Il salto nel vuoto

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

È stata un’epifania, in un soleggiato pomeriggio parigino di fine aprile. Non avrei continuato con questa vita.

Non vedevo il sorriso sul mio volto da mesi, la pelle era spenta, i capelli arruffati, i vestiti indossati un po’ a caso. Non sapevo dove stessi andando. E sono della Vergine, rigorosa fino alla psicopatologia, più o meno so sempre qual è la meta. O quanto meno, i miei capelli cercano di avere un senso. Il caos mi provoca convulsioni. Eppure ero lì, c era un vuoto dentro e non capivo perché.

Fino a quel pomeriggio. È stato un attimo, una risata dirompente e pura, che sgorga libera come acqua di fonte dalla roccia, annaffiata da un calice di rosè sorseggiato al tramonto. Una risata improvvisa e liberatoria, come non ricordavo da mesi.
È da lì che è partito il mio viaggio. A ritroso, come un racconto di Huysmans. Ero arrivata dove avevo pensato di dover giungere ma quell’approdo non mi rispecchiava più. Nemmeno avevo mai preso in considerazione l idea di poter non stare bene in questa città. Ho salutato tutti, ho seminato i miei averi in tutti gli arrondissements, ho fatto i biglietti e ho cominciato a sognare il mare. Era lì, splendente all’orizzonte, il solo pensiero dipanava tutte le mie nubi.

“É il regalo migliore che ti potessi fare, finalmente torni a casa”, cinguettavano felici i peninsulari.
“Sei matta, lasci tutto così, dopo tutti gli sforzi fatti?”, ribattevano i cugini d’Oltralpe.

È un salto nel vuoto, e lo faccio per la prima volta nella mia vita. Prendo una metro, poi un autobus, un aereo, un passaggio in macchina, un treno, poi un traghetto e infine è lì, la vedo. La vedo, è lì in fondo, brilla di luce propria, mi sta aspettando, é la mia felicità.
Sto ritrovando me stessa.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Linda.F

Valigia in una mano, giornale nell'altra, sfoggio il mio miglior sorriso e guardo il mondo. Laureata in giornalismo, amo perdermi tra le parole, qualsiasi forma esse prendano e in qualunque modalità esse si scontrino con me. Mi circondo di libri, riviste, immagini, colori, convivialità, musica che pervade l'anima. Amo ricercare la bellezza, mi arricchisce in ogni sua forma.

Perché non lasci qualcosa di scritto?