Contes Irregulars – Atomo 8

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Contes Irregulars non è l’opera di un folle.

Moderno Don Chisciotte del delta dell’Ebro, nel sud della Catalogna occidentale, Xavier Pujals “Lo Surenyo” ci offre una raccolta di racconti brevi e “irregolari”, apparentemente sconnessi l’uno dall’altro e fuori da ogni regola imposta di rima e punteggiatura.
LosurenyoUn sguardo irriverente, cinico e sensibile sul mondo moderno afflitto da una crisi globale che colpisce ogni ambito dal personale al sociale. Un invito a riscoprire la semplicità e l’essenza delle relazioni personali, della natura, della terra e delle proprie radici.

L’11 è lieto di presentarvi questa raccolta de Lo Surenyo, pubblicando per ogni uscita un Atomo letterario contente due racconti in versione originale in catalano con traduzione in italiano a fronte.

Buona lettura!

Carbó vegetal

I de Barcelona a la platja de Canet i de l’autopista a la platja de Canet i del pàrquing a la platja de Canet i del xiringuito a la platja de Canet, per fi vam arribar a la platja de Canet, la que queda més al nord, a tocar del túnel del tren.

I tu només arribar vinga dormir i jo que mirant al mar des de la platja de Canet, m’avorreixo i què faig per distreure’m i finalment em dóna per dibuixar, per dibuixar-te a tu i dibuixar la platja de Canet i les ones i les dones i els gossos i els nens,

Tot déu de la platja de Canet, sempre de fons, la platja, com si fos Port Lligat i jo un pintor surrealista qualsevol, amb les formes i les ombres i els cabells que de la brisa i la sorra i del mar i del cel en vol fer una unitat.

I com que dorms, els bolígrafs són pocs per dibuixar tantes coses alhora i el sol que no baixa i les línies que es multipliquen i la tinta se m’acaba i ara què faig i entro a l’aigua, em banyo, però és tan avorrit quan no hi ha calamars

I de no-tinta en no-tinta veig que al principi de la riba hi ha uns puntets negres que suren i no és petroli i em pregunto què deu ser si no és petroli i petroli no ho és i surto i m’eixugo tan malament com sé i el quadern se’m mulla

I passejo per la sorra perquè entre la cremor que puja i la que baixa m’eixugui definitivament els peus, mentre tu dorms una eterna migdiada i allà entre els granets em trobo trossets negres que identifico com a carbó vegetal

I no un sinó desenes de carbonets i penso que ja no em caldrà comprar carbó vegetal en un any a la botiga de pintures perquè tota la platja conté aquests trossets que em dedico a recollir sota l’escrutadora mirada del sol

I dels banyistes ja que tothom em mira excepte tu que et gires i et regires com un pollastre a la foguera i ni ganes d’obrir els ulls al món i mira que avui està prou maco i serè com per ser mirat, però tu dorm, dorm, nereida

Amb una bossa sencera de carbó vegetal em poso ara sí amb frenesí frenètic i histèric a dibuixar tot el planeta representable des de la platja de Canet tot, excepte tu, que mentre dorms no em vull aprofitar del teu cos vulnerable

I dibuixo les llanxes els cels els mars les sorres hagudes i per haver les gents d’aquí i d’allà i a mi mateix tot i que a tu et deixo en pau i així fins que dic ja n’hi ha prou de ratllar el món que habitualment ja està prou ratllat

Em vaig a netejar les mans de tant de carbó vegetal com m’ha sobrat i per entre les ungles i els plecs dels dits i ara sí abans no et rosteixis del tot et desperto malgrat que el sol ja baixa i em dius que una espatlla la tinc tota negra

I jo et dic que sí desperta’t mira la platja de Canet és plena de carbó vegetal per totes bandes i ara podré dibuixar el planeta sencer fins que s’acabi i ho anem a celebrar al xiringuito però tu no pots beure que has de conduir

Ja beuré jo i ja de tornada a Barcelona deixem la platja de Canet enrere i l’autopista i em deixes a casa després d’aturar-nos un moment a fer cerveses i més cerveses i a la nit dormo no dormo em desvetllo i repasso el dia que ja has dormit tu per mi

I penso en el carbó vegetal i les formes negres que suraven a la platja i aleshores, llavors, en aquell moment recordo l’incendi que fa dues setmanes arrasà l’Empordà completament fins a deixar-lo completament negre

Que ara ni Dalí no el pintaria tan bell com solia i els fragments de l’incendi els relaciono amb el carbó vegetal i és clar com he pogut ser tan ruc com he pogut ser tan tanoca que de vegades la veritat la tinc al davant i se m’escapa

