Scottarsi a Hollywood – “Maps to the Stars” di David Cronenberg

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

In “Cosmopolis”, penultima fatica di David Cronenberg tratta dall’opera omonima di Don DeLillo, Robert Pattinson passava la maggior parte della sua vita dentro una lunghissima limousine. Lavorava in Limousine, accoglieva amici in Limousine, faceva visite mediche alla prostata, faceva sesso, tradiva la sua fidanzata, mangiava, stava male, impazziva. Questo “Maps to the stars” parte proprio con Pattinson, stavolta alla guida di una Limousine, anche se “quelle lunghe erano finite”. Autocitazionismo. Chi non lo ama?

Regia: David Cronenberg
Sceneggiatura: Bruce Wagner
Paese: USA
Genere: drammatico

Interpreti:
Julianne Moore
Mia Wasikowska
John Cusack
Sarah Gadon
Robert Pattinson

Consigliato a:  attori in erba, piromani e fan di David Lynch
Sconsigliato a:  attori navigati, pirofobici, Sandor Clegane aka Il Mastino di Game of Thrones, ai detrattori di David Lynch


maps to the stars posterIl film parte in sordina, facendo ridere un po’ a denti stretti, con un black humor paragonabile a quello dello scrittore Tom Wolfe. Ma ben presto Wolfe si trasforma in Bret Easton Ellis (“Le regole dell’attrazione”, “American Psycho”) e la regia di Cronenberg muta strizzando l’occhio al bellissimo, cupo e onirico “Mulholland Drive” di David Lynch. Ma non sono solo questi i fattori da cui trae spunto il buon David per intrattenerci per due ore di buon cinema.

“Maps to The stars” è un continuo scavare nella psiche della Hollywood odierna, mettendola a paragone con le tragedie greche: tutti i protagonisti sono vittime, consapevoli o meno, del loro passato. Ne sono visceralmente attratti e legati in maniera perversa, volenti o nolenti. Attrici in rovina che millantano di essere state sessualmente molestate dalla madre ma che, per la legge del contrappasso, anelano ad interpretare il ruolo che fu della genitrice nel remake del film che le diede fortuna. Baby star schizofreniche, viziate, sempre sull’orlo di un rehab. Figli abbandonati a se stessi, mutilati nel corpo e nell’animo, in cerca solo di amore paterno. Padri e madri incapaci di capirsi, troppo forti o troppo deboli per (con)vivere. Rapporti incestuosi, fratelli che si sposano. Visioni, forse fantasmi. E poi il fuoco. Quello della sacra arte o quello purificatore, il quale brucia ed elimina ogni peccato, ogni atto di ὕβϱις, ogni colpa che si tramanda inesorabilmente da padre in figlio.mia-wasikowska-and-julianne-moore-maps-to-the-stars

La filmografia di Cronenberg è piena di capolavori visionari, spesso tendenti all’horror splatter (“La mosca”, “Videodrome”, “The Brood”, “Naked Lunch”) ma negli ultimi anni il regista ha decisamente cambiato modo di far cinema. E’ più attento alla storia e ai personaggi. Si dedica molto di più all’introspezione. Il cambiamento è avvenuto da “A History of Violence” in poi, passando per il bellissimo “Eastern Promises”. Resta un minimo di amaro in bocca però pensando a ciò che era Cronenberg. Adesso regala belle prove come questo “Maps to the Stars” (aveva sicuramente fatto un buco nell’acqua con “Cosmopolis”) ma serve davvero al cinema internazionale un altro Lynch? Serve davvero usare Pattinson come attore feticcio? Continueremo a rimpiangere gli insettoni giganti anni ’80? Nel prossimo film Pattinson sarà un insettone gigante anni ‘80?
Non posso che rispondere così, alla Cronenberg: “Su ogni carne consentita/Sulla fronte dei miei amici/Su ogni mano che si tende/Io scrivo il tuo nome.” La poesia è il mantra del film. E’ “Liberty” di Paul Eluard. Ora interpretatevela da soli. Questo film dona del puro cripticismo.

 

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?