I ladri del futuro

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

A Pino Daniele

Se, in teoria, di rubare il futuro possono essere ritenuti tutti responsabili, in pratica il cerchio si restringe. Anzi, ad osservar meglio, si tratta di più cerchi concentrici – una sorta di gironi danteschi – in cui sono presenti i colpevoli, collocati appunto in base al grado di deprivazione operata ai danni dei principali innocenti.

Ma a chi viene rubato il futuro?

Al contrario del concetto incipitario, in questo caso la risposta è univoca: i derubati sono i più piccoli. Ma i grandi, non erano anch’essi piccoli ai quali eventualmente fu sottratto il futuro? In parte sì, vale a dire che se non si corre ai ripari oggi, non solo si ripeterà per le prossime generazioni ma si estenderà ancora di più.

In un Paese civile i bambini, tutti i bambini, rappresentano la priorità assoluta.

In un Paese civile i bambini, tutti i bambini, rappresentano la priorità assoluta.

Ridotti spazi mentali 

I numeri sono inequivocabili. Secondo gli ultimi dati*, in Italia oltre un milione e quattrocentomila minori vive in condizioni di povertà assoluta. Ma il nodo “apparentemente” più inestricabile è costituito dagli spazi mentali: biblioteche, cinema, teatri, centri polifunzionali (auditorium, palestre e simili), nonché le scuole, in cui, appunto, le menti possono essere stimolate; negli altri casi, loro malgrado, sono destinate ad atrofizzarsi, nonostante le altissime potenzialità le quali, purtroppo, rimarranno deduttivamente inespresse.

Lo scenario non sembra triste, lo è. Tra i più piccoli nati nei luoghi o nonluoghi (così come definiti da Marc Augé) in cui sono pressoché assenti gli spazi mentali, solo qualcuno – grazie a qualche casualità – avrà accesso ai percorsi che gli consentiranno di operare la scelta tra tutte le possibili contenute in un ventaglio solitamente aperto solo ai cosiddetti fortunati, coloro che nascono non in luoghi speciali, ma semplicemente civili, in cui gli adulti si prendono cura dei più piccoli.

Nonostante la situazione sia differentemente variegata in tutta Italia, tuttavia un tratto rimane trasversale, come una lama conficcata nelle giovanissime vite ignare: il futuro dei bambini e ragazzi non è ancora prioritario. La cultura di un Paese può cambiare orientamento solo sotto la pressione di quella parte della società che non si lascia incantare dalle promesse o dai contentini, neanche quando sono porti sotto forma di grandi eventi che, spesso, hanno soltanto lo scopo di abbagliare momentaneamente e non, piuttosto, di fornire basi solide, le quali possono trovare degno posto solo nelle iniziative durevoli – in cui è possibile scorgere lunga prospettiva – da tradurre in quegli spazi fisici dove i pensieri si incontrano e camminano e crescono insieme.

Un compito così importante deve essere assolto da coloro nei quali i cittadini, molto spesso non contraccambiati se non ignorati, ripongono fiducia. Mi riferisco a coloro che rivestono un ruolo istituzionale, ai vari livelli amministrativi: a partire dai ministri della Cultura e dell’Istruzione fino agli assessori dei più piccoli comuni italiani. La pressione da esercitare su di essi, anche quando si dovessero distinguere per meriti, non dovrà mai conoscer tregua. copertina2014[1]

Un plauso, in ogni caso, meritano tutte quelle associazioni che, molto spesso sostituendosi alle latitanti istituzioni, nelle periferie e nei nonluoghi più abbandonati si impegnano quotidianamente per restituire dignità all’essere umano, e ai più piccoli in primis.

Al fine di illustrare, quanto più esaustivamente possibile, la situazione generale, Save the Children (la più importante organizzazione internazionale dedicata a salvare i bambini in tutto il mondo) ha stilato per il quinto anno consecutivo l’Atlante dell’infanzia (a rischio), nel quale le parole, che divengono anche mappe esemplificative, sono integrate da un viaggio fotografico, realizzato appositamente da Riccardo Venturi, grazie al quale è possibile esplorare zone, strade, periferie, luoghi educativi e di relazione – in parte raccontati dall’Atlante – in cui si scorgono anche spazi esemplari, verso i quali proiettarsi.

Sebbene i numerosi deprecabili fatti di illegalità e non solo, avvenuti soprattutto in Italia, possano aprire la strada alla rassegnazione, e talvolta a buon motivo, tuttavia esiste ed esisterà sempre un diritto per il quale bisognerà battersi: una vita vera, da consegnare senza menzogne ai più piccoli.

Note

* Atlante dell’infanzia (a rischio) http://atlante.savethechildren.it/

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?