Quarantaquattro gatti in fila per sei

2
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Ecco, se il titolo rappresentasse il testo di un problema anziché di una canzone, dovrebbe essere scritto così:
“Un bambino mette in fila 44 gatti a gruppi di 6…”

Qual è la regola che mi fa scrivere il numero in lettere nel titolo e in cifre nel testo del problema?

Bisogna ricordare che i numeri nel testo scritto diventano aggettivi numerali e come tali vanno trattati. Perciò è sempre richiesta la scrittura in lettere, tranne, oltre che nei calcoli matematici e nell’uso tecnico-scientifico, nei seguenti casi:

  • nelle date;
  • nelle misure di peso, lunghezza e capacità;
  • nel numero civico;
  • per evitare parole troppo lunghe.

Quindi, anche se, come diceva la mia maestra, vi trovate a scrivere nel quaderno a righe, scriverete che… il 20 giugno 2001 è nato vostro nipote, pesava 3,3 chilogrammi e misurava 52 centimetri e che avete ricevuto 467 biglietti di auguri e felicitazioni.

Per il resto saranno sempre e solo parole, come quando dite che siete in ritardo di almeno venti minuti, avete mille impegni e non riuscite mai a fare quattro passi con le vostre tre amiche!

Metti "Mi piace" alla nostra pagina Facebook e ricevi tutti gli aggiornamenti de L'Undici: clicca qui!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

Tag

Chi lo ha scritto

Lamaranga

Mi firmo Lamaranga, così mi chiamavano alle Medie, e appena arrivata a Ravenna così mi trovo a essere chiamata (nell’ambiente di lavoro) senza che avessi mai avuto il tempo di fare una simile confidenza. Da sempre inoltre quando uno sbaglia il mio nome mi chiama immancabilmente Monica, ma mia madre giura di non aver mai avuto l’intenzione di darmi questo nome. Sarà che l’inizio non fu uno dei migliori: il nome scelto da mia madre non piacque al prete che mi battezzava e lì per lì ne furono aggiunti altri due. Mettiamola così, ancora non credo di sapere chi veramente sono. Di certo scrivere però, mi aiuta a riconoscermi. “Dentro di noi c’è una cosa che non ha nome, e quella cosa è ciò che siamo”. (José Saramago-Cecità)  

2 commentiCosa ne è stato scritto

  1. kiki

    Io seguo sempre la regola che: da 10 in su, in cifre, da nove in giù (zero compreso) in lettere.
    Dottoressa, sono grave?

    Rispondi
  2. lawanda

    mi sa che ti ho in qualche modo contagiata…ahahahah
    anche tu a problem solving non scherzi mica!!!

    Rispondi

Perché non lasci qualcosa di scritto?