Come imparare il giuoco del Barcellona e vivere felici

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Discuteremo in questo articolo della maniera di giuocare al football del Barcellona e di come questo possa insegnarci a vivere meglio.

La filosofia di giuoco del Barcellona è sintetizzata da alcune frasi emblematiche di Johan Cruijff, già giuocatore (1973-1978) e allenatore (1988-1996) dei blaugrana e attuale guru del barcelonismo. “Se hai la palla, non è necessario che tu difenda, perché c’è solo una palla” (con relativo corollario: “Se tu hai la palla, i tuoi avversari non ce l’hanno”). “Che senso ha fare un passaggio di 40 metri se uno di 20 è sufficiente? La soluzione che sembra la più facile è in realtà la più difficile”. “Non serve tanto movimento. L’importante è essere nel posto giusto al momento giusto. Voglio che i miei giuocatori non corrano molto, per risparmiare energie per l’azione decisiva”. “Se nella squadra avversaria c’è un attaccante intelligente e bravo a smarcarsi, noi scegliamo sempre l’opzione più semplice: non lo marca nessuno. Se non lo marca nessuno, non potrà smarcarsi”.

Johan Cruijff (Amsterdam, 25 aprile 1947)

Johan Cruijff (Amsterdam, 25 aprile 1947)

Le frasi contengono messaggi e precetti apparentemente paradossali, ma in realtà assolutamente logici e il Barcellona giuoca (e vince) applicandoli alla lettera.

L’obiettivo principale del Barcellona è avere il possesso della palla, perché – logicamente – se tu hai la palla, gli avversari non possono fare gol. Questo significa adoperarsi per mantenere sempre l’iniziativa, gestire la partita e i suoi ritmi, in definitiva, lavorare per crearsi le opportunità per fare goal ed essere felici.

Per avere il possesso del pallone  sono necessarie due condizioni: 1) non perdere la palla quando ce l’hai, 2) riconquistarla appena l’hai persa. Per questo, sempre seguendo il Cruijff-pensiero, i giuocatori blaugrana effettuano quasi sempre passaggi brevi, poco rischiosi, molto raramente un lancio lungo o un cross in area; in altre parole minimizzano le possibilità di sbagliare e perdere il pallone e il controllo della situazione. Quando questo accade, scatta una caccia frenetica ed immediata per la riconquista della palla, in qualsiasi zona del campo, anche nell’area avversaria. E’ questa la fase di giuoco in cui il Barcellona spende più energie: è cruciale togliersi prima possibile dallo stato che può dar luogo al gol avversario, ossia minimizzare il tempo in cui si sta in una condizione nella quale possono sorgere problemi, dolore, infelicità.

Senza timore d’esagerare, possiamo affermare che il Barcellona non ha bisogno della difesa, semplicemente perché non giuoca (quasi) mai in difesa: tutto il proprio modo di giuocare e di essere è volto ad evitare di dover difendere ossia ad evitare di soffrire e sopportare la fatica e i rischi di una situazione stressante.

cmbIn due parole dunque la filosofia del Barcellona è assai semplice, proprio come i messaggi di Cruijff: esistono circostanze che possono rendermi felice e altre che rischiano di condurmi all’infelicità; tutta la mia attenzione e le mie energie sono dedicate a creare e mantenermi nelle prime ed evitare le seconde. “La casualità è logica” è un altro aforisma di Cruijff. Ossia: è vero che nel football (più che nella vita) la sorte ha un ruolo fondamentale, ma io posso minimizzare le occasioni in cui la sorte può causarmi problemi e invece massimizzare quelle in cui può recarmi felicità. E’ vero che, nella vita, tanti eventi sono casuali, ma, ad esempio, se sono alla ricerca di un partner, è assai più probabile che lo incontri “casualmente” se partecipo ad attività varie, esco la sera, parlo con la gente, ecc. piuttosto che se sto chiuso in casa tutto il tempo.

