Le Luci Della Centrale Elettrica, un concerto tra la Via Lattea e Bologna

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Vasco BrondiSabato 12 aprile. All’Estragon di Bologna, nel grande giardino al di fuori, una folla di persone aspettava. Chi seduto su lunghe panche di legno, chi a gambe incrociate sul parco, un ragazzo solitario beveva la sua birra davanti ad un cartone di pizza vuoto, aspettando.

Altri chiacchieravano con una sigaretta tra le dita, passando il tempo. Il sipario della notte si era aperto, dando spazio alle costellazioni che decoravano le teste di chi attendeva che un secondo sipario fatto di metallo si aprisse su quella strada che unisce la terra, l’Emilia e la luna.

Le porte si aprono e la folla entra, sedendosi sul pavimento per riprendere l’attesa. Saranno le luci nella penombra della sala che faranno percepire l’inizio di tutto.Luci della centrale elettrica
Prima canzone: la Terra, l’Emilia, la Luna. Un Vasco Brondi che evoca altri mondi, in cui immagini scorrono nella nostra mente alla ricerca di un centro di gravità almeno momentaneo. Arriverà una cara catastrofe durante la quale le pattuglie inseguiranno le falene, le comete, mentre noi, sotto il palco gridiamo che ci fregheranno sempre. Comparirà Macbeth nella nebbia, un racconto le cui parole si trasformano in brividi che percorrono le braccia, il petto.
Salti impetuosi tra generi e sonorità, tutto sopra un palco che augurava di esser felici da fare schifo.

Dal punk al timbro avvolgente del synth attraverso i quali emergono passati di diverso tipo: dalla musica alla singola vita di ogni singolo individuo presente dentro quella sala. Un’ora e mezza in cui quel passato si lega al presente e cerca di affacciarsi a quel futuro che per quanto non chiaramente visibile è lì che aspetta. E sono storie quelle che vengono raccontate, da “I destini generali” a “Le ragazze stanno bene” passando dall’ultimo album il cui tour è dedicato a brani estratti da “Per ora noi la chiameremo felicità” come “Quando tornerai dall’estero” o “L’amore ai tempi del licenziamento dei metalmeccanici” tra miracoli economici e lunedì difettosi.
L'ultimo album delle luci della centrale elettricaAssistere ad un concerto di Vasco Brondi e delle Luci della centrale elettrica significa tornare indietro nel tempo. Un viaggio interiore in quel subconscio di ricordi in cui l’espressione diventa arte dando vita ad un quadro fatto di miriadi di scene dove luoghi, persone, costellazioni diventano palpabili quanto la felicità che si prova nel cantare gli Smiths e i Sonic Youth in un lontano paesino del sud.

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Elena Usai

Studentessa di moda, appassionata di cinema con una grande ammirazione per quel polemico\genio di Godard. Amante della musica anni '60 e '70, in particolare del genere folk. In una vita passata sarebbe voluta essere Joan Baez ma nel 2014 ha ereditato semplicemente i suoi capelli. Niente voce, solo una chitarra affianco al letto. Si perde facilmente nelle poesie di Ginsberg, tanto quanto si perde nelle terre straniere. L'unica filosofia di vita che segue è quella del viaggio come unico scopo puro nella vita dell'essere umano.

Perché non lasci qualcosa di scritto?