I tu ja m’ho havies dit que semblava fusta cremada però quan un té una idea obsessiva com la del carbó vegetal d’origen natural ja no la deixa i ara entenc perquè aquelles cares tan fosques que em sortien i el perquè de tantes línies negres

Sobre el cel sobre la terra sobre el mar i sobretot entenc perquè aquell carbó ara sí totalment vegetal anava cap al paper amb tanta força perquè no era jo qui pintava sinó que era ell el carbó era ella la fusta fragmentària

La fusta cremada que buscava el paper com a record reminiscència de vés a saber què i no és estrany parents propers com són aquesta fusta amb el paper blanc i negre i jo fent d’intermediari entre ambdós de mestre de cerimònies

Que jo sóc el fum o la flama o el vent que tot ho expandeix sense que ningú hi pugui fer res o no sóc res quan em comparo la meva ínfima persona amb catorze mil hectàrees de bosc cremades -per una cigarreta, diuen-

O les que siguin i si hi ha conreus i arbres solts i matolls també que tot compta excepte jo excepte nosaltres que en quatre dies ens hem de fumar el món està escrit paper a paper ens el fumarem i per tant no cal que escrigui més

Ni dibuixi ni res i tu continua dormint que per veure aquest món més val no despertar que encara té la formosor de la distància però no t’hi escarrassis massa que et cremaràs i ni el sol ni la sorra: la humanitat i les seves histèries, les culpables de tot.

Carbó vegetal

E da Barcellona alla spiaggia di Canet e dall’autostrada alla spiaggia di Canet e dal parcheggio alla spiaggia di Canet e dal baretto alla spiaggia di Canet, alla fine arrivammo alla spiaggia di Canet, quella che sta più a nord, attaccata alla galleria del treno.

E tu appena arrivata ti metti subito a dormire e io che mi annoio guardando il mare dalla spiaggia di Canet e penso a che fare per intrattenermi e alla fine mi viene voglia di disegnare, di disegnare te e la spiaggia di Canet e le onde e le donne e i cani e i bambini,

Tutto il mondo della spiaggia di Canet, sempre sullo sfondo, la spiaggia, come se fosse Port Lligat e io un qualsiasi pittore surrealista, con le forme e le ombre e i capelli che la brezza e la sabbia del mare e del cielo vuole fondere in un tutt’uno.

E siccome dormi, le penne sono poche per disegnare tante cose assieme e il sole che non si abbassa e le linee che si moltiplicano e l’inchiostro finisce e adesso cosa faccio e allora entro in acqua, faccio il bagno, però è così noioso quando non ci sono calamari.

E vedo che all’inizio della riva ci sono dei puntini neri che escono e non è petrolio e mi domando che devono essere se non sono petrolio e petrolio non sono e esco e mi asciugo così male come so io e mi si bagna il quaderno

E passeggio per la sabbia così il caldo che sale e scende mi asciuga bene i piedi, mentre tu dormi un eterno sonnellino e lì fra i granellini trovo pezzetti neri che identifico come carbone vegetale

Decine di carboncini e penso che non avrò più bisogno di comprare carbone vegetale il prossimo anno alla cartoleria perché tutta la spiaggia è piena di questi pezzettini che mi dedico a raccogliere sotto lo sguardo interessato del sole

E dei bagnanti visto che tutti mi guardano eccetto te che ti giri e rigiri come un pollo arrosto senza avere la minima voglia di aprire gli occhi al mondo e guarda che oggi fa bello e io lo sarò tanto da essere guardato, pero tu niente, dormi, dormi, abbronzata

Con una borsa intera di carbone vegetale inizio freneticamente e istericamente a disegnare tutto il pianeta rappresentabile dalla spiaggia di Canet, tutto, però tu no, perche non mi voglio approfittare del tuo corpo vulnerabile mentre dormi

E disegno i motoscafi i celi i mari le sabbie e la gente di qua e là e me stesso anche se ti lascio in pace fino a che dico che ne ho abbastanza di incidere il mondo che abitualmente viene già inciso abbastanza.

Mi pulii le mani sporche di tutto quel carbone vegetale siccome mi è avanzato e dentro le unghie e le pieghe delle dita e adesso prima che ti arrostisca del tutto ti sveglio anche se il sole già si abbassa e mi dici che ho una spalla tutta nera

E io ti dico che si svegliati e guarda la spiaggia di Canet che è piena di carbone vegetale dappertutto e adesso potrò disegnare tutto il pianeta intero fino che finisca e lo andiamo a festeggiare assieme al baretto però tu non puoi bere perché devi guidare

Quindi bevo io e tornando a Barcellona ci lasciamo dietro la spiaggia di Canet e l’autostrada e mi lasci a casa dopo esserci fermati un momento per bere birre e birre e la notte dormo non dormo mi sveglio e ripasso il giorno visto che già hai dormito tu per me.

