Chi mi porta al mare!

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

In quattro me lo donan per la vita.
Mio padre che domanda abbracci
a quel ventre che lo legò con lacci
troppo stretti perché fosse finita.

Mio zio resta nel movimento
di gambe, braccia per stare a galla,
ma su tutti lo stile a farfalla
m’impresse forza per andar nel vento.

Mia moglie risorgente dall’onde,
dopo anni, il suo volto raggiante
mi ridona tutto ‘l tempo perduto.

Martin Eden dagl’abissi in aiuto
rasserena ‘l mio corpo tremante
che, sì grato, in un tuffo risponde.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Antonio Capolongo

Antonio Capolongo è nato a San Paolo Bel Sito, in provincia di Napoli, nel 1968. Dopo la laurea in Economia e Commercio ed il lavoro in ambito aziendale scopre, nell'anno 2007, la passione per la scrittura. Nel 2011 pubblica il suo primo romanzo, "Un incontro d’Amore". È anche autore di poesie, presenti in numerose antologie poetiche. Nelle sue opere indaga l'animo umano. Le tematiche sociali trovano degna collocazione nel suo ultimo libro: "Cassa integrazione guadagni... la mia è straordinaria".

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. Antonio Capolongo

    Grazie Marinda, emergo per rispondere, ma riprendo fiato pe rifare il tuffo lasciato in sospeso.

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?