Il Barcellona inoltre sceglie di giuocare sempre e comunque in questa maniera, contro qualsiasi avversario e in qualsiasi momento della partita, sia se sta vincendo 4-0 con l’ultima in classifica, sia se sta perdendo la finale di Champions League contro il Manchester United e mancano 5 minuti alla fine. Questo approccio tattico-psicologico significa dunque essere sempre se stessi in qualsiasi contesto e situazione.  Ciò dà una grande forza perché comunica agli altri e a se stessi una totale fiducia nei propri mezzi che si reputa giusti e utili, innanzitutto in quanto corrispondenti alla propria natura. Il Barcellona è se stesso, non deve passare per le sofferenze di diventarlo. E non sceglie di trasformarsi a seconda dell’interlocutore e le circostanze o di utilizzare strategie e comportamenti che si potrebbe non essere in grado di adottare in altri momenti e che potrebbero condurci su cammini che a noi non si confanno e dunque si allontanano dalla felicità.

L’atteggiamento opposto, in campo e nella vita, a quello del Barcellona è quello che, calcisticamente, è definito “giuoco all’italiana”. Ossia lasciare l’iniziativa agli altri, difendere e soffrire ad oltranza, attendendo e non costruendo le opportunità per far goal. Farsi gestire e non gestire, attendere invece di agire, modellarsi alle circostanze piuttosto che crearle. Nel football (molto più che nella vita), questa strategia può essere vincente e lo dimostrano i fatti. Tuttavia i rischi possono essere alti, nella vita più che nel football. Trascorrere molto tempo in situazioni di sofferenza, lasciarsi andare e dar spazio a circostanze e contesti potenzialmente forieri di dolore, può debilitare il nostro animo e farci perdere le capacità di costruirci le occasioni per essere felici e fare goal. Come diceva un altro guru, il monaco thailandese Ajahn Chah: “Le tendenze insane sono come gatti randagi. Se dai loro del cibo, continueranno a girarti intorno. Smetti di dar loro alimento e non dovrai più preoccuparti che tornino”.

Messi e Iniesta alzano la Coppa dei Campioni dopo la finale vinta contro il Manchester United nel 2009

Messi e Iniesta alzano la Coppa dei Campioni dopo la finale vinta contro il Manchester United nel 2009

Anche se questa strategia può apparire più rischiosa, perché ogni errore commesso in difesa può dar luogo ad un’occasione da goal per l’avversario, se ci pensiamo bene anche la filosofia del Barcellona contiene una dose di rischio. Quando infatti deve riconquistare il pallone, il Barcellona aggredisce gli avversari con tutti gli uomini possibili anche nella loro area, esponendosi al grosso rischio che essi riescano invece a mantenere il possesso della palla ed avanzare fino alla metà campo barcellonese che, a quel punto, si ritroverebbe pericolosamente sguarnita. Tuttavia questo è l’unico rischio che il Barcellona corre e, per scongiurarlo, come detto, impiega ogni energia possibile.

In altre parole, ciò che, semplicemente e logicamente, ci insegna il Barcellona è che ogni energia e attenzione deve essere dedicata a costruirci situazioni di potenziale felicità e ad evitare quelle che invece possono condurci al dolore, alla solitudine, ad abitudini insane che, giorno dopo giorno, ci incatenano e ci fanno perdere la capacità di essere brillanti e di essere pienamente noi stessi. E che vale la pena di fare lo sforzo di mantenere sempre l’iniziativa, prendere continuamente decisioni, pensare a come agire e poi agire, essere disciplinati e mettere la disciplina al servizio della creatività. Per gettarsi nella battaglia a testa alta e fare più goal possibili, ricordando l’ultimo precetto del guru Cruijff: “Puoi avere qualità, però devi essere un lottatore, investire il 100% di te stesso per raccogliere il 100% delle tue possibilità. Se non lo farai, non ce la farai. Quando è il momento della battaglia lottare, bisogna dare tutto.”

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Perché non lasci qualcosa di scritto?