E penso al carbone vegetale e le forme nere che galleggiavano sulla spiaggia e allora, dunque, in quel momento mi ricordo dell’incendio che due settimane fa bruciò l´Empordà fino a lasciarlo completamente nero

Che adesso nemmeno Dalí lo disegnerebbe tanto bello come era e i frammenti dell’incendio li relaziono con il carbone vegetale ed è evidente che asino e ingenuo che sono che a volte ho davanti la verità e non me ne accorgo

E tu già mi avevi detto che sembrava legno bruciato però quando uno ha una idea ossessionante come quella del carbone vegetale di origine naturale non ci rinuncia e adesso capisco perché mi uscivano quelle faccie così scure e la ragione di tante linee nere

Sopra il cielo sopra la terra sopra il mare e soprattutto capisco perché quel carbone adesso davvero totalmente vegetale andava verso la carta con tanta forza perché non ero io che disegnavo ma bensì lei, la legna spezzettata

La legna bruciata che cercava la carta come un ricordo, reminiscenza di vai a sapere cosa e non è strano familiari vicini come questa legna e la carta bianca e nera e io facendo da intermediario fra i due, da maestro di cerimonia

Che io sono il fumo o la fiamma o il vento che tutto espande, senza che nessuno ci possa fare niente o non sono niente quando comparo la mia infima persona con quattordicimila ettari di bosco bruciato – colpa di una sigaretta, dicono -

O quelli che sono e se ci sono coltivazioni e alberi soli e anche arbusti visto che tutto conta tranne io tranne noi che in quattro giorni ci dobbiamo fumare il mondo ce lo fumaremo e quindi non c’è bisogno che scriva altro

Né che disegni  altro e tu continua a dormire che per vedere questo mondo è meglio non svegliarsi che ancora ha la bellezza della distanza però non preoccuparti troppo se no ti brucerai e né il sole né la sabbia: l’umanità e le sue nevrosi, le colpevoli di tutto.

La corda

Per no caure em vaig agafar a un extrem de la corda. Com que veia que no suportaria gaire aquesta posició, gràcies a la meva força vaig poder escalar una mica, fer un nus i sostenir-m’hi a sobre amb els peus. Els músculs dels turmells ben aviat se’m ressentirien, però.

A pols, vaig començar a ascendir alhora que embolicava la corda en la meva cuixa dreta. Al cap de poc temps tenia un bon tros de corda sobrant que em va servir per fer un llaç. Un doble nus va fixar la corda: havia aconseguit un gronxador.

Quan em vaig cansar d’estar assegut mirant el paisatge, vaig aixecar-me per repetir l’operació anterior força cops, obsessivament, de manera que al cap d’unes quatre nits ja havia obtingut un lloc decent on ajeure’m, una mena de capoll que em serviria fins que em rescatessin.

La gana espavila, diuen. La gana i la set. El primer ocell el vaig capturar amb el cinturó, utilitzant d’esquer un dels meus dits. El cinturó també em serví com a arma llançadora: altre cop un llaç. Es tractava d’un corb, però no me’l vaig cruspir totalment.

Un ocell em servia per capturar-ne un altre de més gran i aquest, al seu torn, un altre encara més gran i així, un cop sofisticada la meva caça, em vaig alimentar d’àligues, falcons i inclús voltors. Gràcies a les seves restes recollia aigua de pluja que després em bevia amb un bec.

Per increïble que pugui semblar, allà dalt podia encendre focs amb un encenedor i trossets de corda primer, plomes després i, per acabar, el moll dels ossos de les meves víctimes. Les plomes em servien de coixí, per cobrir-me i de guarniment, entre d’altres.

L’hivern va ser molt dur. Les ventades, gelades, la manca d’aliment… Quan me’n començava a refer, aparegué un helicòpter. De primer em vaig emocionar i els vaig fer tot tipus de gestos de desesperació, reclamant-los ajut.

Com que l’aparell no es podia acostar per dalt, m’allargà una corda. Aleshores, cadascuna de les raons que tenia per fugir d’allí es capgiraren i totes plegades es van metamorfosar en la forma contrària. Amb gestos ben eloqüents, els vaig agrair la corda, però evidentment preferia la meva.

I no sé quan de temps fa que hi visc. Crec que he superat els deu anys. Les formes cada cop més sofisticades de nusos que he arribat a compondre m’han permès dividir l’estança inicial en diverses cambres. Actualment ja no hi passo fred ni calor i ni el vent m’és una molèstia.

De fet, mai no havia viscut tan a gust en un lloc. Recordo instants de suprema lassitud des del meu punt d’observació privilegiat, en què el món s’escolava en girs independents del punt que a mi em sostenia.

