Il vuoto pieno

1
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Provenivano luci d’ogni sponda
colme di immagini impresse sul guscio,
non un permesso per varcare l’uscio
un canto libero per rifratta onda.

Una lente oscurante, sferoidale
attenuato mi avrebbe quei bagliori.
L’illusione non smorza gli incisori
non un paravento in camera ovale.

Allora una corazza di metallo
al chiaro prisma avrebbe posto un freno,
in disuso figura accusatoria

il canto avrei riempito di baldoria
un punto senza luci, un vuoto pieno
solo di ricordi occupanti un ballo.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Cosa ne è stato scritto

  1. Stellanigra

    Questo componimento deliziosamente futurista merita un commento dell’autore!
    Come, cosa, perché?

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?