Vogliamo città a 7 stelle

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Il nostro auspicio e augurio è che le città della nostra penisola possano partecipare al campionato europeo che assegnerà gli “scudetti” ai territori urbani meglio governati del vecchio Continente. La speranza è di intravvedere all’orizzonte le statuette/Oscar intitolate alle città-top. Parliamo di contesti urbani in grado di guidare il carro dell’Orsa minore nel firmamento di metropoli a sette stelle, le cui strisce d’azzurro inondano le identità argentate di città post/ideologiche, post/industriali e post/moderniste. Metropoli attraversate da idee plurali, laiche e democratiche. Cantieri aperti per un futuro urbano a misura dei loro cittadini: endogeni ed esogeni, donne e uomini, abili e disabili.

La città ideale, tempera su tavola di incerta attribuzione (1490-95), Urbino, Galleria Nazionale delle Marche

La città ideale, tempera su tavola di incerta attribuzione (1490-95), Urbino, Galleria Nazionale delle Marche

• LA STELLA/1. Illumina mondi urbani che danno voce alla Convivialità. Parliamo di città dell’incontro, del dialogo, della comunicazione interpersonale: possibili, moltiplicando i loro spazi pedonali e riducendo il loro tumultuoso traffico.

• LA STELLA/2. Illumina mondi urbani che danno parola all’Intergenerazionalità. Parliamo di città abitate da bambini e da giovani, da adulti e da anziani.

• LA STELLA/3. Illumina mondi urbani che danno presenza all’Interculturalità. Parliamo di città solidali e partecipate: possibili, se intese come terreni di lavoro e di impegni che coinvolgano l’intera rete degli assessorati comunali.

• LA STELLA/4. Illumina mondi urbani che nobilitano il Lavoro. Parliamo di città produttive e della piena occupazione: possibili, se le imprese sono competitive nei mercati tramite una crescente innovazione tecnologica e industriale.

• LA STELLA/5. Illumina mondi urbani che onorano la Scienza. Parliamo di città che valorizzano la loro Università: possibile, se qualificano e danno futuro ai sentieri dell’alta formazione e della scienza.clip_image032_0000

• LA STELLA/6. Illumina mondi urbani intitolati alla Cultura. Parliamo di città che liberano il loro potenziale storico, giuridico, letterario e artistico: possibile, dando voce alle idee, ai pensieri e al dissenso che dimorano nelle loro contrade.

• LA STELLA/7. Illumina mondi urbani inondati di Educazione. Parliamo di città metropolitane – a partire da Bologna – impegnata da sempre a garantire il diritto di tutti allo Studio: non uno di meno. Possibile, tramite un sistema “integrato” tra la Scuola e le Agenzie intenzionalmente formative: la famiglia, l’ente locale, il privato sociale, le chiese, l’università e il mondo del lavoro. La nostra tunica pedagogica rende partigiana la settima stella (“polare”: l’ultima del timone dell’Orsa minore) che intitoliamo al diritto di tutti allo studio e alla formazione lungo l’intero arco della vita.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?