Evidentment, sé que no podré residir tota l’eternitat aquí a dalt i que algun cop o altre hauré de baixar, descendir al terra ferm, ni que només sigui empès per la necessitat de residir amb els meus semblants per no tornar-me boig.

Em fa recança haver d’abandonar la meva corda, però tard o d’hora hauré d’afrontar el meu destí i d’un bot creuaré la porta de la meva llar, conscient que a baix m’espera, per bé o per mal, la gravetat, que em crida amb insistència i a la qual, de segur, no em podré resistir.

La corda

Mi aggrappai a un estremo della corda per non cadere. Visto che non avrei potuto mantenere a lungo questa posizione, grazie alla mia forza riuscii a risalire un po’, fare un nodo e sostenermici sopra con i piedi. I muscoli delle caviglie però ne avrebbero presto risentito.

Con la sola forza delle braccia, iniziai l’ascesa arrotolando poco a poco la corda alla mia coscia destra. In poco tempo avevo raccolto un buon pezzo di corda sufficiente per fare un lazzo. Fissai la corda con un doppio nodo: ero riuscito a fare una specie di altalena.

Quando mi stancai di stare seduto osservando il paesaggio, mi alzai per ripetere l’operazione anteriore molte volte, ossessivamente, in modo che dopo quattro notti ero riuscito ad ottenere un giaciglio decente, una specie di bozzolo in cui stare finché non mi avessero riscattato.

La fame attiva l’ingegno, dicono. La fame e la sete.  Il primo uccello lo catturai con la cinta, utilizzando come esca una delle mie dita.  La cinta era anche un’utile arma da lanciare: ne feci un lazzo. Si trattava di un corvo, che però non mangiai del tutto.

Un uccello sempre serviva per catturarne un altro più grande e quest’ultimo, a sua volta, un altro ancora più grande e così, una volta messa a punto la tecnica di caccia, mi nutrii di aquile, falchi e incluso avvoltoi. Grazie a i loro resti potevo raccogliere acqua piovana che poi bevevo con un becco.

Per quanto possa sembrare incredibile, lassù riuscivo ad accendere un fuoco con un accendino e pezzettini di corda prima, piume dopo e, per concludere il midollo osseo delle mie vittime. Le piume servivano, tra l’altro,  da cuscino, coperta  e suppellèttile.

L’inverno fu molto duro. Il vento, il gelo, la mancanza di cibo…Quando inziai a recuperare le forze, apparse un elicottero. All’inizio mi emozionai e gli rivolsi ogni tipo di gesto disperato, chiedendo aiuto.

Visto che il velivolo non poteva atterrare sopra di me, mi scesero una corda. Fu allora che ognuna delle ragioni che avevo per fuggire da quel luogo si capovolsero e si trasformarono nel contrario. Con gesti eloquenti li ringraziai per la corda a cui comunque preferivo la mia.

Ed ora non so da quanto tempo viva qui. Devo aver superato i dieci anni. I sempre più complicati nodi che sono riuscito a fare mi hanno permesso di dividere il mio giaciglio in diverse stanze. Attualmente non soffro né freddo né caldo e nemmeno il vento mi da più fastidio.

Infatti, non ero mai stato così comodo da nessuna altra parte. Ricordo momenti di supremo rilassamento dal mio punto d’osservazione privilegiato, in cui il mondo trascorreva in giravolte  indipendenti dal punto che mi sosteneva.

È chiaro che non potrò vivere qui su per l’eternità e che un giorno o l’altro dovrò scendere, tornare alla terra ferma, anche solo spinto dalla necessità di vivere insieme ai miei simili per non impazzire.

Mi pesa dover abbandonare la mia corda, però presto o tardi dovrò affrontare il mio destino e in un salto attraverserò la porta del mio focolare domestico, cosciente che fuori m’aspetta, nel bene o nel male, la gravità, al cui richiamo insistente, di sicuro, non saprò resistere.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

giorgio marincola

Giorgio Marincola è/è stato, in ordine sparso: fisico teorico, diplomato in sandwich-making al 67, Pret-a-Manger, Tottenham court road, "no-global" ante-litteram con le mani bianche a Genova 2001,  Ph. D., campione paesano di calcio "a portine", ricercatore alla University College London (a pochi metri da Tottenham Ct. Rd.), rifugista-capo-sguattero al Calvi, professore universitario associato, programmatore HPC e Android, ballerino di lindy hop, ingegnere di sistema, scarso chitarrista e scialpinista in lento miglioramento. Vive/ha vissuto diversi anni in tre-quattro paesi europei e a Londra. Si esprime fluentemente in 4 lingue e un dialetto, tipicamente a due a due. È tra i fondatori de L'Undici.

Perché non lasci qualcosa di scritto?