Daria risponde: “Rosa ferita”

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

rosaferitaGentile Daria,
le scrivo perché non so con chi parlare di quello che mi sta succedendo. Sono sposata da 15 anni con il padre dei miei due bambini. Non posso dire che il nostro rapporto di coppia sia ideale ma, tutto sommato, tra alti e bassi, siamo sempre andati avanti. A dir la verità io ho sempre pensato che mio marito sia un ottimo padre e anche un buon marito. Ha un carattere chiuso ma è un uomo, io credevo, affidabile.

Invece l’altro giorno sono rientrata in anticipo a casa e, siccome la porta era socchiusa, non ho usato le chiavi. Mio marito era al telefono e, dalle sue parole e dal tono, ho intuito che stesse parlando con una donna. Allora mi sono avvicinata alla porta e ho ascoltato. Non mi sbagliavo, stava usando un linguaggio volgare e parlava di sesso. Con una prostituta credo. O forse con qualche ragazza conosciuta in rete. Le parole che ha usato sono inequivocabili. Sono rimasta come inebetita e, quella sera, non ce l’ho fatta ma il giorno dopo l’ho affrontato.

Lui si è messo a ridere e mi ha detto che sono pazza, che ho capito male, che lui non farebbe mai una cosa simile. Dopo alcuni giorni ho controllato, cosa che non faccio mai, il suo cellulare e ho trovato dei messaggi di conferma ai miei sospetti. Ora sono disperata, non mangio più, non dormo, non ho voglia di parlargli, non ho voglia di dormire con lui e credo che il nostro matrimonio finirà perché io non sarò mai in grado di superare questo fatto. Cosa devo fare?

Rosa ferita

Cara Rosa ferita,
il tradimento è uno dei dolori più duri da affrontare e digerire. Molto spesso noi tutti diamo per scontate un sacco di cose che scontate non lo sono affatto e quando ce ne rendiamo conto dobbiamo confrontarci con il disagio e la sofferenza che questa cosa ci crea. Purtroppo nulla è per sempre e la realtà non è quasi mai quella che appare.

Mi rendo conto che il colpo è stato duro ma è sempre bene lasciar decantare le emozioni forti prima di prendere qualsiasi decisione soprattutto se è importante o definitiva. Ciò che ti aiuterebbe è fare un po’ di luce dentro per capire quanto lacerante è questo fatto per te e quali sono le strade da percorrere. Forse un aiuto da parte di uno psicologo potrebbe rendere meno faticoso questo cammino e potrebbe aiutarti a vedere delle soluzioni che ora sono nascoste ai tuoi occhi feriti.

L’accaduto, ora gravissimo, potrebbe essere ridimensionato se guardato da un’angolazione diversa o potrebbe semplicemente darti l’opportunità di guardare dentro di te in modo nuovo per scoprire che hai la forza per superare questo smacco e andare avanti. Con o senza di lui.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. agatarobles

    senza, meglio.

    e non per il tradimento ( che quello “sessuale”, non è il peggiore) ma per l’aver negato l’evidenza e con quella l’intelligenza e l’identità della persona con la quale (si presuppone) abbia condiviso un percorso di vita. ciao/.)

    Rispondi
  2. Antonio

    Mi rivolgo a tutti i protagonisti adulti: “Come avete pensato di comportarvi nei confronti dei bambini – figli ignari – meritevoli di attenzione più degli adulti?”.

    Grazie
    Antonio

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *