Caravaggio, Napoli e le Sette opere di misericordia

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Il Cinquecento era finito. Regnava la controriforma. A Roma, la luce più forte era quella del rogo di Giordano Bruno. Bruciava la filosofia mentre nasceva fredda la gloria di Caravaggio, intrisa, nel benessere e nell’invidia. Cresceva il rancore dei nemici, l’animo del pittore s’inasprì, restò uguale lo stile. In una spregiudicata natura, i rami del realismo erano vicoli senza fine, sparsi nei contrasti di una vita sospesa tra fasti di palazzi e miserie di strada.Vita dipinta, nella verità delle cose tra la gente amata. Vita romana, fino a quando, in una rissa al gioco della pallacorda, un uomo restò ucciso.
Fuga del pittore verso il paradiso dei diavoli. Napoli, la più grande metropoli dopo Parigi, dove continuerà a nascere il memorabile, senza contrasti con le committenze, lontano dai fantasmi delle condanne. Nel regno della tolleranza, dei giochi pericolosi, vicino alla luce e al movimento, ai sensi dell’anima.
La congregazione benefica del Pio Monte della Misericordia era costituita da giovani aristocratici che volevano raffigurare con una pala d’altare le opere della carità: le sei enunciate da Cristo nel Vangelo secondo Matteo e la sepoltura dei morti che a seguito della recente carestia era un problema cruciale.

Michelangelo Merisi da Caravaggio – 1606 -1607 – olio su tela – 390 cm x 260 cm – Pio Monte della Misericordia, Napoli.

Michelangelo Merisi da Caravaggio – 1606 -1607 – olio su tela – 390 cm x 260 cm – Pio Monte della Misericordia, Napoli.

1607. Si anima la macchina teatrale della genialità per la sua opera più blasfema. Uno scenario di strada fuori dal senso comune della pittura di un’epoca, rivoluzionerà il mondo dell’arte, anticiperà di quattro secoli l’avvento della fotografia e diventerà un riferimento pittorico per i nuovi artisti.
Le Sette opere di misericordia, il capolavoro pubblico partenopeo più prestigioso, dove tutto appare come era: la gente, la strada, le ombre, il fracasso dei bagliori. La dialettica dei contrasti, l’inferno e il paradiso. La luce dell’azione in un quadro denso, vario, avventuroso come la città.
Unite, si svolgono nello stesso luogo, nello stesso tempo, nella stessa notte. Il caos, la complessità della scena delimitata a destra da un carcere, a sinistra nella libertà, oltre i limiti del quadro. Immagini strappate al frastuono della vita, alla memoria. Seppellire i morti; come estremo sfondo una fiaccola brilla nel buio, due piedi, lo spazio che aumenta la profondità del quadro e ne costituisce il perno.

Dar da mangiare agli affamati e visitare gli infermi e i carcerati.

Dar da mangiare agli affamati e visitare gli infermi e i carcerati.

 

Dar da mangiare agli affamati e visitare gli infermi e i carcerati; una giovane popolana offre il petto a un vecchio oltre le sbarre. Vestire gli ignudi; un cavaliere dal cappello di piume si toglie il mantello, copre una schiena nuda, la vanità generosa. Dar da bere agli assetati; un uomo si disseta in controluce da una mascella d’asino. Ospitare i pellegrini; l’oste, indica con il gesto dell’indice l’alloggio a due viandanti.

Nessuno dei personaggi della parte bassa mostra interesse per la presenza del gruppo celeste che appare in alto. Non ci sono angeli sulla strada, nei vicoli. La madonna o chi per lei, si affaccia dal balcone della notte. Sceglie il primo tra gli ultimi per rappresentare l’eterna carità.
Un ribelle, un dissoluto, forse un assassino di se stesso dalla vita tormentata legge i segreti dell’arte in un virtuosismo tecnico esasperato. La luce diventa un racconto, l’oscurità una poesia, dove ogni parola è un encomio. Nei colori eterni strappati al trambusto della vita da un poeta disperato nell’universo senza luce dei moti di un’anima.
Le creature celesti come verità nude volano abbracciate, osservano lo svolgimento delle opere di compassione, rese possibili e meritorie attraverso la grazia di una madonna dai tratti di signora del popolo con in braccio il suo bambino. Gli angeli, protagonisti assoluti dalle braccia tese, cadono sulla scena come per gioco, precipitando, nella sofisticata aderenza al vero. L’ombra si riflette sul muro del carcere, un’ala tocca le sbarre della prigione e poi un lenzuolo come una sorta di sipario teatrale, la grazia divina sulla realtà efferata della strada.
Dopo Napoli, nuove città. Viaggiò sempre lasciando tracce dipinte del suo passaggio fino alla fine sul tragico litorale Tirreno. Roma non ebbe la consapevolezza di quella morte, né di quella breve vita. Per secoli lasciò nell’ombra la luce dei suoi capolavori.
Oggi, sono esaltati in tutto il mondo i demoni perversi e i santi di una coscienza artistica, figlia di un’anima che forse ancora vaga per le luride vie oscure, con gli occhi persi, nel buio delle pareti, delle finestre, dei balconi della notte per ascoltare ansiosa il rumore dei colori strappati alle ombre con il grido formidabile delle luci.
Negli orizzonti, sempre, d’inferno e paradiso. Tra gli angeli abbracciati nell’oscurità dei vicoli, dove non esiste nessun dio per la passione.

Gruppo Celeste - Madonna della Misericordia con Bambino e angeli

Gruppo Celeste – Madonna della Misericordia con Bambino e angeli

Dar_da_bere_agli_assetati_Ospitare_i_pellegrini_Vestire_gli_ignudi

Dar da bere agli assetati. Ospitare i pellegrini. Vestire gli ignudi.

Seppellire i morti.

Seppellire i morti.

Gruppo celeste, part. angeli.

Gruppo celeste, part. angeli.

Vestire gli ignudi, part.

Vestire gli ignudi, part.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone
Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?