film.

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?