Poesia e fotografia. Immagini e parole.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Immagini. Parole. Due elementi che fanno parte ogni giorno della nostra vita. Scandiscono momenti importanti, sensazioni già vissute, intrise di ricordi, oppure ancora da vivere e quindi in attesa di una loro evoluzione. Una fotografia resta impressa. Riporta alla memoria un evento, un tempo legato a una persona. Attraverso uno scatto si rimane legati per sempre. Le singole parole possono diventare uno scrigno di emozioni e ricordi nell’attimo in cui vengono legate tra loro e creano un componimento, una poesia o un testo.
Parole e immagini possono tra loro comunicare. Hanno la capacità di creare una piccolo nido trasparente da cui si attinge l’ispirazione. L’ispirazione creata da una fotografia può portare a scrivere una poesia. E nello stesso tempo una poesia può suggerire uno scatto fotografico, una prospettiva piuttosto che un’altra, un’angolazione tutta personale da cui osservare il mondo e rendere eterno un istante della nostra vita. Parole e immagini sono due strumenti a nostra disposizione per lasciare qualcosa di “palpabile” al cuore, a chi ama sognare ancora. Quando si scrive basta un momento per creare un’emozione e tracciarla su un foglio di carta, ispirata da un’immagine.
Oppure da un pensiero frutto di parole, nasce l’idea di una fotografia. Un flusso continuo che lega due mondi. Con una sola immagine si può riassumere un intero romanzo, un testo teatrale, un film e tanto altro. Con le parole si può raccontare ciò che i nostri occhi vedono e far affiorare i lati nascosti, racchiusi in una fotografia. E come un gioco ogni giorno provo a raccontare le mie emozioni attraverso immagini e poesie.

Ragnatela della vita

Ragnatela della vita

“RAGNATELA DELLA VITA”.

Fili trasparenti che s’intrecciano

sul cammino.

Fili colorati racchiusi

nel tuo cuore.

Fili di una ragnatela intarsiata

di ricordi, emozioni

e decorata da tanti sogni.

Fili fragili che il tempo

ha spezzato.

Fili rimasti

in bilico.

In attesa di essere

vissuti.

E fili

che resteranno

per sempre

a illuminare

il tuo percorso.

 

rose d'inverno

rose d’inverno

“ROSE D’INVERNO”.

Rosse, gialle, bianche.

Rose colorate

che scaldano il cuore

in un rigido inverno.

Sbocciano come nuove idee.

Barlumi di colori nel grigio.

Stagione senza fiori.

Animano il giardino

con nuove sfumature.

Sorprendente scenario tra nebbia,

freddo pungente

e tramonti originali.

Colori che all’improvviso scaldano l’inverno.

 

il mondo al rovescio

il mondo al rovescio

“IL MONDO AL ROVESCIO”.

Ogni giorno colora con emozione il libro della tua vita.

Per un attimo immagina il mondo al rovescio.

La luna e le stelle di giorno,

il sole di notte,

il tramonto al mattino,

l’alba di sera,

il mare in montagna,

la neve sulla riva di una spiaggia…

Ora come una clessidra capovolgi il mondo

e tornerà come sempre.

E in questa giornata i tuoi sogni

voleranno in cielo custoditi

da un angelo dalle ali blu.

 

Cuori all'improvviso

Cuori all’improvviso

“CUORI… ALL’IMPROVVISO”.

Si nascondono tra le pieghe della vita.

In ogni angolo.

Nelle mie giornate.

Colorati portafortuna.

Come angeli custodi seguono i miei passi.

In ogni angolo….

Cuori…

All’improvviso,

catturano la mia attenzione.

Presenti ovunque.

Per la via, in un libro, in un sasso.

Negli occhi della gente.

In ogni angolo…

Cuori…

Colorati portafortuna.

Su una strada parallela.

Ogni giorno,

angeli custodi.

Cuori…

All’improvviso.

 

Arcobaleno

Arcobaleno

“ARCOBALENO”.

Con una tavolozza crea

l’arcobaleno della tua vita.

Un colore per ogni momento.

Cogli le sfumature sincere

che in silenzio ti parlano…

Accanto a te,

o lontano.

Più luminose…

Più intense che mai.

In bilico sull’arcobaleno

in un universo di segreti.

Sfumature di colori

tra mente e cuore.

 Foto e poesie  di Mary Marina Rissone.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?