Piattaforma italiana per guardare film in streaming legalmente? con VVVVID finalmente si può

1
Share on Facebook953Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Avete mai pensato ad una tv interattiva che sceglie i contenuti per voi in base alle vostre preferenze e che quindi inibisce il potere dello zapping? Niente più telecomando. Solo uno schermo e voi pronti a perdevi dentro di esso.

vvvvid logoVVVVID è questo: una TV online personalizzata che offre completamente gratis film, animazione, musica e video legati alle passioni degli utenti. Uno streaming gratis e legalizzato.

Le principali differenze tra VVVVID e altre piattaforme (come ad esempio il pluriosannato Netflix d’oltre oceano) sono tre:
1) VVVVID è completamente gratuita, e questo le consente di proporre contenuti innovativi poiché l’utente è libero da qualsiasi tipo di canone o abbonamento.
2) E’ una TV interattiva che ha come protagonisti solo il contenuto e l’utente, il quale è immerso in un’esperienza di intrattenimento coinvolgente (una TV “particolarista” nel senso che si adatta ai gusti specifici dell’utente), una la prima forma tutta italiana di EVOD (Engaging – Video On Demand). Il DNA di VVVVID è quindi il meglio della TV mixato con il meglio di internet: interazione, partecipazione e personalizzazione.
3) VVVVID a differenza dei competitor fornisce intrattenimento a 360 gradi, long-form e short-form: questo è un elemento fondamentale che ha richiesto un approfondito studio, ma che si adatta all’evoluzione dell’offerta video a seguito dell’avvento di internet in termini frequenza di utilizzo, durata, livello di attenzione e canali di accesso.11179754_10206430914682457_1547174457_o

Il servizio è nato ad aprile 2014 e si è arricchito nel tempo di nuove sezioni e contenuti. Un centinaio di fornitori hanno creduto in VVVVID e grazie a loro sono stati chiusi accordi per oltre 200 film, 800 ore di animazione, 40.000 canzoni e più di 250.000 video che vengono personalizzati rispetto ad ogni utente all’interno di 12 canali tematici. Sono tutti contenuti di elevata qualità. Opere di Peter Jackson, David Cronenberg, Joel e Ethan Coen, Terry Gilliam, Mathieu Kassovitz, Orson Welles, Luis Bunuel, David Lynch, Alejandro Jodorowsky, Abel Ferrara, Takashi Miike, Takeshi Kitano, Michel Gondry, Wong Kar-wai e moltissimi altri grandi maestri del cinema sono presenti nella sezione film.

L’Undici in particolare da questo mese in poi vi presenterà una nuova rubrica riguardante il cinema, una sorta di “Cinema ritrovato”: vi proporrà recensioni di lungometraggi presenti nel catalogo di VVVVID, a volte non attuali ma sempre interessanti e capaci di stimolare un dialogo critico emozionale. Film che magari sono passati in sordina o che addirittura non sono mai approdati nei cinema italiani perché privi di distribuzione. Il modo più veloce per mostrarvi queste piccole perle nascoste nell’odierno mare dei blockbuster è farvi conoscere un posto dove trovarle e condividerle. Niente download selvaggi, leak abusivi e torrent magnetici. Emozioni a portata di click.http://www.vvvvid.it/

Provalo subito su www.vvvvid.it

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook953Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Serena Risitano

Anche detta Améliemelina, nasce qualche tempo fa da qualche parte. Trascorre la sua infanzia a fare qualcosa e anche qualcos'altro. Inizia purtroppo a coltivare un’insana passione per il cinema (in particolare Truffaut e Kubrick), la serialità televisiva americana e la musica punk-rock inglese. Romantica e malinconica, passa le sue giornate raccogliendo "sassi rotondi in una scatola quadrata". Potete incontrarla a Bologna, afflitta dall'ansia per un qualsiasi esame del DAMS, o in Sicilia, probabilmente in riva al mare. Dice di se: "Avendo sentito fin dalla nascita una totale disarmonia con la realtà che mi circondava, la materia della mia ispirazione non poteva che essere quella disarmonia." citando Montale.

Cosa ne è stato scritto

Perché non lasci qualcosa di scritto?