James Bond a Roma

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Da quando è stato creato dalla penna di Ian Fleming, è stato considerato dall’immaginario collettivo un personaggio dalle tante sfaccettature. Intramontabile Agente 007 inglese, che da sempre si ricorda nei numerosi romanzi del suo creatore e nei film che negli anni si sono susseguiti fino ad arrivare ai giorni nostri con le ultime pellicole.

Sean Connery

Sean Connery

I volti degli attori che hanno dato vita a Bond a partire dall’indimenticabile Sean Connery fino a giungere all’ultimo e attuale, Daniel Craig. L’agente segreto britannico è conosciuto per le sue grandi imprese investigative in giro per il mondo. Il suo personaggio nacque nel 1924 in Scozia. Le esperienza di vita, ripercorse dallo scrittore Fleming, spesso non sono conosciute ai tanti ammiratori dell’agente 007.
Il giovane Bond perse i genitori, Andrew e Monique Delacroix, in un incidente in montagna, a Chamonix, in Francia. James aveva dodici anni. Il giovane visse con la zia paterna a Canterbury dove studiò al rinomato college di Eton e poi ad Edimburgo. Qui imparò a sciare e giocare a golf. La sua carriera fu fulminante e partì dal ministero della Difesa inglese con il primo impiego. La cicatrice sulla sua guancia deriva da un ferimento durante una missione nella seconda guerra mondiale. Un segno indelebile che contraddistinguerà per sempre il volto dell’intraprendente e affascinante agente segreto. Divenne comandante ed entrò nel servizio segreto MI6. Nel 1950 passò nella sezione 00 con licenza di uccidere.

Il primo film “Casinò Royale”, uscito nel 1953, decretò il successo di Bond con una fama a livello internazionale. Il personaggio si preparò così a uscire dalle pagine dei romanzi di Ian Fleming, mancato nel 1964, per diventare una vera e propria icona mondiale.
Facendo un ritorno al presente torniamo a ripercorrere l’ultimo capitolo delle avventure raccontate al cinema. Dal 2006 il ruolo di James Bond è rivestito dall’attore Daniel Craig, che sostituì il suo predecessore Pierce Brosnan. L’ultimo film dedicato all’agente britannico fu nel 2012 sempre con il volto dell’inglese Craig con “Skyfall”.

Dallo scorso dicembre è partita la nuova produzione cinematografica con il ventiquattresimo film di Bond. Le riprese di “Spectre”, diretto dal regista Sam Mendes, sono partite in queste settimane e resteranno nella città eterna per circa due mesi. Roma ritorna così a essere al centro dell’attenzione delle grandi produzioni di pellicole internazionali. Un ritorno al passato. Un passato che fu per la capitale italiana un enorme vantaggio economico, ma anche di passerella per importanti personaggi dello spettacolo e del cinema di tutti i tempi.

Molti romani sono affascinati nell’avere in città una produzione di questa portata. Non solo per gli ammiratori in cerca di un autografo e curiosi di osservare gli attori e le numerose maestranze, tra scenografi, operatori, truccatori, costumiste, in giro per le strade e le location della capitale. Altri invece lo considerano un momento di “disturbo” per il traffico intasato e le vie di passaggio spesso bloccate per via delle riprese del film. Molte scene sono state girate per il momento in orari diversi per creare meno disagi possibili agli abitanti delle varie zone protagoniste delle scene.
Per le riprese in corso Vittorio Emanuele il traffico è andato in tilt con transenne e divieti d’accesso. Come in tante altre zone. Altra scenografie scelte per le riprese sono state le sponde del Tevere e la zona accanto al Colosseo. Ma tralasciando questi particolari, che via via saranno più chiari con il dipanarsi delle varie giornate di lavorazione, dietro la regia di Mendes, concentriamoci sulla scelta delle Bond Girl. Figure sempre importanti, accanto a 007.

Daniel Craig Monica Bellucci

Daniel Craig Monica Bellucci

Per “Spectre” questa volta a vestire questi panni ci sarà l’italiana Monica Bellucci, bellezza di Città di Castello. A 50 anni è la più anziana Bond Girl di tutta la storia della saga. Un record che testimonia la bellezza senza tempo delle attrici italiane. Accanto a lei anche un’altra Bond Girl, la francese Lea Seydoux. “Il mio – aveva dichiarato l’attrice umbra prima di iniziare le riprese romane – è il personaggio di Lucia. Un ruolo proposto dallo stesso Sam Mendes durante un invito a pranzo a Londra. Qualche anno fa sfiorai già questo importante ruolo, ma non andò a buon fine. Ora è il momento giusto. Chiamatemi Bond lady”.

E così ancora una volta l’Italia resterà protagonista in una grande produzione cinematografica. Da una parte per il ruolo impersonato da Monica Bellucci e dall’altra per i luoghi scelti dove saranno girate numerose scene. Un segnale importante? Altro esempio fondamentale di ripresa del settore la megaproduzione di “Ben Hur” a Cinecittà, sceneggiato dal premio Oscar “Dodici anni schiavo”, John Ridley. Senza dimenticare “Diabolik. La serie” che per un anno resterà a Cinecittà e altre produzioni che si svolgeranno nel 2015.

Sembra quindi che Roma sia tornata di nuovo terra di set kolossal con grande competitività rispetto ai paesi dell’Europa dell’Est, dove negli ultimi anni si erano concentrate le produzioni, attirate dai costi minori. Intanto i ciak e i set si stanno disseminando su Roma e dintorni. Tra una produzione e l’altra si attende, con un filo di speranza, una buona ricaduta per la città.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?